Vladimir Luxuria Silvio 141014093025
INCONTRO 14 Ottobre Ott 2014 0800 14 ottobre 2014

Nozze gay, Vladimir Luxuria a cena da Berlusconi

L'attivista dei diritti Lgbt ospite di Silvio, Francesca e Dudù. E la Rete fa ironia.

  • ...

A fine settembre aveva ospitato al Gay Village di Roma la fidanzata di Silvio Berlusconi, Francesca Pascale. Adesso, due settimane più tardi, ha accettato l'invito a cena dell'ex presidente del Consiglio.
Vladimir Luxuria, deputata del Pd e in prima fila per la difesa dei diritti della comunità Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transgender), ha pubblicato su Twitter due scatti della serata del 13 ottobre ad Arcore: uno in compagnia di Berlusconi e Pascale; l'altro col cane Dudù, accompagnato dalla scritta «È nata un'amicizia». E subito la Rete si è scatenata.

«SENTO SPESSO FRANCESCA». «Sento spesso Francesca e quindi sapendo che sono a Milano ne ha approfittato per invitarmi», ha spiegato il transgender più popolare d'Italia. Un incontro che potrebbe essere servito a Luxuria per sondare il terreno sui pensieri dell Cavaliere in merito al tema dei diritti degli omosessuali e delle unioni civili: del resto, secondo quanto aveva detto Pascale dal palco del Gay Village, Berlusconi sarebbe favorevole ai matrimoni tra persone dello stesso sesso e alle adozioni.

CERCASI ALLEANZA. Luxuria ha detto che «continuerà nella battaglia contro l'omofobia assieme a chiunque sia disposto al dialogo». A suo giudizio, comunque, sulle unioni civili il Pd può trovare una 'nuova alleanza' con Forza Italia molto più facilmente che con l'Ncd. E per portare a casa il risultato della legge sulle unioni gay ha accettato volentieri l'invito ad Arcore.

SANTANCHÈ CONTRO ALFANO. Ha colto la palla al balzo Daniela Santanchè, che non ha perso l'occasione per scagliarsi contro il leader di Ncd nonché ministro dell'Interno: «Meglio Vladimir Luxuria che Angelino Alfano, molto meglio». La deputata di Forza Italia ha ribadito comunque di essere «fortemente contraria alle adozioni per le coppie omosessuali. Su tutto il resto essendo liberale e vedendo che in effetti c'è una carenza di diritti, sono pronta a discutere».

«VEDERE E NON TOCCARE». Non è stata l'unica, Santanché, a commentare l'incontro di Arcore. Hanno fatto lo stesso, su Twitter, il finto Gianni Cuperlo («Il Sinodo apre alle coppie gay, Berlusconi ospita Luxuria, Giovanardi è dall'analista») e il vero Francesco Storace («Berlusconi vede Luxuria. Vedere e non toccare, mi raccomando»). Oltre a una schiera di piddini, meno in vena di scherzare.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso