Caldo anomalo in Gb, è record aprile
3 Maggio Mag 2018 1116 03 maggio 2018

Clima, aprile è stato il mese più caldo degli ultimi 40 anni

Secondo i dati del Centro Epson Meteo è stata registrata un'anomalia termica di +2,8 gradi battendo il record del 2007. Forte inversione rispetto al freddo e piovoso marzo.

  • ...

Il mese che si è appena chiuso è stato per l'Italia il più caldo aprile degli ultimi 40 anni. I dati sono stati analizzati e diffusi dal Centro Epson Meteo-Meteo.it, precisando che è stata registrata un'anomalia termica di +2,8 gradi, battendo il record dell'aprile 2007 quando vennero registrati +2,7 gradi. «Il 2007», ha spiegato Simone Abelli, meteorologo del Centro Epson Meteo, «resta in testa solo per quello che riguarda le temperature massime, +3,4 gradi rispetto ai +3,1 di quest'anno».

CALDO DOPO UN MARZO PIOVOSO. Se il mese di marzo, più freddo e piovoso della media, ci aveva dato un'ottima notizia dopo diversi mesi di siccità e di caldo anomalo, ha spiegato anche il Centro Epson Meteo, «aprile ha di nuovo invertito la tendenza, scalzando quello del 2007 dal gradino più alto dei mesi di aprile più caldi degli ultimi 40 anni. Quello del 2018 è stato, infatti, un aprile record per le temperature, ben al di sopra della norma a livello nazionale». L'arrivo di una forte alta pressione con una massa d'aria molto calda sull'Italia, ha fatto chiudere il mese in negativo per quanto riguarda le piogge (anomalia del -39%).

DA GENNAIO TEMPERATURE PIU' ALTE DELLA MEDIA. Ad aprile le piogge, continuano i meteorologi del Centro Epson Meteo, si sono concentrate nella prima metà del mese e hanno interessato soprattutto il Centro-Nord e la Sardegna. Da gennaio ad oggi le temperature sono rimaste mediamente più alte della norma con una differenza che, dopo la graduale attenuazione degli ultimi due mesi, con il mese di aprile si è alzata a +1 gradi. Per quanto riguarda le piogge, da inizio anno l'anomalia resta positiva con un surplus rispetto alla media del +25%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso