Madonna 141107180559
MUSICA 18 Dicembre Dic 2014 1433 18 dicembre 2014

Madonna, il nuovo album rubato e pubblicato su internet

Tredici tracce in versione non definitiva. La cantante: «Hanno stuprato la mia arte».

  • ...

Madonna ha ringraziato i suoi fan. Tutti, sia quelli che hanno resistito alla tentazione di ascoltare online i brani del suo nuovo album, rubati e pubblicati su internet in versione non ancora defintiva, sia quelli che non hanno avuto la pazienza di aspettare. «Si tratta di demo non finiti, rubati molto tempo fa, non ancora pronti per essere presentati al mondo», ha spiegato la cantante su Instagram, commentando la diffusione non autorizzata dei brani del suo ultimo disco, dal titolo ancora sconosciuto (le foto dell'artista in topless).


TREDICESIMO ALBUM, 13 TRACCE. Per Madonna si tratta del disco numero 13. E sempre 13 sono i brani diffusi illegalmente online. L'atteso duetto con Miley Cyrus è stato smentito, così come quello con Katy Perry. Confermate invece le collaborazioni con Avicii, Diplo e Nicki Minaj.
«UNO STUPRO ALLA MIA ARTE». Il disco è ben lontano dall’essere in versione definitiva. Madonna ha scritto su Facebook: «È uno stupro alla mia arte, sono i primi demo, di cui la metà non saranno nemmeno nel disco e l’altra metà è cambiato. Perché rubare? Perché non darmi la possibilità di finire e darvi il mio meglio?». Rimane però il dubbio su come sia stato possibile distribuire sul web le canzoni contro la volontà dell'autrice. Nel caso di Madonna, il responsabile del leak sarebbe una persona del suo stesso entourage.

Correlati

Potresti esserti perso