Maratona Berlino
8 Aprile Apr 2018 1703 08 aprile 2018

Berlino, sventato attentato alla mezza maratona

I sei fermati volevano attaccare i partecipanti all'evento con coltelli. Uno degli uomini era sotto stretta sorveglianza della polizia tedesca. Non si escludono legami con Anis Amri, l’attentatore islamico responsabile dell’attacco al mercatino di Natale di Berlino nel dicembre 2016.

  • ...

Volevano fare un attentato alla mezza maratona di Berlino i sei uomini fermati dalla polizia tedesca con l'accusa di pianificare un attacco con coltelli. Uno dei sei era tenuto sotto sorveglianza dalla polizia ormai da diverso tempo come scrive il tabloid Bild.

PERQUISIZIONI NELLE ABITAZIONI. La casa di uno dei sospettati è stata perquisita nella mattinata di domenica 8 aprile con dei cani anticrimine addestrati per scoprire la presenza di esplosivi. «Faremmo ulteriori verifiche ma c'era poco margine di tempo e dovevamo agire con tempestività», ha invece detto un'autorità della polizia berlinese al quotidiano Die Welt. Secondo una prima ricostruzione i sei fermati potrebbero essere collegati agli ambienti di Anis Amri, l'autore dell'attentato del mercatino di Natale di Berlino del 2016.

A quanto spiegato dalla polizia i fermati volevano vendicare la morte di Amri, ucciso dalla polizia in Italia dopo l'attentato a Berlino e una fuga durata alcuni giorni attraverso l'Europa. Uno degli appartamenti perquisiti dagli inquirenti era stato già controllato dalla polizia dopo l'attacco ai mercatini di Natale del 2016.

MASSIMA ALLERTA. Da tempo gli occhi dell'intelligence tedesca erano quindi puntati tanto su uno dei fermati quanto sulla manifestazione che, complice anche il bel tempo, ha visto la partecipazione di circa 32 mila persone. Anche per questo le fonti delle forze dell'ordine precisano che non vi è mai stato un reale rischio di sicurezza alla mezza maratona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso