Maltempo Neve
14 Novembre Nov 2017 2158 14 novembre 2017

Maltempo, migliaia di persone senza luce in Emilia e Toscana

Non sono ancora finiti i disagi dopo l'abbondante nevicata del 13 novembre. Almeno 15 utente tra Emilia-Romagna e Toscana sono ancora senza elettricità. E il presidente Rossi scrive all'Enel.

  • ...

La perturbazione che il 13 novembre si è abbattuta sul Nord Italia, con venti e nevicate più intense del previsto, ha messo in seria difficoltà alcuni Comuni dell'Appennino tosco-emiliano, con alcune zone del Bolognese particolarmente colpite, così come l'Alto Mugello. La neve, oltre un metro in montagna, e i tanti alberi caduti hanno isolato frazioni, ma soprattutto hanno tranciato linee elettriche, con black out durati diverse ore per migliaia di cittadini tra Emilia e Toscana.

15 MILA UTENZE SENZA ELETTRICITA'. L'Enel nel corso della giornata è intervenuta, ripristinando il servizio e dimezzando le utenze disalimentate, da circa 30mila a 15mila in Emilia, ma i disagi sono rimasti forti così come le lamentele della popolazione e in certi casi anche delle istituzioni. Il q4 il maltempo si è spostato poi più a Sud e decine di alberi sono stati abbattuti dal vento in Maremma, mentre la Protezione civile si sta attivando per limitare i danni in Abruzzo.

La pioggia, che in certe zone è diventata neve, non ha risparmiato la Sardegna e nel Nuorese le precipitazioni hanno causato la caduta di un grosso masso al centro della strada che da Marreri porta alla statale 131 che collega Cagliari a Sassari. E fortunatamente nessuno è rimasto ferito. Nel Bolognese sono stati Loiano, Monghidoro e Monzuno i Comuni più danneggiati, con le scuole chiuse su ordinanze dei sindaci e frazioni rimaste isolate per buona parte della giornata e per tutta la notte. Tra queste anche Pianaccio, paese natale di Enzo Biagi. Decine fin dall'alba gli interventi dei vigili del fuoco per risolvere i problemi e liberare le strade, per consentire il passaggio dei mezzi di soccorso. Difficoltà anche per i piccoli presidi ospedalieri appenninici, dove la fornitura è stata garantita da gruppi elettronici portati dai tecnici Enel e dalla protezione civile.

ROSSI SCRIVE ALL'ENEL: «IMPENSABILI I DISSERVIZI». A fine pomeriggio la società elettrica ha riferito che erano rimaste 15mila le persone senza elettricità nel Bolognese e 3.500 nel Reggiano, in particolare nel Comune di Toano. Sono scese a 1.500 in serata anche le utenze senza luce in Toscana, soprattutto nell'Alto Mugello e sulla montagna pistoiese, con ripercussioni che si sono registrate nella circolazione ferroviaria della linea Faentina. Il presidente della Regione Enrico Rossi ha annunciato l'intenzione di scrivere all'Enel «perché non va bene che qualche decina di centimetri di neve mettano all'agghiaccio 7 mila persone solo perché alcuni alberi cadono sulle linee elettriche». Ma la neve, abbondante, è caduta su alberi ancora ricchi di fogliame per il caldo dell'ultimo periodo ed è stato anche per questo che il peso non ha retto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso