CULTURA 31 Maggio Mag 2014 0800 31 maggio 2014

Libri novità 2014: da «La piramide di fango» a «Morgan»

In libreria: Camilleri torna con un'indagine del suo commissario più famoso.

  • ...

Il 23esimo romanzo della serie di Montalbano, il primo di una trilogia finlandese che si iscrive nel filone del thriller scandinavo. Storie di amori contrastati e di delusioni politiche. E il ritratto di un artista decisamente sopra le righe.
Da Andrea Camilleri a Morgan, ecco i libri segnalati da Lettera43.it per il weekend del 31 maggio e primo giugno.

In viaggio con Bianca

La vita in periferia può essere difficile. Soprattutto se sei un ragazzo di 18 anni con due enormi baffi che ti sono valsi il soprannome di Stalin.
È lui il protagonista della storia, un giovane con grossi problemi di gestione della rabbia, amante del cinema, confinato in un quartiere grigio dove non c'è niente da fare. Passa il suo tempo con Jean, un vecchio depresso che lo sfrutta, approfittando di lui. L'unica cosa bella che c'è nella sua vita è Bianca, una ragazza cieca per cui nutre un grande amore platonico.
Un giorno Stalin litiga con il patrigno, e ancora una volta si lascia trascinare dall'impeto della rabbia. Lo malmena e poi scappa di casa. Portando Bianca con sé, in giro per l'Italia, per un viaggio che permetterà a entrambi di crescere e trovare se stessi in un Paese in crisi d'identità.
Stalin + Bianca è un romanzo di formazione e di sentimenti sinceri, ma anche una critica all'indifferenza società contemporanea.
Iacopo Barison, Stalin + Bianca, Tunué Romanzi, 176 pagine, 9,90 euro.

Il fallimento della Seconda Repubblica

Ritrovarsi 20 anni dopo, a pensare che forse si stava meglio prima. Non è il massimo, soprattutto se il prima in questione è una stagione politica iniziata sulle macerie della Seconda Guerra mondiale e conclusasi nel peggiore dei modi: con Tangentopoli.
Ma la Seconda Repubblica è stata una grande delusione. Tutte le aspettative di cambiamento sono state bruciate. Il bipolarismo si è trasformato in una guerra tra due fazioni opposte e tese più alla delegittimazione dell'avversario che alla proposta programmatica. Il malaffare non è morto, anzi, ha trovato nuova linfa nei recenti scandali che hanno dimostrato come i legami con la politica non siano mai stati sciolti.
L'Italia è rimasta schiava della burocrazia, il federalismo non ha fatto che ingrossare la macchina della pubblica amministrazione. E la modernità rimane una chimera.
Il quadro dipinto da Paolo Posteraro in Povera Italia non è certo dei più ottimisti. Anzi. Ma è dagli errori che si può costruire un futuro migliore.
Paolo Posteraro, Povera Italia. Da Craxi a Renzi: i peggiori anni della nostra vita, Newton Compton, 350 pagine, 9,90euro.

Un mistero nel fango per Montalbano

Un uomo morto in un cantiere. Mezzo nudo, colpito alle spalle di un proiettile. Il cadavere di Giugiù Nicotra è il punto di partenza dell'ultima indagine di Salvo Montalbano, l'investigatore più famoso d'Italia, partorito dalla penna di Andrea Camilleri.
A Vigàta sono giorni di pioggia intensa e inarrestabile, uno di quei periodi in cui l'acqua non sembra voler smettere di scendere dal cielo e mischiarsi alla terra, rendendola viscido fango.
Giugiù Nicotra è stato ucciso mentre cercava riparo in una galleria formata da grossi tubi per la costruzione delle condotte dell'acqua. Un omicidio misterioso.
Tra tentativi di depistaggi e indizi che divengono man mano più chiari, Montalbano si addentra nel mondo torbido e fangoso dei cantieri e degli appalti pubblici assegnati irregolarmente. Ma l'intuito e la capacità di osservazione dell'investigatore faranno ancora una volta la differenza nella strada che porta alla verità.
Andrea Camilleri, La piramide di fango, Sellerio Editore, 261 pagine, 14 euro.

Ursula che non moriva mai

«Pochi istanti dopo essere venuta al mondo, il mio cuore ha smesso di battere. A quattro anni, sono annegata nell’oceano. A cinque anni, sono scivolata da un tetto coperto di ghiaccio. A otto anni, ho preso l’influenza spagnola. Quattro volte. A 22 anni, mio marito mi ha spinto con violenza contro un tavolino, uccidendomi. A 30 anni sono morta durante un bombardamento tedesco su Londra. E su di me cadevano le tenebre. Ma ho sempre avuto un’altra possibilità». Arriva in Italia dopo una serie di recensioni da capogiro all'estero.
New York Times, Guardian e Time l'hanno definito il miglior romanzo dell'anno. Perché Vita dopo vita è un libro spiazzante, che reinventa completamente le regole della scrittura e della narrativa.
Ursula Todd nasce in Inghilterra nel 1910, ma ha il cordone ombelicale stretto attorno al collo e muore. O forse no. Forse Ursula riesce, da quella prima per molte altre volte, a beffare la morte, a cambiare il proprio destino. Ogni volta che gli occhi le si stanno chiudendo per sempre, riesce a tornare nel passato e a salvarsi. Tra il romanzo storico, quello di formazione e quello di fantascienza, è un libro particolarissimo. Difficile raccontarlo senza svelarne troppo: bisogna leggerlo.
Kate Atkinson, Vita dopo vita, Editrice Nord, 536 pagine, 18,60 euro.

Lumikki, una Biancaneve noir

La pelle bianca come la neve, le labbra rosse come il sangue, i capelli neri come l'ebano. La nuova eroina del thriller scandinavo è finlandese, e si chiama Lumikki, Biancaneve. Ma della principessa delle fiabe di cui porta il nome non ha molto.
Lei è una studentessa d'arte, ama quello che fa, e spesso passa ore da sola dentro i musei. Ha imparato presto a non fidarsi e a difendersi dagli altri. Una mattina, nella camera oscura della scuola, trova una serie di banconote sporche di sangue stese ad asciugare, e si ritrova trascinata in una vicenda fatta di misteri e delitti. Suo malgrado si ritrova protagonista di inseguimenti, fughe, omicidi, scambi di persone. Finisce in un vortice che ha il suo centro nella criminalità organizzata e nel traffico di droga. E nel gelido inverno di Tampere è costretta a trovare la soluzione dell'enigma per sfuggire al pericolo che la circonda.
Pur essendo molto diversa, Lumikki può diventare la nuova Lisbeth Salander. E la trilogia di Salla Simukka ripercorrere le orme del successo di Millennium.
Salla Simukka, Rosso il sangue. Trilogia di Biancaneve, Mondadori, 260 pagine, 17 euro.

L'enigma Morgan

Fondatore dei Bluvertigo e giudice di X Factor. Uomo di musica e di televisione. Autore di testi pieni di poesia e di atteggiamenti spesso sopra le righe. Morgan, al secolo Marco Castoldi, è tutto questo. Nel bene e nel male uno dei più grandi personaggi sfornati dagli ultimi 20 anni di pop italiano.
Amante della musica, da quella classica a quella rock, dei libri e delle citazioni colte alla Battiato, istrione al centro delle pagine di gossip per i suoi amori contrastati e i suoi vizi. Fresco di debutto in teatro con lo spettacolo Arancia Meccanica.
Artista a tutto tondo per molti, per altri solo un truffatore capace di vendere la propria immagine al di là dei suoi meriti. Ma da 20 anni, in gruppo o da solo, Morgan è sulla breccia, continua a essere un protagonista dello show business, e a far parlare di sé. Un vero enigma dietro al quale si cela un uomo con le sue passioni, i suoi sentimenti, i suoi amori.
Federico Scoppio, Morgan, Gargoyle, 163 pagine, 18 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso