Nubifragio
6 Novembre Nov 2017 1523 06 novembre 2017

Maltempo, nubifragi e prime nevi investono l'Italia

Evacuati 200 bambini da una scuola di Empoli. Disagi a Reggio Calabria e nel Salernitano. Allagamenti e incidenti in diverse città. Primi fiocchi a Cortina.

  • ...

Un'ondata di maltempo ha investito l'Italia nella prima settimana di novembre, contrassegnata da temperature in picchiata e precipitazioni a abbondanti. A Reggio Calabria un violento nubifragio ha paralizzato per ore la città, provocando allagamenti e vari incidenti. In viale Europa, un'auto si è ribaltata a causa dell'asfalto reso viscido dalla pioggia e da detriti finiti sulla carreggiata: in via San Pietro un'altra auto è rimasta incastrata dentro un tombino, reso invisibile dall'allagamento della strada, scoperchiatosi per la forte pressione dell'acqua. La situazione più grave in piazza della Pace, zona sud della città, dove, proprio accanto allo stadio, si sono moltiplicati gli allagamenti nella zona bassa della piazza. Gli abitanti di alcuni condomini sono rimasti a lungo bloccati in casa, in attesa dell'intervento dei vigili del fuoco.

Evacuati 200 bambini da una scuola di Empoli

Duecento bambini della scuola primaria 'Carrucci' di Empoli (Firenze) hanno dovuto lasciare le aule a causa della pioggia che si era infiltrata all'interno. E' accaduto verso le 13.30 di oggi. Alcune stanze e la sala mensa dell'istituto scolastico sono state invase dall'acqua. Sono dovuti intervenire i vigili del fuoco assieme ai tecnici comunali. Comune e dirigenza scolastica valuteranno se ci siano le condizioni o meno per riprendere domani le lezioni. I piccoli sono stati ripresi dai propri genitori, avvertiti tempestivamente dalla segreteria scolastica.

Nel Salernitano automobilisti intrappolati

Oltre una trentina gli interventi dei vigili del fuoco nel Salernitano per trarre in salvo alcuni automobilisti rimasti bloccati nei sottopassi ferroviari allagati. Problemi di transitabilità si sono registrati nel corso della notte anche sul raccordo autostradale Avellino-Salerno con allagamenti delle carreggiate. Anche in costiera amalfitana si è verificato uno smottamento nel territorio di Positano.

Acqua alta a Venezia, la marea tocca i 126 centimetri

Ha toccato i 126 centimetri la punta massima di marea a Venezia, accompagnata dal fenomeno dell'acqua alta che ha interessato il 37% del suolo cittadino. Le stime della massima di marea nell'arco della giornata erano state portate dal centro maree del comune da 110 a 125 centimetri sul medio mare soprattutto per il perdurare di un forte vento di scirocco.

Rallentati i collegamenti tra Italia e Francia

Non migliore la situazione al Nord. Disagi, a causa del maltempo, sulle strade che collegano l'Italia e la Francia attraverso la provincia di Cuneo. Il tunnel di Tenda, sulla strada statale 20, che collega la val Vermenagna alla val Roja, è stato provvisoriamente chiuso al traffico in entrambe le direzioni a causa di un incidente tra mezzi pesanti accaduto sul lato francese. Situazione analoga sul colle della Maddalena, in valle Stura, dove un mezzo pesante si è bloccato di traverso sulla carreggiata.

Prime nevi a Cortina

Cortina si è risvegliata con uno strato di 50 centimetri di neve: i primi fiocchi di neve sono caduti nella notte, regalando un paesaggio imbiancato a tutti gli ospiti della regina delle Dolomiti. Il 25 novembre è prevista la prima apertura degli impianti sciistici. Le nevicate hanno riguardato un po' tutta l'area dolomitica veneta: a Misurina 60 centimetri di coltre fresca, 10 a Sappada, 42 sul passo del Falzarego, 48 a Falcade e 45 ad Alleghe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso