POLEMICA 26 Luglio Lug 2014 1842 26 luglio 2014

Venezia, turista scala Palazzo Ducale

La scalata di un turista: beccato su Fb.

  • ...

Ancora una volta i monumenti dell'arte italiana appaiono vulnerabili di fronte ai turisti-vandali.
Questa volta è successo a Palazzo Ducale a Venezia, un simbolo nel mondo. Un giovane turista straniero si è arrampicato la sera del 26 luglio sui marmi e i 'merletti' gotici del monumento di Piazza San Marco (foto), scalando con una tecnica alpinistica il lato della Porta della Carta, così chiamata per gli antichi depositi cartarum degli archivi di Stato, o forse perché in passato qui sedevano gli scrivani per stendere atti o petizioni.
BRAVATA DI UN 20ENNE. Il ragazzo, poco più che ventenne, è stato visto dai pochi turisti che passavano a quell'ora nell'area marciana, tra cui un appassionato fotografo veneziano, Stefano Barzizza, che ha scattato alcune immagini postandole poi sul proprio profilo Facebook e su quello del gruppo social che coordina, I luoghi meno noti di Venezia e della sua laguna.
«Sembrava un poco alterato», ha spiegato l'autore delle immagini, «ma era certo in possesso di una sicura tecnica alpinistica, forse un free climber».
Il fotografo ha notato con sorpresa che nonostante l'importanza del monumento non è scattato alcun allarme. «Non c'erano forze dell'ordine», ha aggiunto, «e non è stato possibile avvertire nessuno, perché il giovane è sceso velocemente e se n'è andato con il gruppo di amici che lo attendevano nel porticato di Palazzo Ducale».
«ESIBIZIONISMO SENZA LIMITI». Secondo Barzizza potrebbe essersi trattato di turisti americani. La sovrintendente ai beni artistici e architettonici, Renata Codello, ha commentato con sconcerto la vicenda. «Sono esterrefatta», ha detto, «del fatto che sia possibile aggrapparsi a colonnine e decori gotici che non sono certo in grado di sostenere il peso di una persona. Faremo delle verifiche per capire se vi sono stati eventuali danni. Non c'è limite all'esibizionismo».
Poi ha aggiunto: «Spiazza che vengano compiuti atti fuori da ogni immaginazione. È difficile fare prevenzione di cose che paiono imprevedibili e soprattutto al di fuori di una qualsiasi ragionevolezza».
In tutta l'area marciana ci sono decine di telecamere, e Codello evidenzia la qualità del servizio di sorveglianza attuato a difesa dei monumenti marciani e non esclude che dall'esame delle immagini possa essere ricostruita la sequenza dell'arrampicata. Ma in ogni caso potrebbe essere difficile arrivare all'identificazione del vandalo se questi fosse un turista.

Correlati

Potresti esserti perso