GRANDE PASSO 27 Settembre Set 2014 2206 27 settembre 2014

George Clooney e Amal, matrimonio a sorpresa a Venezia

L'annuncio dall'agente: il matrimonio era atteso per il 29 settembre.

  • ...

Con un autentico colpo di scena, George Clooney e Amal Alamuddin si sono sposati nel pomeriggio di sabato 27 settembre, in una cerimonia privata andata in scena a Venezia. L'annuncio è stato dato in tarda serata dall'agente dell'attore americano, Stan Rosenfeld. Le nozze più glamour dell'anno erano attese per lunedì 29.
NESSUN VALORE IN ITALIA. La promessa solenne di matrimonio tra Clooney e Amal- una cerimonia che non ha valore per la giurisdizione italiana - è avvenuta all'hotel Aman, dov'era previsto il party organizzato dalla coppia.
VELTRONI A OFFICIARE. Il rito, che secondo la tradizione dei matrimoni americani si è svolto davanti al giudice di pace, è stata officiato in lingua inglese da Walter Veltroni, amico di Clooney. Per avere valore giuridico nel nostro Paese, questa cerimonia dev'essere seguita dal matrimonio celebrato da un ufficiale di stato civile, in una sede comunale, cosa che avverrà tra due giorni a Ca' Farsetti.
IL PARTY PRIMA DELLA PROMESSA. Prima della promessa d'amore per sempre tra George e Amal, c'era stata la serata da 'Dolce vita', regalata a Venezia dagli arrivi vip per il party dell'anno, nello stesso Aman, resort sette stelle lusso a Palazzo Papadopoli. Festa che nessuno dei non-invitati potrà vedere, ma che ha trasformato per qualche ora il Canal Grande in una via Veneto Anni 50. Paparazzi e divi, sfilate di motoscafi tirati a lucido e flotte di fotografi all'inseguimento. E folla di fan e cacciatori d'autografi e selfie, ammassati sulle rive, all'assalto dei pontili della gondole, per rubare uno scatto, un 'ciao ciao' con la manina da Matt Damon o Cindy Crawford.
GEORGE SALUTA LA FOLLA COMMOSSO. Il sole era appena sceso e compariva in alto uno spicchio di luna quando il motoscafo di Clooney si è fatto avanti dal Canal Grande, dopo essere passato sotto al ponte dell'Accademia che traboccava di gente. È stato qui che i teleobiettivi dei fotografi hanno pizzicato Clooney in un momento di forte emozione: l'attore ha sentito la folla che lo chiamava a gran voce, si è girato verso di loro per salutare, ed è parso sull'orlo della commozione. Poi, mentre una trentina di barche tra polizia, vigili urbani e taxi affittati dai fotoreporter facevano da ala, c'è stato l'arrivo alla porta d'acqua dell'Aman. Nell'impeccabile smoking Armani, Clooney ha lanciato gli ultimi saluti, lo 'smile' per i fotografi, e ha fatto il suo ingresso nel resort, riparato dai tendoni messi sulla passerella per proteggere la privacy del centinaio di ospiti attesi al party.
DA MATT DAMON A BONO VOX. Dentro a Ca' Papadopoli, un trionfo di ori, stucchi e affreschi, mezza Hollywood e un altro pezzo di star system internazionale: da Matt Damon ad Anna Wintour, direttrice di Vogue America, da Ellen Birkin a Grante Helsov, grande amico di Clooney, da Cindy Crawford con il marito Rande Gerber, a Bono Vox e signora. Hanno invece dato forfait Brad Pitt e Angelina Jolie, così come Sandra Bullock, che in laguna non sono mai arrivati. Impossibile carpire informazioni su quanto accaduto nei saloni e nei giardini dell'Aman, perché il personale dell'albergo, i 100 body guard, i cuochi, i fornitori e ogni persona coinvolta nei servizi hanno firmato accordi per tenere bocche cucite, dato che i diritti della festa sono stati ceduti a Vogue America. Si sa solo delle musiche affidate a un'orchestra d'archi e a un trio jazz, per l'esecuzione di standard americani. Dalle finestre illuminate dell'Aman, in ogni caso, può filtrare ben poco, data la scelta della musica acustica (niente microfoni e amplificatori) per rendere il tutto più glamour.

Correlati

Potresti esserti perso