PERSONAGGIO 9 Febbraio Feb 2015 1000 09 febbraio 2015

Valerio Scanu, l'osannato e odiato sirenetto dell'Isola

Le fan lo amano. Twitter lo sfotte. L'habitué dei reality show è in nomination. Ma tra ciccia, presunta omosessualità e imitazioni ha già conquistato l'Isola (foto).

  • ...

Le sue scarpette di gomma trasparente per proteggersi dagli scogli sono già cult.
E su Twitter gli sfottò non sono mancati, anche per la sua paura di prendere un granchio.
Amato o odiato, Valerio Scanu, finito in nomination alla prima giornata de L'isola dei famosi, ha conquistato la vetta dei trending topics durante la trasmissione - è stato il più citato dei naufraghi - con il social network diviso a metà tra fotomontaggi e tweet ironici e i commenti di difesa della tante fan, estasiate alla vista del loro “sirenetto” sulla spiaggia dell’Honduras (guarda la gallery).
ODIATO E OSANNATO. Il cantante sfornato della scuderia di Amici di Maria De Filippi ha sempre avuto un rapporto altalenante col pubblico: snobbato dalla critica, odiato da molti, ma ancora più osannato dai fan che lo hanno visto “nascere” nelle trasmissioni televisive, decretandone a ogni passo la fortuna.
Ancora oggi c’è chi non lo sopporta e chi è pronto a tutto pur di non vederlo tornare a casa: per questo le previsioni lo danno vincente al televoto.
«SENZA DI LUI SPENGO LA TIVÙ». E c’è già chi minaccia: «Se eliminate Scanu noi spegniamo la tivù».
Dalla sua parte si sono già schierati anche nomi noti, come Vladimir Luxuria, che ha twittato: «All’Isola io tifo #ValerioScanu perché Patrizio Oliva non mi ha mai passato la piastra», con tanto di foto che testimonia l’esperienza del concorrente come hairstylist.

Tweet riguardo scanu

Un habitué dei reality e del televoto

Il cantautore originario della Maddalena, in Sardegna, sa bene di poter contare su un pubblico di fan agguerritissimo. Del resto è un habitué dei reality e al televoto ha già avuto successo in passato.
A lanciarlo fu Amici, nel 2008, dove tornò nel 2011 per gareggiare nuovamente, in concomitanza con l’uscita del suo nuovo album.
Nell’autunno 2014 ha fatto parte del cast Tale e Quale Show, in onda su RaiUno e condotto da Carlo Conti.
MAI AL PRIMO POSTO. Un altro talent show, l’ennesimo per l’artista cresciuto in tivù, che però non ne ha vinto nemmeno uno: da Conti e al primo Amici è arrivato solo secondo. L’Isola potrebbe essere il suo riscatto.
Di sicuro sta già contribuendo alla sua visibilità, sensibilmente calata rispetto ai fasti dell’esordio, quando il suo primo album, intitolato semplicemente Valerio Scanu, si aggiudicò il disco d’oro per le 35 mila copie vendute.
Per non parlare della vittoria al 60simo Festival di Sanremo, nel 2010, con la canzone Per tutte le volte che..., singolo di apertura dell'omonimo album.
«IN TUTTI I LAGHI»? La strofa «In tutti i luoghi, in tutti laghi» scatenò i suoi detrattori, che già abitualmente criticavano i suoi testi giudicandoli banali. Ma diventò un tormentone in ogni caso.
Anche all’Ariston ad aiutare Scanu fu il pubblico da casa: la giuria demoscopica aveva eliminato la canzone, che fu ripescata grazie al televoto.
Contenti i fan, meno gli “esperti”. All’annuncio dei tre finalisti - oltre a Scanu c’erano Marco Mengoni e il trio Pupo, Emanuele Filiberto e Luca Canonici - si scatenò il caos all’Ariston, con gli orchestrali che in segno di protesta accartocciarono e lanciarono gli spartiti, il direttore Marco Sabiu che chiese in diretta di rendere pubblico il voto dell’orchestra, e i fischi del pubblico in sala.
CINQUE LAVORI IN STUDIO. Un caos mai visto prima nel compassato tempio della musica italiana. Ma che non poté impedire la consacrazione del pupillo della De Filippi, che da allora ha pubblicato altri album, arrivando a un totale di cinque lavori in studio e due live, di cui uno di canzoni natalizie.
E al rientro dall’Isola si prepara a un nuovo tour: lui stesso ha annunciato, il 15 gennaio, due date: giovedì 2 aprile a Roma e sabato 4 aprile a Milano. E prevedibilmente la visibilità del reality di Canale 5 può dare una buona mano alle vendite.

Si fece la liposuzione e non negò l'omosessualità

Classe 1990, capelli lunghi - indimenticabile l’acconciatura boccolosa - volto da ragazzino, Scanu è impegnato in diversi progetti a sfondo sociale.
Un impegno che prende sul serio, tanto che per scoraggiare i fan più giovani dall’affidarsi con leggerezza alla chirurgia estetica, ha confessato di essersi sottoposto lui stesso a due interventi di liposuzione.
«HO AVUTO I LIVIDI». «La prima volta non è andata bene e ho avuto i lividi per molto tempo. Non sono stato ben consigliato e mi sono fidato del medico al quale mi sono rivolto e purtroppo dopo il primo intervento ho dovuto farne un altro per rimediare ai guai del precedente», raccontò in tivù.
Alle ragazze più giovani piace lo stesso, con o senza ciccia in eccesso. Tanto che le voci di una sua presunta omosessualità seminarono il panico.
«GAY? PER ORA NO». E non ha aiutato la sua risposta ambigua alla domanda che gli rivolse Selvaggia Lucarelli: «Quando uno sta in vista, come lo sono stato io, adesso un po' meno sinceramente perché non vado in televisione da un po', ci sono voci che circolano, ecco... per adesso lo smentisco. Per adesso, nel senso che comunque potrei anche innamorarmi di un uomo, potrei. Ma per ora non è mai accaduto».
IL PERSONAGGIO È LUI. «Non avremmo mai pensato che il cantante sardo potesse essere la vera sorpresa, invece... Le sue ciabatte da scoglio (antistupro) sono un cult, imita l'accento di Mara Venier, ha paura di tutto, è imbranato e maldestro, quindi comicissimo», ha scritto Alessandra Menzani su Libero dopo la prima puntata dell’Isola dei Famosi.
Ed è innegabile che sia così. I fan lo amano a prescindere, gli altri lo prendono in giro: il risultato è che Scanu, eliminati i boccoli laccati, è già diventato il “personaggio” di questa edizione.

Correlati

Potresti esserti perso