MODA 13 Ottobre Ott 2014 0800 13 ottobre 2014

Sulle mutande il volto di personaggi famosi

Da Obama a Berlusconi fino a Putin. La stravagante idea di Isa Lappalainen per far sentire le donne più potenti.

  • ...

C'è la donna che preferisce indossare uno slip sexy. E chi invece potrebbe amare infilarsi della biancheria intima col volto di un personaggio famoso in primo piano (guarda le foto).
Isa Lappalainen ha ideato una linea d'intimo (Glam your clam) che mette insieme facce di uomini e mutande di cotone bianco.
E stando a quanto scritto sul sito, la collezione è stata ispirata da «quelle vagine così belle che andrebbero incorniciate».
Come riportato il 13 ottobre dal sito vice.com, tutto è iniziato intorno al 2012.
TUTTO NATO PER GIOCO. «All'inizio doveva essere un progetto che avrei realizzato durante il mio ultimo anno alla scuola d'arte», ha raccontato la 20enne australiana. «Non ero ispirata e non sapevo cosa fare. Una sera, per caso, con alcune mie amiche ho pensato a questa cosa di mettere delle immagini a caso e delle frasi divertenti sulle mutande. Ed ecco che è nato Glam your clam».
Da Barack Obama a Silvio Berlusconi, fino a George W. Bush e Anna Frank. «Quali sono le più vendute? Direi quelle con Tyra Banks e Vladimir Putin».
L'obiettivo di Isa Lappalainen è creare un marchio di lingerie più grande e più famoso di Victoria's Secret.
DALLA SVEZIA ALL'AUSTRALIA. «Nel 2013 ho venduto solo in Svezia, adesso anche in Australia. All'inizio il marchio era molto femminista ed ero molto ispirata. Adesso si basa di più su giochi di parole a sfondo sessuale. Ma forse, quando mi sarò stufata di queste battute stupide, tornerò alla mia idea originale».
AI RAGAZZI NON PIACCIONO. Chissà come ci si sente ad avere la faccia di Vladimir Putin vicina a una parte intima. «Se in alcuni momenti ti senti una donna impotente in un mondo controllato dagli uomini, è un modo per riprenderti il potere. Comunque ci sono state anche persone che si sono mostrate infastidite. Alcuni ragazzi hanno detto che se spogliando una ragazza le trovassero addosso quella biancheria se ne andrebbero».
Reazioni simili però «corrispondano all'idea che sta dietro a queste mutande: una donna non deve permettere a un uomo di decidere cosa deve indossare. Se questo fa scappare gli uomini, peggio per loro».

Correlati

Potresti esserti perso