Luca Ronconi 150221220957
LUTTO 22 Febbraio Feb 2015 1902 22 febbraio 2015

Ronconi, l'addio del 'suo' Piccolo: lacrime sul palco

Dedicata a lui la scuola del teatro. Funerali in forma privata il 24 febbraio.

  • ...

Luca Ronconi.

Non ce l'hanno fatta a trattenere le lacrime gli attori che il 22 febbraio sono andati in scena al Piccolo teatro con Lehman Trilogy, l'ultima regia di Luca Ronconi, morto il 21 febbraio al Policlinico di Milano. Per ricordarlo, il teatro, che era diventata la sua casa dalla morte di Giorgio Stehler a fine 2007, ha scelto di dedicargli la scuola, che ora porta il suo nome. E ha pensato a un ricordo sul palcoscenico, prima dello spettacolo. Nel rispetto della sua riservatezza non ci sarà camera ardente e il funerale sarà in forma privata martedì 24. Non a Milano ma nella parrocchia di Civitella Benazzone, in provincia di Perugia. Lo stesso posto in cui sono sepolte persone a lui care.
MESSAGGI DI ADDIO. Il pubblico che lo ha amato ha potuto lasciare un messaggio di addio sui libri che il Piccolo ha allestito in tutte e tre le sue sedi - Strehler, Grassi e Melato - e che resteranno a disposizione fino all'8 e al 9 marzo, quando si concluderanno le commemorazioni del direttore artistico. L'8, infatti, che sarebbe stato il giorno del suo 82esimo compleanno, sarà una giornata di proiezioni dei suoi spettacoli e di alcuni video-documenti nelle tre sale.
APPLAUSI E LACRIME. Il giorno dopo alle 20, al teatro Grassi, gli artisti che gli sono stati più vicini porteranno una personale testimonianza del loro lavoro con Ronconi, assieme agli allievi della scuola del Piccolo e del centro teatrale Santa Cristina. Al teatro Grassi, prima dello spettacolo, gli attori (fra di loro Fabrizio Gifuni, Massimo Popolizio, Fabrizio Falco e Paolo Pierobon) sono saliti sul palco assieme a tutti i tecnici e con il direttore Sergio Escobar, rimasto defilato in seconda fila. Dal palco e dalla sala, dove non erano presenti rappresentanti delle istituzioni, ma amici e appassionati, è partito l'applauso al regista e si sono affacciate le lacrime sul volto di chi ha lavorato con Ronconi una vita o solo pochi anni.

Correlati

Potresti esserti perso