Buono 140716181520
CULTURA 17 Luglio Lug 2014 0600 17 luglio 2014

Film novità 2014, da «Transformers 4» a «Maicol Jecson»

Al cinema il quarto capitolo della saga diretto da Michael Bay.

  • ...

Dopo molta attesa, nelle sale arriva il campione d'incassi indiscusso negli Stati Uniti delle prime settimane d'estate: Transformers 4: L'era dell'estinzione. Il nuovo capitolo della saga cinematografica che porta sul grande schermo i personaggi creati dalla Hasbro può contare ancora una volta sulla spettacolare regia di Michael Bay ed effetti speciali di grande impatto visivo. Il cambio del cast, l'approccio più famigliare e nuove creature che lasciano il segno danno vita a una formula di sicuro successo che regala puro intrattenimento da apparezzare senza troppo impegno.
A provare a fare concorrenza al blockbuster solo altri tre nuovi titoli. La prima proposta è la parte finale della Trilogia del dollaro diretta da Sergio Leone, che si conclude con Il buono, il brutto, il cattivo per la gioia di tutti gli amanti del genere spaghetti western e del cinema di qualità.
I MONTY PYTHON LIVE. Hanno fatto la storia anche i Monty Python e la loro reunion sul palco dell'O2 Arena è pronta a essere trasmessa nei cinema per far felici i fan di tutto il mondo che non sono riusciti ad aggiudicarsi un ambito biglietto per lo spettacolo.
Il cinema made in Italy prova a cercare nuove strade e stili e uno degli esempi di questo tentativo è Maicol Jecson: un lungometraggio che unisce racconto di formazione e road movie, con un'attenzione particolare per il rapporto tra anziani e giovanissimi, argomento trattato con attenzione ed emozioni.

Il buono, il brutto, il cattivo, l'ultimo capitolo della Trilogia

La Trilogia del dollaro di Sergio Leone torna ancora una volta al cinema con Il buono, il brutto, il cattivo.
Il film, animato da ironia e ambizione, riporta nuovamente in primo piano le tematiche del denaro, della violenza, della vendetta e dell'avidità.
La storia si svolge nel 1862. In un villaggio del Nuovo Messico, il bandito Tuco Benedicto Pacifico Juan Maria Ramirez (Eli Wallach), detto il Brutto, in uno scontro uccide due dei tre uomini che erano sulle sue tracce, lasciando l'ultimo gravemente ferito a un braccio.
In una fattoria si presenta alla porta il sicario conosciuto come Sentenza (Lee Van Cleef), ovvero il Cattivo, a cui è stato affidato il compito di uccidere il soldato confederato Jackson. Il padrone di casa gli parla di una cassa contenente 200 mila dollari e gli offre il doppio di quanto gli sia stato promesso per ucciderlo.
Tuco viene trovato da tre cacciatori di taglie, che vengono però uccisi da Joe 'il Biondo' (Clint Eastwood), chiamato il Buono. Nonostante consegni il Brutto allo sceriffo, gli uomini hanno un piano ben preciso che darà il via a una lunga sequenza di eventi sanguinosi che coinvolgono anche l'esercito sudista e quello nordista.
LA COLONNA SONORA DI MORRICONE. Il capitolo più ambizioso e dispendioso della Trilogia, unendo anche elementi storici come la Guerra di Secessione, fa emergere nuove tematiche, tra cui anche le idee di Leone sulla guerra, e rappresenta una nuova collaborazione del regista con l'attore Clint Eastwood, ancora più iconico nella sua interpretazione influenzata dai protagonisti delle opere classiche di autori latini.
Il buono, il brutto, il cattivo, anche grazie alla colonna sonora di Ennio Morricone, è uno degli spaghetti western più conosciuti e amati e rappresenta, anche a distanza di quasi 40 anni dalla sua realizzazione, una visione imperdibile per ogni amante del genere cinematografico. Cult.

Regia: Sergio Leone; genere: western (Italia, 1966); attori: Clint Eastwood, Lee Van Cleef, Eli Wallach, Aldo Giuffrè, Mario Brega, Luigi Pistilli.

Maicol Jecson, tra road movie e racconto di formazione

Il progetto diretto da Francesco Calabrese ed Enrico Audenino si ispira, nella sua creazione, chiaramente al modello di cinema indipendente americano e unisce elementi di road movie a un racconto atipico di formazione che vede coinvolte diverse generazioni, ed è animato da un'atmosfera ironica e irriverente con espliciti legami al mondo dei video musicali.
Nell'estate del 2009 il 15enne Andrea (Vittorio Gianotti) e il fratellino Tommaso (Tommaso Maria Neri), grande appassionato di Michael Jackson, dovrebbero partire per il campo estivo ma il teenager ha un appuntamento con la ragazza dei suoi sogni con cui spera di perdere la verginità sfruttando la casa lasciata vuota dai genitori, partiti per le vacanze. Andrea cerca quindi di liberarsi del fratello e si imbatte nell'anziano Cesare (Remo Girone) che, affetto da demenza senile, crede di essere il loro nonno.
IL RAPPORTO TRA GENERAZIONI DIVERSE. La sceneggiatura ricca di personaggi sopra le righe, ma credibili, la svolta del percorso compiuto non solo interiormente, e la figura di Michael Jackson, la cui morte diventerà un momento traumatico e di inevitabile cambiamento per i protagonisti, sostengono Maicol Jecson con leggerezza e freschezza. Pur avendo qualche difficoltà ad allontanarsi dall'approccio televisivo e soffrendo un po' nella sua scorrevolezza a causa dell'eccessiva attenzione per gli aspetti visivi, il lungometraggio riesce a mostrare con calore e gentilezza il rapporto tra generazioni diverse, anche grazie all'interpretazione a tratti quasi commovente di Remo Girone, rappresentando un prodotto interessante all'interno del panorama cinematografico made in Italy. Cortese.

Regia: Francesco Calabrese, Enrico Audenino; genere: commedia (Italia, 2014); attori: Remo Girone, Tommaso Neri, Vittorio Gianotti, Stefania Casini.

Monty Python Live (più o meno), la reunion 30 anni dopo

Il 20 luglio, per la gioia dei tanti fan di tutto il mondo, è possibile assistere nei cinema allo spettacolo teatrale Monty Python Live (più o meno) che segna il ritorno in scena di John Cleese, Terry Gilliam, Eric Idle, Terry Jones e Michael Palin a distanza di oltre 30 anni dalla loro ultima performance.
La morte di Graham Chapman, avvenuta nel 1989, purtroppo non permette di rivedere l'intero gruppo di comici ma l'entusiasmo per il progetto rimane altissimo.
UNA CORNICE SPETTACOLARE. I Monty Python sono da sempre tra i comici più amati e brillanti di sempre e hanno saputo innovare un genere e influenzare il pubblico e generazioni di artisti.
La ripresa cinematografica in diretta della reunion è ambientata nella spettacolare cornice della O2 Arena di Londra e lo spettacolo e farà ridere il suo pubblico grazie a nuovi sketch e battute, ispirate alla contemporaneità. Imperdibile.

Regia: Aubrey Powell; genere: comico (Regno Unito, 2014); attori: John Cleese, Michael Palin, Terry Gilliam, Eric Idle, Terry Jones, Graham Chapman.

Transformers 4: L'era dell'estinzione, senza Shia c'è Wahlberg

Il regista Michael Bay ritorna per la quarta volta a occuparsi dei Transformers e non risparmia sequenze spettacolari di inseguimenti, battaglie, e azione di ogni genere.
Uscito di scena Shia LaBoeuf, è Mark Wahlberg a diventare il protagonista coinvolto in segreti governativi e un conflitto che supera i confini della Terra. A qualche anno di distanza da quanto accaduto nel terzo film della saga, i politici hanno deciso di liberarsi dei Transformers, a prescindere che si tratti di Autobot o Decepticon. L'inventore in crisi economica Cade Yeager (Mark Wahlberg) trova un furgone in cattive condizioni e lo acquista sperando di utilizzarlo per i propri scopi, senza sapere che si tratta in realtà di Optimus Prime, nascostosi dai militari guidati da Savoy (Titus Welliver) e dal misterioso Lockdown. Sua figlia Tessa (Nicola Peltz) e il suo partner in affari Lucas (T.J. Miller) vogliono consegnarlo al governo ma Optimus è stato rintracciato da Harold Attinger (Kelsey Grammer), a capo delle operazioni di distruzione dei Transformers. Optimus reagisce e nell'inseguimento fa la sua comparsa Shane (Jack Raynor), il ragazzo che frequenta Tessa. Ovviamente la situazione sfuggirà presto di mano e la Terra verrà messa di nuovo in pericolo a causa dei veri obiettivi di Lockdown e di un inventore (Stanley Tucci) il cui piano è scoprire il segreto dei Transformers.
UN'ESPERIENZA SENSORIALE UNICA. La sceneggiatura di Ehren Kruger non brilla certo per comprensibilità e semplicità, inserendo nella trama tantissimi elementi non tutti sviluppati in modo adeguato, ma Bay confeziona in modo visivamente efficace un blockbuster perfetto per divertirsi senza impegno per quasi tre ore. Transformers 4: L'era dell'estinzione è il perfetto film da apprezzare a tutte le età: la violenza non è mai eccessiva, i personaggi sono stereotipati e animati da buone intenzioni, i cattivi sono ben delineati e le figure a metà tra le due fazioni sono ricche di sfumature, le sequenze di battaglia sono di proporzioni epiche, gli attori non devono faticare più del dovuto, la nave spaziale aliena e le creature leggendarie stupiscono per dimensioni e aspetto, e gli effetti speciali legano tutti gli elementi in modo convincente.
Il film diretto da Michael Bay conferma il talento del filmmaker nel creare un prodotto che raggiunge i suoi scopi senza difficoltà e colpisce per il livello di qualità tecnologica ottenuto che permettono agli spettatori di vivere un'esperienza unica. Spettacolare.

Regia: Michael Bay; genere: azione (Usa, 2014); attori: Mark Wahlberg, Jack Reynor, Nicola Peltz, Stanley Tucci, Kelsey Grammer, Titus Welliver, Sophia Myles.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso