Renzi Maria Filippi 130612120813
TELEVISIONE 5 Giugno Giu 2015 1200 05 giugno 2015

De Filippi e Rai, tutti gli ostacoli all'intesa

La conduttrice va verso Viale Mazzini. Ma costa 1 milione all'anno. E il divorzio da Mediaset è complicato. Renzi la sponsorizza. Gubitosi e Leone però frenano.

  • ...

Matteo Renzi ospite di Maria De Filippi.

Maria De Filippi detta la sanguinaria è pronta a sbarcare in Rai.
Come produttrice, e non solo.
Magari anche come conduttrice di Sanremo. Si può fare, a patto che cambi la governance di Viale Mazzini e al posto dell’attuale vertice scelto e nominato dall’allora presidente del Consiglio, Mario Monti, s’insedi un amministratore delegato e un direttore di Rete (RaiUno nello specifico) in perfetta sintonia con il premier Matteo Renzi.
RENZI ADORA MARIA. L'ex sindaco di Firenze è particolarmente innamorato della De Filippi e stregato dal suo modo di fare televisione.
Tanto che l’inquilino di Palazzo Chigi non vede l’ora di tornare a fare l’ospite di Amici, il programma di Canale 5 condotto dalla moglie di Maurizio Costanzo, vero Re Mida degli ascolti.
PROBLEMA DI SOLDI. Perché al di là delle voci che si sono rincorse in questi giorni sul futuribile matrimonio fra la De Filippi e la Rai, in parte pilotate ad arte dalla stessa conduttrice televisiva per sondare il terreno, il nodo da sciogliere è quello dei compensi.
L’attuale direttore generale della Rai, Luigi Gubitosi, secondo le voci che corrono a Viale Mazzini, si sarebbe detto indisponibile ad aprire la borsa dei soldi, visto le oggettive difficoltà del bilancio dell’azienda.
COSTA OLTRE 1 MILIONE. La De Filippi, da sola, vale quanto tre conduttori della tivù di Stato.
Stime esatte non ci sono, ma chi conosce bene le dinamiche televisive, partendo dal fatto che il suo king maker è Costanzo, parla di valori che superano il milione di euro, solo per quanto riguarda le conduzioni.
Se a questo si aggiunge il fatto che la show woman produce anche ciò che va in onda, tutti i parametri sono destinati a saltare andando ben oltre il milione di euro all’anno.
Da qui la frenata di Gubitosi.

Anche il direttore di RaiUno Leone si oppone

Il direttore di RaiUno Giancarlo Leone.

Da registrare c'è anche il niet tecnico e tattico di Giancarlo Leone, direttore di RaiUno.
Il timoniere della rete ammiraglia è un convinto aziendalista ed è fermamente intenzionato a valorizzare le risorse interne per la realizzazione dei programmi di punta della Rai.
CON CONTI HA VINTO. Con Carlo Conti a Sanremo non solo ha avuto ragione, ma ha messo a tacere tutte le critiche, riuscendo persino a sterilizzare gli attacchi di Gubitosi nei suoi confronti.
I due, Leone e il dg, non si amano al punto che ogni occasione è buona per farsi la guerra.
RIFORMA DA ACCELERARE. E proprio perché questo è il quadro aziendale, Renzi vuole accelerare la riforma della Rai, in modo da cambiare il vertice non più tardi di settembre.
In quel modo la campagna acquisti potrebbe avvenire secondo i piani dell’inquilino di Palazzo Chigi, che vorrebbe tanto poter vedere la De Filippi su RaiUno.
Magari a partire proprio da Sanremo.
REBUS CON MEDIASET. L’altro nodo da sciogliere che riguarda la De Filippi è il suo rapporto con Mediaset.
La “Fascino”, la casa di produttrice di Maria, vede fra i propri azionisti anche il Biscione.
In pratica fra l’azienda di Silvio Berlusconi e la conduttrice esiste un matrimonio d’interesse che stabilisce tutto, anche le soluzioni per le vie d’uscita.
Mediaset le avrebbe ristudiate bene da tempo, ripassando i dettagli, mentre la De Filippi ne avrebbe parlato con chi conosce bene le cose di casa Rai.
Dietro ogni divorzio ci sono sempre dei buoni consulenti.
COSTANZO PER DOMENICA IN. Un ulteriore indizio è di questi ultimi giorni, visto che nella prossima stagione televisiva ci sarà una guerra in famiglia per l’audience.
Sì perché la Rai, pur di risollevare le sorti di Domenica In, ha deciso di affidarsi a due volti noti molto vicini a Maria De Filippi.
Si tratta di Maurizio Costanzo, marito della conduttrice di Amici e mente dietro il primo successo di Buona Domenica su Canale 5, e di Luca Zanforlin, storico autore Mediaset da sempre parte integrante dei programmi della De Filippi. Più che un indizio è una traccia seria...

Articoli Correlati

Potresti esserti perso