Romina Bano 150206200947
SPIRITO ASPRO 7 Febbraio Feb 2015 0645 07 febbraio 2015

Evviva Al Bano e Romina, vero scandalo di Sanremo

Over 60 e pure etero. Si sono amati, mollati, ritrovati. Al Festival riabilitano la parola «ex».

  • ...

Romina Power e Al Bano Carrisi.

In questi giorni mi sono capitate per le mani le parodie dei testi sanremesi scritte con le mie ex compagne d'appartamento ai tempi dell'università.
Era un rito: fin dalla prima serata del Festival ci riunivamo, munite di foglio e penna, intorno al tavolo di fòrmica della cucina, ricoperto di bottiglie e posacenere, davanti al vetusto televisore in bianco e nero raccattato al cassonetto (ancora quel design non era vintage), e, dalla prima canzone, via con le storpiature goliardiche - e la goliardia di tre universitarie incustodite con l'estrogeno a palla può essere veramente hard.
CAPOLAVORI IRRIFERIBILI. Nacquero così capolavori come Escremento lento (tante scuse a Tullio De Piscopo), Quello che gli uomini non dicono (irriferibile) e l'indimenticabile Mestruazioni canaglia («che ti vengono proprio quando non vuoi, ti ritrovi con un Tampax di paglia e un fiume che non sbarri mai»).
Anche se volessimo dimenticarlo, del resto, non potremmo, men che mai quest'anno che la leggendaria coppia di Nostalgia canaglia torna sul palco dell'Ariston a cantare i successi di un dì, quando Romina era identica a Conchita Wurst glabra.
DUE EX RAGAZZI RIBELLI. E a ricordarci che, gratta gratta, dietro l'ometto dalla mitica voce un po' appannata e la signora grassottella, reduci da successi planetari, sciagure familiari, battaglie legali, kitsch a carriolate e sfottò all'ennesima potenza, trovi due ex ragazzi degli Anni 70 che nella vita hanno fatto sempre e solo quello che hanno voluto, infischiandosene di quel che pensavano gli altri, a cominciare dai loro genitori.
Erano tempi in cui il figlio di un contadino pugliese, cantando Nel sole anziché zappando sotto il sole, poteva diventare una star e sposare la figlia hippy e ribelle di una superstar di Hollywood.
L'ascensore sociale allora funzionava, anche grazie a un crudele ma infallibile propulsore, la fame.
ANNI DI CORAGGIO E SUCCESSO. In un Festival rimasto fermo agli anni del boom per gli aspetti peggiori - gli eterni fiorelloni sul palco, le due vallette, le polemiche a sfondo sessuale (nella fattispecie sulla dolce e irsuta Conchita, che nonostante sia spiccicata al femmineo Gesù di certi santini sta sui santissimi ai teocon tipo Adinolfi), Al Bano e Romina ci riportano il lato buono di quel periodo: coraggio e successo si davano sempre la mano, proprio come i coniugi Carrisi mentre cantavano Cara terra mia.
Ma ci voleva il coraggio di lasciarla, la terra propria: cara quanto si vuole, però ti spezzava la schiena e non ti dava in cambio una vita dignitosa.
CONTRO GENITORI FAMOSI. Oppure ci voleva il coraggio di mandare a quel paese genitori famosi ma ingombranti e snob che sognavano per una figlia un matrimonio da cinema americano, non un marito brevilineo ex manovale, dall'ugola d'oro ma senza pedigree, che parlava l'italiano come seconda lingua dopo un incomprensibile dialetto meridionale.
E così il vero scandalo del Festival rischiano di essere proprio loro, gli over 60 e super etero Al Bano e Romina.
Che da giovani si sono amati contro tutti, a 40 si sono lasciati come tutti, e ora, dopo liti e disgrazie, tornano a cantare insieme, da amici e complici con molti interessi in comune, come pochi ex coniugi sanno fare.
IL RANCORE NON PREVALE. In un'epoca in cui alla parola 'ex' una donna deve toccarsi quel che non ha, visto che il partner uscente è una delle prime cause di morte per le donne di età feconda, è confortante vedere che non c'è rottura che non possa essere superata, e quando ci si è amati davvero, e a lungo, il rancore non prevale ma si stempera fino a far riaffiorare, magari a distanza di anni, il lato buono, solidale e sì, anche sanamente opportunistico, di una relazione.
ETEROSESSUALI COSÌ FRAGILI. Una prospettiva incoraggiante e perfino allegra, che sembra una sfida in un Paese in cui la famiglia e la coppia eterosessuale vengono considerate così fragili e vacillanti da poter essere minacciate dalla semplice presenza a Sanremo di un cantante barbuto vestito da donna.
Nel frattempo le tre matricole si sono sparse per l'Italia, si sono sposate, hanno fatto un numero complessivo di figli superiore a quelli di Al Bano (anche se con nomi meno assurdi), qualcuna ha fatto carriera, qualcuna ha mandato all'aria il matrimonio, tutte nascondono accuratamente i primi o secondi capelli bianchi, ma martedì sera, come una volta, ci accaniremo collettivamente sulle canzoni in gara, anche se via Whatsapp. Il nome del gruppo? Mestruazioni canaglia, naturalmente.

Correlati

Potresti esserti perso