Jolie 140709104453
LO SCOOP 9 Luglio Lug 2014 1043 09 luglio 2014

Angelina Jolie, un video sul suo passato da tossicodipendente

Un filmato del 1999 la riprende drogata ed emaciata.

  • ...

I media americani hanno ripescato nel passato di Angelina Jolie un video inedito che la ritrae in stato di evidente alterazione da sostanze stupefacenti.
Franklin Meyer, spacciatore che per anni ha fornito droghe di ogni tipo all'attrice, ha dato in esclusiva il filmato di 16 minuti al tabloid americano National Enquirer che l'ha sbattuto subito in prima pagina, provocando polemiche e l'ira della diretta interessata.
Le riprese la mostrano la 20enne a fine Anni 90, nella sua stanza d'albergo all'Ansonia Hotel dell'Upper West Side, mentre parla al telefono alla ricerca di droga.
Il passato di tossicodipendenza della Jolie non è cosa nuova.
Ne parlò il suo biografo, Andrew Morton, nel 2010, citando a più riprese il video di Franklin Meyer.
La stessa attrice raccontò l'esperienza nel 2011 in un'intervista televisiva: «Ho passato dei tempi molto duri e oscuri, ma sono sopravvissuta. Per molte ragioni non dovrei essere qui ora».

Un video rimasto fino a questo momento inedito ha riportato indietro Angelina Jolie di 20 anni, quando la star ora produttrice e ambasciatrice dell'Unhcr faceva uso di droghe. E stava attraversando, come lei stessa ha raccontato più volte, «il periodo più buio della mia vita».
LO SCOOP DEL NATIONAL ENQUIRER. Nel video pubblicato dal National Enquirer, si vede Jolie mentre parla al telefono e si aggira con lo sguardo perso nel vuoto in una stanza dell'Ansonia hotel dell'Upper East side di New York . A girarlo è stato Franklin Meyer, ex spacciatore della signora Pitt.
«Quel giorno la Jolie mi aveva chiamato perché aveva bisogno della sua dose di eroina e cocaina», ha spiegato il pusher. «Avevo appena comprato una telecamera e ho deciso di portarla con me. A un certo punto ha ricevuto una telefonata. Ho continuato a filmare. Sono stato per anni il suo spacciatore. La rifornivo due o tre volte la settimana quando era in città».

Correlati

Potresti esserti perso