ANIMALI 22 Ottobre Ott 2014 0800 22 ottobre 2014

Cani abbandonati, gli sguardi prima della morte

Memento mori è il progetto del fotografo tailandese Yun-Fei Tou.

  • ...

Una triste ma vera realtà. Il fotografo tailandese Yun-Fei Tou ha immortalato gli ultimi istanti di vita dei cani abbandonati e indotti alla morte (guarda le foto).
Memento mori (Ricordati che devi morire) è un progetto durato due anni dalle note intense e toccanti.
Si tratta di cuccioli randagi chiusi nel canile di Taoyuan e destinati all'eutanasia che viene praticata se gli animali restano più di 12 giorni nella struttura.
La tristezza di questi animali che si evince nei loro sguardi non è altro che un invito alla meditazione per chi trova il coraggio di abbandonare il suo migliore amico a quattro zampe al proprio destino.
IL TERRORE NEGLI OCCHI. I cani abbandonati nelle strade della città di Taoyuan vengono caricati da alcuni operai dotati di grossi lacci per la cattura. Nel canile giungono esemplari di ogni forma e dimensione: qualcuno è giovane e vivace, qualche altro burbero, apatico e malconcio. Davanti all'obbiettivo la loro paura è visibile.
«Mi auguro che queste immagini aiutino a comprendere la disumanità di noi esseri umani», ha commentato Yun-Fei Touil. «Queste opere d'arte che nascono dall'angoscia di un luogo pieno di dolore. Rappresentano il modo più efficace per promuovere un messaggio di responsabilità. Se non siamo in grado di dire nulla, dovremmo provare ad ascoltare i nostri sentimenti».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso