Locandina Star Wars 150817213658
CINEMA 17 Agosto Ago 2015 2137 17 agosto 2015

Star Wars episodio VII, 10 cose da sapere su «Il risveglio della Forza»

Cast inedito. Titolo sgradito ai fan. Trama nascosta. E parchi giochi con la Disney.  La pellicola in pillole.

  • ...

Il Convention center di Anaheim, la patria di Disneyland, è stato teatro della presentazione de Il risveglio della Forza, settimo episodio di Star Wars, primo capitolo della terza trilogia che ha mandato in visibilio gli 8 mila fan accorsi per l'occasione e omaggiati di un poster del film da sfoggiare come fosse un cimelio.
Pochi i dettagli sulla trama e tutte le attenzioni riservate al cast.
Ecco 10 curiosità per gli appassionati, in attesa dell'arrivo in sala della pellicola.

  • Il trailer di Star Wars: Il risveglio della Forza.

1. Cast a metà tra vecchi e nuovi

Scritto da Lawrence Kasdan (I predatori dell'arca perduta , Star Wars episodio V: L'impero colpisce ancora), il settimo episodio riunisce i membri più amati del vecchio cast, Harrison Ford (Ian Solo), Mark Hamill (Luke Skywalker) e Carrie Fisher (la principessa Leila) e un nuovo gruppo di giovani attori: Adam Driver, Oscar Isaac, John Boyega, Daisy Ridley, Andy Serkis e Domhnall Gleeson.

2. Pochi dettagli sulla trama

Pochi i dettagli rivelati sulla trama del film. Il regista J.J. Abrams si è lasciato scappare che non ci sarà Darth Fener. Di certo il nuovo episodio non si distaccherà dalla trilogia originale. «Una delle cose che ho sempre amato molto dei primi tre film era il senso che quel mondo fosse reale, usato, vissuto e invecchiato dal tempo», ha spiegato il regista. «Era un mondo di outsider in lotta contro un nemico più grande e più forte».

3. In sala il prossimo dicembre

Ancora pochi mesi di attesa per l'uscita del film nelle sale: la prima è infatti in programma il 18 dicembre 2015. La colonna sonora è stata composta ancora una volta da John Williams.

4. Il titolo non piace ai fan

Polemiche sono state sollevate nei mesi scorsi per la scelta del titolo, per nulla gradito dai fan che si sono mobilitati per mostrare alla produzione la loro contrarietà lanciando l´hashtag #rejectedstarwarstitle, immediatamente diventato trend mondiale. Per protesta hanno anche rispolverato il trailer di un film con lo stesso titolo, realizzato otto anni fa dal canadese Dan Lalonde e battezzato proprio, con notevole anticipo, come il settimo capitolo della saga.

5. Attesi incassi per 2 miliardi di dollari

Per Star Wars: Il risveglio della Forza gli analisti prevedono incassi da capogiro. Alcuni di loro si sono spinti ad azzardare la cifra di 2 miliardi di dollari nel mondo.

6. Merchandising e parchi per un fiume di denaro

Il fantastico mondo di Star Wars sbarcherà anche nei parchi Disney: annunciata la costruzione di due sezioni dedicate, 52 mila metri quadrati ciascuna, nei parchi di Florida e California. Non si conoscono ancora i tempi di realizzazione delle attrazioni, in cui si potrà fare un viaggio a bordo della Millennium Falcon e attraversare il «nuovo mondo, emozionante come quello dei film».

7. Ottavo capitolo in uscita nel maggio 2017

La macchina dei sequel non si arresta. L'ottavo Star Wars uscirà negli Stati Uniti nel maggio 2017, diretto da Rian Johnson.

8. In programma il primo spin-off dal titolo Rogue One

Il perché l’episodio otto di Star Wars arriverà a più di un anno di distanza dal settimo è giustificato dal fatto che tra dicembre 2015 e maggio 2017 uscirà il primo spin-off della saga, intitolato Star Wars: Rogue One.

9. Colin Trevorrow regista del nono episodio

Sarà Colin Trevorrow, regista di Jurassic World a dirigere l'episodio nove della saga. «Questo non è un compito o un lavoro», ha dichiarato. «È un posto davanti al falò tra un incredibile gruppo di narratori, registi e artigiani. Siamo stati incaricati di raccontare nuovi storie per una generazione più giovane perché anch’essa merita ciò che abbiamo avuto noi, na mitologia di cui impossessarsi. Lo faremo chiamando a raccolta ciò che George Lucas ha instillato in ciascuno: una creatività senza limiti, pura invenzione e speranza».

10. Trattative con Netflix per tre serie tivù

Disney avrebbe in corso trattative con Netflix per portare su piccolo schermo tre serie tivù interstiziali che andrebbero a riempire i buchi tra gli ultimi tre episodi.

Correlati

Potresti esserti perso