Moretti 2
10 Novembre Nov 2017 1354 10 novembre 2017

Molestie sessuali, Franco Moretti accusato da un'ex allieva

Il fratello del regista Nanni, professore emerito all'Università di Stanford, denunciato su Fb da un'ex studentessa: «Nel 1985 mi ha stuprata a Oakland». La replica: «Sesso consensuale».

  • ...

Franco Moretti, professore emerito di Letteratura all'Università di Stanford e fratello del regista Nanni, è stato accusato di molestie sessuali e stupro da Kimberly Latta, sua ex allieva a Berkeley nel 1985. Latta, domenica 5 novembre, ha scritto un post su Facebook in cui ha spiegato di essersi rivolta alle autorità di Stanford raccontando la violenza sessuale, che si sarebbe verificata a Berkeley quando Moretti era Visiting Professor nell'anno accademico 1984-1985. L'Università di Berkeley, in seguito, lo invitò a tornare nel 2002 come Visiting Beckman Professor. Ecco il testo integrale del post.

After many years of silence, and with a heavy but angry heart, I sent this email to the appropriate authorities at...

Geplaatst door Kimberly Latta op zondag 5 november 2017

Latta afferma di aver raccontato a suo tempo quanto accaduto all'Ufficio anti-discriminazioni e molestie dell'Università di Berkeley (Office for the Prevention of Harassment & Discrimination), ma che il funzionario responsabile, in quanto «amico del professore», l'avrebbe spinta a indicare solo le iniziali di Franco Moretti, senza sporgere denuncia. Dice anche di essere rimasta in silenzio per tutti questi anni perché Moretti avrebbe minacciato di «rovinare [la sua] carriera» se l'avesse accusato. Dopo essersi laureata, Latta ha lavorato come assistente presso l'Università di Pittsburgh e l'Università di Saint Louis, poi ha cambiato professione passando alla psicoterapia e alla scrittura.

IL PROFESSORE NON HA RILASCIATO DICHIARAZIONI. Al giornale studentesco Stanford Daily, che lo ha cercato per chiedergli la sua versione dei fatti, Moretti ha detto di non essere disponibile a rilasciare dichiarazioni. Mentre il portavoce dell'Università, EJ Miranda, ha fatto sapere che la notizia giunge «nuova» per l'ateneo e che l'amministrazione si è messa in contatto con Latta per chiedere ulteriori informazioni: «Certamente siamo preoccupati, stiamo esaminando la denuncia per valutare le eventuali azioni da intraprendere».

Nella sua denuncia, resa pubblica su Facebook, Latta ha indicato un oggetto eloquente: «Franco Moretti predatore sessuale». La donna ha raccontato le circostanze in cui sarebbe avvenuta la violenza: «Mi ha stuprata nel mio appartamento a Oakland. Spesso mi spingeva contro il muro nel suo ufficio, proprio accanto alla finestra che si affacciava sulla biblioteca. Mi alzava la camicetta e il reggiseno e mi baciava forzatamente, contro la mia volontà».

SOLO LE INIZIALI. Latta sostiene di aver raccontato le violenze all'Ufficio anti-discriminazioni e molestie dell'Università, «ma il responsabile, Frances Ferguson, era un suo amico e mi ha spinta a non fare denuncia. Ho insistito, ma mi ha convinta a lasciare solo le iniziali del professore nei suoi registri, nel caso in cui altre studentesse avessero riferito simili abusi».

LE PRESUNTE MINACCE DOPO LA VIOLENZA. La ragazza avrebbe poi detto a Moretti di aver parlato con Ferguson. E a quel punto il professore «ha minacciato di rovinare la mia carriera se lo avessi accusato, ha detto che aveva degli amici potenti, degli avvocati che avrebbero rovinato il mio nome. Sono rimasta in silenzio per tutti questi anni perché lavoravo all'Università. Ma ho raccontato ciò che è successo in privato a un certo numero di persone. Si tratta di ben noti professori di Storia e di Inglese che insegnano in altri atenei e che certamente possono confermare la mia storia. Mi sono decisa a raccontare tutto sull'onda del caso Weinstein e dell'hashtag #metoo, che mi ha incoraggiata».

LA VOLONTÀ DI ANDARE FINO IN FONDO. In chiusura, la volontà di andare fino in fondo: «Quest'uomo ha certamente aggredito molte altre donne nel corso della sua carriera, meravigliosamente riuscita. È giunto il momento che la verità su questo predatore sessuale venga a galla. Farò tutto ciò che è necessario per portarlo davanti alla giustizia».

La risposta di Moretti: «Con Latta solo sesso consensuale»

In congedo da Stanford, dove ha fondato il Literary Lab, Franco Moretti oggi vive a Ginevra con il figlio e la moglie, che lavora per l’Organizzazione mondiale della sanità. Sta scrivendo un nuovo libro, Teaching in America, bilancio in chiaroscuro sull’esperienza statunitense, mentre in Italia viene tradotto da Einaudi Il borghese.

MORETTI: «SONO TERRORIZZATO DALL'ACCUSA». In una mail inviata al magazine studentesco Stanford Politics, Franco Moretti ha dato la sua versione: «Ho incontrato Kimberly Latta durante la mia visita a Berkeley nel 1985; una sera siamo andati a cena insieme e poi siamo stati nel suo appartamento, dove abbiamo fatto sesso in maniera pienamente consensuale. Ho passato la notte lì, non l'ho stuprata e sono terrorizzato dall'accusa. Nelle settimane successive ci siamo visti occasionalmente, anche di sua iniziativa, e siamo rimasti in buoni rapporti fino alla fine del mio soggiorno a Berkeley».

UNA SECONDA EX ALLIEVA DENUNCIA UN ALTRO PROFESSORE. Dopo la denuncia di Latta, un'altra ex studentessa di Stanford ha accusato di molestie e stupro un professore di Letteratura americana oggi deceduto, Jay Fliegelman, morto del 2007. Seo-Young Chu, questo il nome della donna, ha detto che Stanford avrebbe sospeso il docente per due anni a seguito di un'indagine interna, ma poi gli avrebbe consentito di riprendere l'insegnamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso