Vettorel
24 Novembre Nov 2017 1554 24 novembre 2017

G20 Amburgo, ok alla scarcerazione dell'italiano arrestato

La Corte di Cassazione tedesca ha concesso la libertà a Fabio Vettorel, il 19enne fermato nel corso dei disordini del summit del 7-8 luglio. Cauzione da 10 mila euro.

  • ...

La Corte di cassazione tedesca ha concesso la libertà a Fabio Vettorel, il ragazzo italiano arrestato ad Amburgo nel corso dei disordini del G20, il 7 e 8 luglio 2017. I giudici hanno però posto due condizioni: il pagamento di una cauzione da 10 mila euro, che dovrà essere versata a nome del 18enne, e la nomina di una persona che abbia una procura ad Amburgo per il ragazzo. In questo modo la Cassazione ha respinto il ricorso della Corte d'Appello.

LA MADRE: «QUESTA VOLTA NON È APPELLABILE». «Adesso i tre gradi di giudizio sono stati d'accordo sul fatto che Fabio fosse scarcerato. Hanno deciso che la carcerazione preventiva non fosse più giusta. Bene! Un sollievo...», ha commentato la madre Jamila Baroni, «oggi l'ho sentito, gli ho detto della decisione, è stato contento. È la terza volta che gli dicono che esce, ma per fortuna questa non è più appellabile».

LA DENUNCIA DELLA FAMIGLIA: «ACCANIMENTO». La vicenda giudiziaria del ragazzo si era complicata negli ultimi mesi per l'ostinazione della Procura della città anseatica, che si è opposta ben due volte, nel giro di due giorni, alla decisione del giudice di accordargli la libertà provvisoria. Un botta e risposta fra autorità giudiziarie, che ha contribuito a indignare la famiglia, la quale ha denunciato un accanimento sul caso del giovanissimo italiano. Non sono soli: perfino Amnesty International è intervenuta, facendo un appello per il rilascio e contestando l'abuso del ricorso al carcere preventivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso