Rapper 140731164711
CULTURA 31 Luglio Lug 2014 1735 31 luglio 2014

Musica, l'hip hop tamarro deriso dalla Rete

I rapper nostrani provano a imitare quelli Usa.

  • ...

Le periferie della provincia italiana come quelle americane, i versi incalzanti, il ritmo serrato, belle donne, auto, armi e gioielli. Con risultati più o meno credibili.
Nel variegato mondo dei rapper all’italiana c’è un po’ di tutto. Compresa una serie di personaggi che, più che ispirarsi, sembrano scimmiottare i big Usa, tanto da risultare esilaranti.
Lo chiamano «lol rap», dove «lol» è l’acronimo di laughing out loud, ridere ad alta voce, usato nel linguaggio delle chat.
ORA TOCCA A SIMONCINO. L’ultimo campione del genere balzato agli onori della cronaca è Simoncino, 25enne trovato con 50 grammi di cocaina dai carabinieri il 20 luglio. All’alt dei militari, il rapper, il cui vero nome è Simone Martucci, ha provato a disfarsi della droga, ma senza successo: nella sua Renault Clio i carabinieri hanno trovato altre tre dosi.
Altri 49 grammi di cocaina, materiale per il taglio e il confezionamento della droga e circa 1.200 euro in contanti, possibile provento dell'attività di spaccio, erano in casa sua.

  • Il video di Mente malata di Simoncino (da YouTube).

Dai palazzoni popolari di Borgonuovo, Tivoli Terme in provincia di Roma, Simoncino - soprannome nato dalla sua statura, 120 centimetri a causa di una malattia genetica chiamata osteogenesi imperfetta che all’età di tre anni gli ha bloccato la crescita, costringendolo su una sedia a rotelle fino ai 13 anni - era diventato famoso con Mente malata, versi di odio per i falsi amici che ti cercano se hai i soldi in tasca e ti dimenticano nei periodi di magra, accompagnato da un video durante il quale mostra alcune armi tra belle donne e lusso, in pieno stile hip hop.
Ambientazione simile a quella di Gente cattiva dove Simoncino, circondato da stangone in calze a rete, canta con un coltellaccio in mano.

  • Il video di Gente cattiva (da YouTube).

Uno dei nomi più famosi del genere rap-trash è certamente Trucebaldazzi, alias Matteo Baldazzi, bolognese di Rastignano diventato famoso al pubblico di YouTube nel 2010 con Vendetta vera e successivamente La mia ex ragazza in cui il rapper canta la sua rabbia, t-shirt d’ordinanza e catena al collo.
L’importante è esserne convinti. E, infatti, l’artista ha spesso inviato messaggi a rapper come Eminem, 50 Cent, Usher, Dr Dre chiedendo loro di duettare. Finora, i suoi appelli non hanno avuto risposta.

  • Il video di Vendetta vera (da YouTube).

Nel frattempo Baldazzi si è sottoposto a un'operazione allo stomaco. «Sono dimagrito 70 chili, cioè mi è cambiata la vita: quando ero obeso ero 168 chili - di altezza sono 180 centimetri - adesso ne peso 100. Quindi? Sono il nuovo #Trucebaldazzipositivo adesso, il vecchio Trucebaldazzi grasso, negativo, non c'è più», ha scritto sulla sua pagina Facebook. Lamentando che «voi mi insultate, mi criticate sempre, ogni volta che faccio qualcosa che dico, metto online, ma quando mi offendete e mi criticate non è più rivolto a me 'adesso' ma quel vecchio personaggio di Trucebaldazzi che era obeso, negativo», era il suo sfogo.
Più volte il rapper si è sentito frainteso, preso in giro per le sue canzoni e il suo stile quando lui invece faceva sul serio, tanto che a un certo punto aveva deciso di abbandonare la musica. Poi ci ha ripensato e ora è in arrivo un nuovo disco.

  • Il video di La mia ex ragazza (da YouTube).

Se i musicisti d'Oltreoceano sono l’ispirazione per tutti i rapper nostrani, c’è chi è andato oltre: Psycho Killer - niente a vedere con i Talking Heads - è diventato famoso con le sue cover di canzoni come On the floor di Jennifer Lopez cantate in un inglese un po’ troppo maccheronico, ma comunque sufficiente a guadagnare migliaia di clic. E il successo è stato bissato reppando sul tormentone di qualche estate fa Danza kuduro.

  • Il video di On the floor (da YouTube).

  • Il video di Danza kuduro (da YouTube).

Progenitore del genere lol rap all’italiana è sicuramente Spitty Cash, fenomeno da decine di migliaia di clic con un singolo video, Difficoltà nel ghetto.

  • Il video di Difficoltà nel ghetto (da YouTube).

In realtà dietro il fenomeno virale del rap all’italiana c’era Alessandro Dorofte, producer marchigiano che già da anni lavora con lo pseudonimo di Apoc e aveva inventato il personaggio di Spitty Cash solo per ridere.
Come dimenticare, poi, Caneda - un singolo con Gué Pequeno, Il ragazzo d’oro - ed ex membro della Dogo Band, abbandonata dopo aver subito un’aggressione da parte della crew Odei di Roma, salita a Milano per chiedere spiegazioni riguardo a un pezzo di Marracash, compagno di crew di Caneda.
Un bell’intreccio in puro stile rap, che comunque non ha fermato Caneda, amato in Rete con video come Buonanotte.

  • Il video di Buonanotte (da YouTube).

Dal napoletano invece arriva Tofat, fedele al registro 'storie di strada e belle ragazze': Cosmo hip hop è stato il suo maggior successo, oltre 220 mila visualizzazioni su YouTube, seguito dall’irresistibile Cazzo ne sai per il quale si è ribattezzato Tofatt, con due «t».

  • Il video di Cosmo hip hop (da YouTube).

  • Il video di Cazzo ne sai (da YouTube).

In una compilation del genere lol rap non può mancare nemmeno Lil Angel$, vero e proprio fenomeno un paio d’anni fa con la sua Estate, pelle nera e treccine ma voce non proprio armoniosa, e senso del ritmo e della metrica decisamente sui generis.
La Rete lo ha reso in giro e alle critiche lui ha risposto con un singolo, Deriso, in cui assicura che non saranno certo le critiche a fermarlo.

  • Il video di Estate (da YouTube).

Correlati

Potresti esserti perso