Museo Della Merda 150423115305
SCIENZA 23 Aprile Apr 2015 1153 23 aprile 2015

Piacenza, nasce il Museo della Merda

L'idea è di Gianantonio Locatelli proprietario di un'azienda agricola a Castelbosco che ospita 2.500 bovini.

  • ...

Castelbosco (Piacenza): una foto del Museo della Merda.

A Castelbosco, in provincia di Piacenza, nasce il 'Museo della Merda': non è una bufala o un'iniziativa volgare, ma un luogo dove viene messo in evidenza tutto ciò che si può produrre dallo sterco animale.
La presentazione ufficiale di questa curiosa iniziativa è programmata per lunedì 27 aprile a Milano, presso il Museo della scienza e della tecnologia.
L'IDEA È DI UN IMPRENDITORE. L'idea è di Gianantonio Locatelli, proprietario di un'azienda agricola a Castelbosco che ospita 2.500 bovini destinati alla produzione di latte per il Grana Padano.
Dalla gestione quotidiana degli animali, della loro produzione e dei loro rifiuti è sorta la necessità di trasformare l'impresa stessa in un progetto ecologico e industriale avanzato.
«Dallo sterco», ha spiegato Locatelli all'Agi, «vengono ricavati il metano, il concime per i campi, la materia grezza per intonaco e mattoni, attraverso sistemi di nuova concezione che, oltre a ridurre l'inquinamento atmosferico e la distribuzione di nitrati nel terreno, seguono un principio che ridisegna il ciclo della natura in un circolo virtuoso, restituendo ad agricoltura e allevamento l'importanza di sempre».
GLI SCARABEI STERCORARI SONO IL SIMBOLO DEL MUSEO. Nel 'Museo della Merda', sito all'interno di un castelletto ristrutturato dall'architetto Luca Cipelletti, trovano spazio reperti, manufatti e opere d’arte di interesse estetico e scientifico: dagli scarabei stercorari, animaletti che si nutrono di sterco e che erano considerati divini dagli egizi, a esempi di utilizzo del letame per la costruzione di architetture nelle più lontane culture del pianeta, dalle antiche civiltà italiche all’Africa, passando per opere storico-letterarie come la Naturalis Historia di Plinio, fino alle ricerche scientifiche più attuali e alla produzione artistica che tocca l’uso e riuso di scarti e di rifiuti.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso