Dellutri
5 Dicembre Dic 2017 1446 05 dicembre 2017

Dell'Utri, la procura di Roma contraria alla scarcerazione

Le condizioni di salute dell'ex senatore, affetto da cardiopatia ischemica cronica e da un tumore alla prostata, sarebbero compatibili con la detenzione a Ribibbia. Ora la decisione spetta al Tribunale di Sorveglianza, che deve pronunciarsi entro cinque giorni.

  • ...

Il procuratore generale di Roma, Pietro Giordano, ha dato parere negativo in relazione alla richiesta di scarcerazione per motivi di salute avanzata dai difensori dell'ex senatore Marcello Dell'Utri. Ora la decisione spetta al Tribunale di Sorveglianza, che deve pronunciarsi entro cinque giorni.

SETTE ANNI DI PENA PER CONCORSO ESTERNO. Dell'Utri, 76 anni, affetto da cardiopatia ischemica cronica, sta scontando una pena di sette anni nel carcere di Ribibbia per concorso esterno in associazione mafiosa (leggi anche: Dell'Utri condannato per frode fiscale).

LA TESI DELLA PROCURA. Il procuratore generale ha detto no alla scarcerazione, facendo proprie le conclusioni dei periti del Tribunale che hanno sostenuto la compatibilità del regime carcerario con le condizioni di salute del cofondatore di Forza Italia. La cadiopatia sarebbe infatti stabile, mentre il tumore alla prostata emerso dopo analisi recenti sarebbe operabile.

E QUELLA DELLA DIFESA. Di diverso avviso i consulenti nominati dalla difesa, che invece si sono espressi per l'incompatibilità. I consultenti, nella loro relazione, hanno indicato anche cinque strutture - tre a Milano e due a Roma - dove Dell'Utri potrebbe essere trasferito in regime di arresti ospedalieri.

L'EX SENATORE: «NON CE LA FACCIO PIÙ». «Non ce la faccio più, mi sento provato e stanco», ha detto l'ex senatore nei giorni scorsi ai suoi legali, gli avvocati Alessandro De Federicis e Simona Filippi. Al termine dell'udienza durata circa due ore, i legali hanno affermato che una decisione contraria da parte dei giudici «potrebbe avere ripercussioni psicologiche gravi sul detenuto, che sta affrontando una pena faticosa alla luce delle gravi condizioni di salute in cui versa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso