Apes 140730182510
CULTURA 31 Luglio Lug 2014 0600 31 luglio 2014

Film novità 2014, da «Apes Revolution» a «Chef»

Al cinema il sequel del film campione d'incassi nel 2011.

  • ...

A dare una sferzata di interesse alle uscite cinematografiche dell'estate italiana ci pensa, dopo Transformers 4 – L'era dell'estinzione, l'interessante Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie.
Il sequel del film campione d'incassi nel 2011 supera persino il capitolo precedente per quanto riguarda gli aspetti visivi e il livello di realismo raggiunto dalle immagini girate in 3D. La trama a tinte filosofiche e sociali è ricca d'azione e l'insieme dei diversi elementi, anche grazie all'impeccabile interpretazione di Andy Serkis, è un blockbuster di qualità da non perdere.
ORLANDO BLOOM È ROMEO. Compie invece un passo indietro rispetto ai budget elevati di Iron Man il regista, sceneggiatore e attore Jon Favreau che in Chef – La ricetta perfetta propone una commedia piacevole in cui gli aspetti gastronomici non mettono in secondo piano una storia personale e famigliare accattivante.
Gli amanti del teatro, infine, potranno avere l'opportunità unica di assistere in alcuni cinema italiani alla proiezione di Romeo e Giulietta – Il musical di Broadway, spettacolo tratto dal dramma scritto da William Shakespeare, in cui Orlando Bloom, amatissima star de I pirati dei Caraibi e Il signore degli anelli, interpreta il giovane Romeo.

Apes Revolution - Il pianeta delle scimmie, non solo effetti speciali

Il sequel del reboot de Il pianeta delle scimmie, vera sorpresa per qualità e quantità di incassi nel 2011, supera con il suo risultato finale il precedente capitolo e convince con una storia ricca d'azione ma soprattutto di spessore narrativo.
A distanza di 10 anni dalla fuga delle scimmie dai laboratori della Gen-Sys e dalla diffusione del temibile virus Simian, la popolazione mondiale è stata sterminata con un tasso di sopravvivenza pari a una persona su 500. Il ponte di San Francisco divide due comunità ben definite: da una parte i primati guidati da Cesar (Andy Serkis), che hanno creato una società ben integrata nell'ambiente che li circonda, e dall'altra un piccolo gruppo di umani che cerca un modo per superare le difficoltà quotidiane. Le due realtà si incontreranno quando l'ex architetto Malcolm (Jason Clarke) cercherà di ripristinare la corrente elettrica fornita da una centrale idroelettrica che si trova nel territorio delle scimmie, facendo scoprire ai primati l'esistenza della specie che credevano essersi estinta. Se Cesar è favorevole a una tregua per permettere a entrambi gli schieramenti di vivere in pace senza veder morire altri amici o fratelli, lo spirito di vendetta di Koba (Toby Kebbell), che in passato è stato vittima degli esperimenti degli scienziati, farà invece emergere scontri e incomprensioni causando una serie di eventi dalle conseguenze drammatiche.
Il regista Matt Reeves confeziona con estrema attenzione un film ben bilanciato nel suo tentativo di accontentare gli amanti dei blockbuster dotati di contenuto e non solo di effetti speciali spettacolari. Visivamente Apes Revolution colpisce per il suo estremo realismo e la cura dei dettagli, che viene valorizzata dal formato 3D, rendendo fluide e scorrevoli anche le sequenze più intricate e con il maggior numero di attori e comparse.
RIFLESSIONE A SFUMATURE FILOSOFICHE. L'elemento più interessante del film è però la sceneggiatura scritta da Reeves insieme a Rick Jaffa, Amanda Silver e Mark Bomback: fin dai primi minuti si capisce quanto Cesar sia un leader carimastico, diplomatico e aperto, dalla personalità decisa ma al tempo stesso in grado di dimostrare grande tenerezza nei confronti della moglie e dei figli. La figura di Koba, così aggressiva e impetuosa, si pone quasi all'estremo opposto con il suo disprezzo per gli umani e la sua voglia di potere. Lo stesso avviene quasi in parallelo tra gli uomini, a tratti più 'animaleschi' dei primati che vivono nei boschi. La sequenza in cui Ellie (Keri Russell) e Alexander (Kodi Smit-McPhee) giocano con il cucciolo e, subito dopo, l'atteggiamento di un altro membro del loro team fa precipitare la situazione sottolinea con semplicità e bravura quanto i pregiudizi e i fraintendimenti diano facilmente vita a conflitti e violenza. La storia, inoltre, riesce a mantenere alta la tensione e l'emotività dall'inizio alla fine, senza dimenticare un pizzico di ironia tagliente quando Koba si prende gioco degli umani fingendosi una scimmia addestrata quasi da circo. La riflessione a sfumature filosofiche rende meno netti i confini tra bene e male e contribuisce al senso generale di realismo che sostiene il lungometraggio, sfruttando nel migliore dei modi anche la fotografia firmata da Michael Seresin. Non si può però non sottolineare come il risultato finale non sarebbe altrettanto convincente se non ci fosse l'apporto del talento di Serkis che attribuisce a Cesar una profondità emotiva e un'espressività senza pari, ed è in grado di trasmettere i conflitti interiori, la malinconia, la determinazione e la dolcezza tramite piccoli gesti e il proprio sguardo.
Apes Revolution - Il pianeta delle scimmie è un'opera intelligente e al tempo stesso in grado di offrire un intrattenimento di altissimo livello. Riuscito.

Regia: Matt Reeves; genere: azione (Usa, 2014); attori: Andy Serkis, Gary Oldman, Jason Clarke, Keri Russell, Toby Kebbell, Judy Greer, Kodi Smit-McPhee.

Chef - La ricetta perfetta, Favreau si cimenta con la cucina

Il successo di Iron Man non ha fatto perdere a Jon Favreau la voglia di realizzare film più contenuti narrativamente ed economicamente. Chef - La ricetta perfetta riporta quindi il regista, sceneggiatore e attore nel mondo delle commedie indipendenti pur potendo contare su un cast stellare.
Carl Casper (Jon Favreau) è un acclamato chef che lavora in un ristorante gestito da un proprietario (Dustin Hoffman) che gli impedisce di cucinare i piatti che vorrebbe. Dopo 10 anni Carl vive professionalmente un momento di crisi nonostante l'affetto della fidanzata (Scarlett Johansson), un'ex moglie con cui ha un buon rapporto (Sofia Vergara), e l'adorazione del figlio Percy (Emjay Anthony). Dopo il tentativo di conquistare un critico gastronomico, Carl viene licenziato e decide di lavorare su un chiosco itinerante, riscoprendo anche la passione perduta.
Favreau firma un lungometraggio che incontrerà il favore di tutti gli appassionati dei programmi dedicati alla cucina, così di moda negli ultimi anni, nonostante la tagliente ironia nei confronti dell'invasione mediatica dei cuochi, ma non si limita a soddisfare il palato dei cinefili con preparazioni degne degli chef pluristellati Michelin.
LA DOPPIA DIMENSIONE PRIVATA-LAVORATIVA. Chef - La ricetta perfetta si muove infatti con sicurezza tra la dimensione professionale e quella privata del protagonista, mostrandone la crisi sul lavoro e quella in veste di padre, e il progressivo recupero del rapporto tra Carl e Percy è stato sviluppato con attenzione diventando uno degli elementi più apprezzabili del film.
La commedia riesce però a divertire anche grazie alle apparizioni a sorpresa di attori del calibro di Robert Downey Jr. e l'ironico ruolo di Martin, l'assistente di Carl, che è stato affidato al sempre convincente John Leuigzamo.
Indubbiamente il lungometraggio non propone nulla di nuovo e si snoda verso un finale prevedibile, però Favreau riesce a dare a una commedia sulla carta insipida l'essenziale pizzico di esperienza in grado di renderla scorrevole, garbata e godibile. Speziata.

Regia: Jon Favreau; genere: commedia (Usa, 2014); attori: Jon Favreau, John Leguizamo, Bobby Cannavale, Scarlett Johansson, Dustin Hoffman, Sofia Vergara, Oliver Platt, Robert Downey Jr.

Romeo e Giulietta, da Broadway alle sale italiane

Con lo scopo celebrare il 450esimo anniversario della nascita di William Shakespeare, negli Stati Uniti è stata portata in scena una versione moderna di Romeo e Giulietta, a distanza di oltre 30 anni dall'ultima rappresentazione teatrale dell'opera a Broadway.
Per la gioia di chi avrebbe voluto assistere alle rappresentazioni, lo spettacolo arriva ora nelle sale italiane sulla scia di altri eventi analoghi che hanno riscontrato un'ottima accoglienza.
NEL CAST ANCHE CONDOLA RASHAD. Sul palco sono Orlando Bloom, star di film come I pirati dei Caraibi e la saga de Il signore degli anelli, e Condola Rashad, recentemente apparsa in alcune serie tivù tra cui Smash e The Good Wife, a interpretare i due amanti dal destino tragico, mentre Christian Camargo ha il ruolo di Mercuzio e Corey Hawkins quello di Tibaldo.
Una delle storie d'amore più apprezzate di sempre mantiene intatta ancora una volta la sua forza e il suo messaggio grazie a un approccio contemporaneo che valorizza l'opera senza tempo di Shakespeare, che da sempre emoziona e commuove a ogni età. Intenso.

Regia: David Leveaux, Don Roy King; genere: teatrale (Usa, 2014); attori: Orlando Bloom. Christian Camargo, Corey Hawkins, Condola Rashad, Brent Carver, Donté Bonner, Justin Guarini.

Correlati

Potresti esserti perso