Cade elicottero Marina, salvi 5 a bordo
6 Aprile Apr 2018 0810 06 aprile 2018

Elicottero della Marina precipita in mare: un morto

Un velivolo impegnato nell'operazione Mare sicuro è caduto nel Mediterraneo centrale provocando la morte di uno specialista di volo. Salvi gli altri quattro membri dell'equipaggio già trasportati su Nave Borsini.

  • ...

Un elicottero della Marina militare impegnato nell'operazione Mare sicuro è caduto in mare, nel Mediterraneo centrale, durante un'esercitazione notturna tra il 5 e 6 aprile. Uno dei mebri dell'equipaggio è morto nello schianto mentre gli altri quattro sono in buone condizioni. L'elicottero, ha riferito la Difesa, era imbarcato su nave Borsini.

COINVOLTO UN SH 212. Durante una 'attività addestrativa notturna programmata è caduto in mare, per cause ancora sconosciute. Le attività di soccorso per il recupero dell'equipaggio 'sono scattate con immediatezza, ha sottolineato ancora lo Stato maggiore della Difesa. «Nella tarda serata di ieri (il 5 aprile N.d.r.)», si legge in una nota della Marina, un elicottero SH 212 di Nave Borsini, del dispositivo Mare Sicuro in Mediterraneo centrale, è caduto in mare in prossimità dell'unita per cause in corso di accertamento».

MORTO LO SPECIALISTA DI VOLO. «Tutti e cinque gli occupanti del mezzo sono stati prontamente recuperati dai mezzi della nave. Quattro di loro sono in buone condizioni, mentre lo specialista di volo, C1^cl. Andrea Fazio, recuperato in stato di incoscienza, è deceduto a bordo di Nave Borsini nel corso delle operazioni di rianimazione».

ALTRE UNITA' SUL LUOGO DELL'INCIDENTE. «I famigliari del militare, effettivo presso il secondo Gruppo Elicotteri di Stanza a Catania sono stati avvertiti e vengono assistiti da personale specializzato per il supporto psicologico e spirituale», ha scritto ancora la Difesa che ha poi spiegato come «altre unità della Marina Militare sono accorse in assistenza a Nave Borsini nella zona dell'ammaraggio».

INCIDENTE DURANTE L'APPONTAGGIO. Secondo una prima ricostruzione dello Stato maggiore della Marina l'elicottero è caduto in mare a breve distanza da nave Borsini, «in fase di appontaggio notturno a termine di una missione addestrativa programmata». La missione era in assetto 'Night Vision Googles', vale a dire con l'utilizzo di visori notturni, e vi partecipavano anche due tiratori scelti della Brigata Marina San Marco.

IL CAPO DI PRIMA CLASSE ESTRATTO DAI SUB. Appena ammarato, l'elicottero si è rovesciato su un fianco; i due piloti e i due fucilieri della Brigata San Marco sono riusciti ad uscire dall'elicottero mentre il capo di prima Classe Andrea Fazio è stato recuperato ancora dentro l'abitacolo dagli operatori subacquei di nave Borsini subito intervenuti. I due piloti e i due fucilieri di Marina sono «in buone condizioni ma sotto choc e vengono seguiti dai sanitari della nave».

NAVE BORSINI DIRETTA VERSO IL PORTO DI AUGUSTA. Alle prime luci dell'alba, hanno sottolineato dalla Marina, si è perso il contatto visivo con l'elicottero e con i galleggianti a cui era stato assicurato. Il velivolo, dunque, potrebbe essersi inabissato anche e causa delle cattive condizioni meteo. Sul luogo dell'incidente sono giunte altre navi della Marina Militare mentre Nave Borsini ha fatto rotta per il porto di Augusta. «Sono in corso indagini per determinare le cause dell'incidente», hanno aggiunto le Forze armate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso