Astori
4 Marzo Mar 2018 1156 04 marzo 2018

Morto Davide Astori, capitano della Fiorentina

Il difensore della Viola è deceduto per un arresto cardiocircolatorio in un albergo di Udine. Il calciatore si trovava in ritiro con il resto della squadra. La serie A si ferma in segno di lutto.

  • ...

Il capitano della Fiorentina Davide Astori è morto in nottata a causa di un arresto cardiocircolatorio. Secondo una prima ricostruzione, il giocatore era nell'albergo 'Là di Moret' di Udine in ritiro con la squadra e sarebbe deceduto nel sonno. Astori, che era cresciuto nel vivaio del Milan, nella sua carriera ha vestito anche le maglie del Cagliari (2008-14), della Roma (2014-15) e in ultima proprio della Fiorentina. Arrivato in viola nel 2015, ha collezionato 88 presenze e tre gol. In Nazionale è stato convocato, dal 2014 al 2017, 14 volte segnando anche una rete.

IL GIOCATORE ERA SOLO. A ritrovare il corpo ormai privo di vita di Astori sarebbe stato un massaggiatore della squadra. Il capitano della Fiorentina dormiva infatti in camera da solo
nell'albergo Là di Moret di Udine. Il ragazzo non era comunque l'unico ad avere una camera singola: i giocatori erano soliti dormire da soli o in coppia durante i ritiri. L'ultimo a incontrarlo nella tarda serata di sabato - circa le 23.30 - era stato il compagno Marco Sportiello.

IL RITROVAMENTO. «Il ragazzo non si è presentato alla colazione della squadra alle 9.30, di solito lui era quello che si presentava per primo così sono andati a controllare. Davide dormiva da solo. Il magistrato è venuto qui e ora il corpo è stato portato in ospedale per l’autopsia», questo il commento dell'ufficio stampa della Fiorentina che ha provato a fare un po' di chiarezza sul ritrovamento del corpo privo di vita di Astori.

PRESUNTA MORTE NATURALE. «L'idea è che il giocatore sia deceduto per un arresto cardiocircolatorio per cause naturali anche se è strano che succeda una cosa del genere a un professionista così monitorato senza segni premonitori», ha spiegato il Procuratore capo di Udine Antonio De Nicolo in merito al decesso di Davide Astori.

VOLEVA CHIUDERE LA CARRIERA IN VIOLA. «Era da quattro anni qui, doveva rinnovare il contratto lunedì, pensate, per un problema di neve avevamo posticipato il rinnovo e la sua gioia di finire la carriera qui a Firenze, perché avrebbe finito qui...», ha spiegato un provato Andrea Della Valle, presidente della Fiorentina. «Ho avuto l'occasione di fare una chiacchierata con lui prima della partita di Bologna, una mezzoretta la sera prima della partita: era riuscito a raccontarmi i ragazzi nuovi, mi spiegava lui il progetto: sembrava lui l'allenatore, sembrava lui il direttore sportivo. Era un vero capitano, è stato il primo a credere in questa ripartenza», ha aggiunto.

SI FERMA LA SERIE A. Prima il rinvio di Udinese Fiorentina, poi quello di Genoa-Cagliari. Infine la sospensione ufficiale dell'intera 27esima giornata di serie A in programma per domenica 4 marzo. Non si giocherà in segno di lutto per la morte di Davide Astori. Il rinvio è stato deciso dal commissario della Lega di serie A, Giovanni Malagò.

SOCIETÀ SOTTO CHOC. «La Fiorentina profondamente sconvolta si trova costretta a comunicare che e' scomparso il suo capitano Davide Astori, colto da malore. Per la terribile e delicata situazione, e soprattutto per rispetto della sua famiglia si fa appello alla sensibilità degli addetti ai lavori», questo il comunicato che la società dei Della Valle ha pubblciato sul proprio sito ufficiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso