Piero Fassino 140918164725
TELEVISIONE 18 Settembre Set 2014 1617 18 settembre 2014

Canale 5, Piero Fassino giudice a Tú sí que vales

Il sindaco di Torino partecipa al nuovo talent show di Maria De Filippi.

  • ...

Il sindaco di Torino Piero Fassino.

Piero Fassino destinato a fare il giudice. Non in magistratura però, bensì in tivù.
L'attuale sindaco di Torino sarebbe infatti stato scelto da Maria De Filippi, assieme al calciatore della Roma Francesco Totti, per fare il giudice di Tú sí que vales, versione italiana dell’omonimo talent show spagnolo targato Endemol, che Canale 5 ha in programma per sostituire dal 4 ottobre Italia’s Got Talent, passato a Sky.
Fassino dovrebbe assumere la veste di quarto giudice popolare, un ruolo che nello spettacolo condotto da Belen Rodriguez e Francesco Sole è occupato a rotazione.
IL PRECEDENTE A C'È POSTA PER TE. Per Piero Fassino non sarebbe la prima volta a uno show in compagnia della De Filippi, che assieme a Rudy Zerbi e a Gerry Scotti farà anche lei parte della giuria. Già nel 2005 Fassino aveva infatti preso parte a una puntata di C’è posta per te, entrando nella storia del programma per essere all'epoca l’unico politico ad averlo fatto. Più recentemente è stato invece Matteo Renzi, non ancora premier, ad andare ad Amici.
COME FUNZIONA IL PROGRAMMA. I partecipanti a Tú sí que vales sono persone che ritengono di avere un talento speciale, non solo nel canto e nel ballo, e che vogliono sottoporsi al giudizio di Maria De Filippi, Rudy Zerbi e Gerry Scotti. I tre giudici possono scegliere se approvare la loro esibizione, accendendo la luce verde che corrisponde alla frase Tú sí que vales (Tu si che vali), oppure bocciarla accendendo la luce rossa. Ai loro tre voti si sommano i due della giuria popolare, a loro volta espressione di trenta persone (dieci giovani, dieci adulti e dieci anziani). Se un concorrente ottiene cinque consensi accede direttamente alla finale, se ne ottiene tre o quattro finisce ai ripescaggi, mentre con meno di tre consensi viene eliminato. A commentare le performance dei concorrenti durante i casting, le semifinali (chiamati gala) e la finale (gran gala), oltre ai giudici c’è anche il capo della giuria popolare (solitamente un comico) che, però, non ha diritto di voto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati