Viewpointstrategy
11 Gennaio Gen 2018 1648 11 gennaio 2018

Chaoqui lancia un'agenzia di comunicazione

La donna che fece tremare le mura del Vaticano ha un'agenzia di nome Viewpointstrategy che sarà impegnata sin dalle prossime elezioni politiche. 

  • Giovanna Predoni
  • ...

Gli scandali in Vaticano sono ormai alle spalle, un ricordo lontano. Per Francesca Chaoqui c'è ormai una nuova vita. Quella di spin doctor per la comunicazione. A cominciare dalle prossime elezioni politiche. È una storia nata 365 giorni fa. L'anno scorso in viaggio di lavoro nel Myanmar vide al centro del lago Inle un cartello su una secca con sopra la scritta "Viewpoint". Fu in quel momento che decise che, se avesse creato l'agenzia che da tempo sognava di creare, l'avrebbe chiamata nello stesso modo, aggiungendoci "Strategy" per evidenziare quello che sarebbe stato il core business della sua attività. E oggi, ad appena un anno da quando la sua visione è diventata realtà, Viewpointstrategy conta già alcuni importanti obiettivi raggiunti, come l'organizzazione di grandi eventi quali la XXI Edizione del Premio Internazionale Apoxiomeno, svoltasi con successo lo scorso novembre a Firenze, e l'acquisizione di clienti di prestigio nel mondo aziendale, professionale e politico.

Lo staff di Viewpointstrategy.

Comunicazione e pubbliche relazioni, consulenza strategica e formazione: queste le tre grandi aree di attività dell'agenzia, all'interno delle quali si collocano numerosi servizi studiati su misura per grandi aziende e manager, enti locali, organizzazioni politiche e Pubblica amministrazione. A Tommaso Farina è stata sin dall’inizio affidata la direzione del Business development, della Comunicazione strategica e delle Relazioni pubbliche, mentre Giuseppe Galati ha assunto il ruolo di responsabile dell'ufficio Project management e Marina Presciutti la guida dell'Ufficio stampa. Al team di lavoro si è aggiunto quest’anno Pasquale Laporta, esperto Digital strategist che si occuperà della gestione digital e social di Viewpointstrategy, anche in vista dell'imminente campagna elettorale e del supporto ai candidati. Per i politici che affideranno all’agenzia la cura dell’immagine online, l'agenzia mutuerà dalle elezioni americane l’uso strategico dei social e l’ascolto delle opinioni della rete attraverso strumenti di Big data analysis.

Comunicazione e pubbliche relazioni, consulenza strategica e formazione: queste le tre aree di attività dell'agenzia

Ma l'azienda della Chaouqui vanta anche collaborazioni con apprezzati professionisti dell'immagine: Jurek Kralkowski, fotografo e ideatore di servizi foto-giornalistici che con la sua agenzia, Fotofarm.it, affianca Viewpointstrategy per la creazione di campagne di immagine e Mimmo Vicino, talento della grafica e del design, che cura la parte visual dell'area Comunicazione. Altri esperti seguono, invece, i settori dell'organizzazione di eventi, della formazione e della sicurezza informatica. Direttamente il prima linea nelle sue competenze specifiche, maturate presso prestigiose realtà quali lo Studio Orrick, Ernst &Young e la commissione pontificia Cosea, Francesca Chaouqui, che è ceo & founder di Viewpointstrategy, cura le relazioni istituzionali e il lobbying, altra area strategica dell'agenzia.

Francesca Chaoqui.

Gli obiettivi per l'anno appena iniziato sono tanti, primo fra tutti il supporto ai candidati alle prossime elezioni politiche. In programma c'è anche la nuova edizione del Premio Apoxiomeno, il riconoscimento creato dal colonnello Orazio Anania che premia i personaggi che si sono distinti nel mondo dello spettacolo, della cultura e dello sport per aver contribuito a promuovere il lavoro svolto dalle Forze dell'ordine a livello internazionale, che nel 2018 si svolgerà a Roma. Una sorpresa riguarderà invece il mondo della disabilità, con un evento di grande impatto sociale e sportivo che sarà il primo nel suo genere. E, infine, continua l’impegno per i detenuti e il loro reinserimento nel mondo lavorativo già avviato l’anno scorso con importanti iniziative quali il convegno #ilcuoreelesbarre e un progetto per il potenziamento delle misure alternative alla detenzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso