CINEMA 3 Settembre Set 2015 1210 03 settembre 2015

«Operazione U.N.C.L.E.», 10 cose da sapere

Il legame con la serie. L'omaggio a George Sanders. Il debutto di Calvani. Il film di Guy Ritchie in pillole.

  • ...

Tratto dalla popolare serie televisiva degli Anni 60, Operazione U.N.C.L.E. porta sul grande schermo una storia ambientata durante la Guerra Fredda , periodo perfetto per mostrare un'avventura all'insegna dell'azione e dello spionaggio.
LA FIRMA DI GUY RITCHIE. Il lungometraggio diretto da Guy Ritchie ha come protagonisti Armie Hammer e Henry Cavill nel ruolo di due agenti, della Cia e del Kgb, che devono collaborare per impedire a una misteriosa organizzazione criminale di destabilizzare l'equilibrio mondiale.
A rendere ancora più complicata (e affascinante) la situazione è la presenza della figlia di uno scienziato tedesco misteriosamente scomparso, Gaby Teller (Alicia Vikander).
ALTO TASSO ADRENALINICO. Gli spostamenti in giro per l'Europa in suggestive location, tra cui anche l'Italia, inseguimenti, misteri, ironia, un pizzico di moda e una buona dose di divertimento contraddistinguono il nuovo film del regista britannico, da sempre in grado di proporre storie coinvolgenti e ad alto tasso adrenalinico.
Andiamo alla scoperta di 10 curiosità sul film, che promette di regalare molta azione e divertimento a tutti gli spettatori.

  • Il trailer di Operazione U.N.C.L.E.

1. Il legame con la serie originale: l'approccio diverso dei due protagonisti

La serie ha ovviamente rappresentato un punto di partenza per la realizzazione del film, tuttavia gli sceneggiatori hanno avuto modo di dare spazio alla creatività immaginando il passato dei personaggi, e come si è formata la loro personalità.
NESSUNO L'AVEVA VISTA. Hammer e Cavill non avevano mai visto gli episodi originali e hanno avuto un atteggiamento diverso nei confronti della loro storia: Armie li ha scelti come riferimento, mentre Henry ha preferito non tenerne conto e pensare solo al proprio personaggio.

2. Un'attrice di talento: il ruolo chiave di Alicia Vikander

L'attrice Alicia Vikander è stata scelta perché i produttori avevano visto A Royal Affair e l'avevano particolarmente apprezzata.
UN MIX DI INTELLIGENZA E FORZA. Il suo coinvolgimento è stato inoltre molto appropriato perché era necessaria la presenza di un'europea in grado di interpretare una ragazza tedesca e che potesse rappresentare un mix di giovinezza, ingenuità, intelligenza e forza.

3. Una storia tra passato e presente: la regia di Guy Ritchie

Guy Ritchie e Lionel Wigram, già collaboratori in occasione di Sherlock Holmes, hanno voluto creare un sapiente mix di passato e presente.
TEMATICHE ATTUALI. Le tematiche e le situazioni, infatti, sembrano particolarmente attuali e la regia di Ritchie, come accaduto già in passato, offre un approccio unico all'atmosfera e allo stile degli Anni 60.

4. Veicoli d'epoca: dalle auto agli elicotteri

Per ricreare nel migliore dei modi gli anni della Guerra Fredda si è cercato di utilizzare dettagli ed elementi specifici, come nel caso dei veicoli.
LA MARK III DISEGNATA DA MCQUEEN. Sul grande schermo appaiono anche una Land Rover modificata, costruita per riuscire persino ad attraversare un lago ma comunque in linea con le caratteristiche specifiche degli anni Sessanta, un'edizione limitata della Métisse Desert Racer, copia perfetta del modello Mark III disegnato da Steve McQueen e Bud Ekins, e l'elicottero Hiller UH12E4, già utilizzato da Pussy Galore in Goldfinger.

5. Un po' di Italia: il debutto internazionale di Luca Calvani

Nel cast del film è presente anche l'attore italiano Luca Calvani, al suo debutto nel mondo del cinema in inglese.
IL PLAUSO DI WIGRAM. Wigram è stato entusiasta della sua partecipazione e ha spiegato: «È l'epitome di quello che avevamo in mente. Riesce a dare ad Alexander il fascino sinistro che lo rende credibile ma, nello stesso tempo, terribilmente divertente».

6. Un nome non casuale: il passato illustre di George Sanders

Tra gli attori nel cast c'è anche Jared Harris, già interprete di Moriarty in Sherlock Holmes – Gioco di ombre.
INTERPRETE DI THE SAINT. In omaggio ai cinefili il personaggio che gli è stato affidato si chiama George Sanders, interprete di The Saint e di molte spie nel corso della sua carriera.

7. La creazione dei costumi: i colori cambiano a seconda della location

La costumista Joanna Johnston ha dovuto compiere, per quanto riguarda gli abiti, delle scelte in rispetto degli elementi cromatici scelti per il set: ecco quindi a Berlino colori freddi e un po' tristi, mentre in Italia si è passato a uno stile più acceso e raffinato.
IL LAVORO DEL SARTO EVEREST. Niente cliché ma molta originalità, in grado di aiutare gli interpreti a creare i propri personaggi. Fondamentale il contributo di Timothy Everest, un famoso sarto inglese che ha realizzato i completi di Henry Cavill.

8. Il ricorso agli effetti speciali: utilizzo ridotto all'osso

Si è preferito limitare al massimo l'utilizzo degli effetti speciali.
NECESSARI SOLO IN ALCUNE SITUAZIONI. Tuttavia in alcuni momenti sono stati necessari, come quando si sono trasformate le strade della Greenwich Royal Naval Academy e i Chatham Docks in quelle di Berlino Est dove si svolgeva uno spettacolare inseguimento.

9. Le location italiane: riprese da Roma a Napoli

Le riprese del film sono state realizzate anche a Roma, in location suggestive come Piazza di Spagna, il Teatro Marcello, Piazza Venezia e il Grand Plaza Hotel.
SCENE SULL'ISOLA DEI VINCIGUERRA. Il set si è poi spostato a Napoli, per girare le scene ambientate nei sotterranei dell'edificio sull'isola dei Vinciguerra, utilizzando i tunnel sotto la Fonderia e il Castello di Baia nel Golfo di Napoli.

10. La colonna sonora: registrazioni effettuate ad Abbey Road

La colonna sonora composta da Daniel Pemberton unisce le caratteristiche del giorno d'oggi con quelle degli anni Sessanta, grazie a registrazioni effettuate nello Studio 2 ad Abbey Road con l'attrezzatura dell'epoca.
LA COLLABORAZIONE CON SAM OKELL. Tra gli strumenti usati un arpicordo vintage e vecchi bassi e chitarre, grazie anche alla collaborazione di Sam Okell, che lavorava negli studi in quel periodo.

Regia: Guy Ritchie: genere: azione (Regno Unito, Usa, 2015); attori: Henry Cavill, Armie Hammer, Alicia Vikander, Elizabeth Debicki, Hugh Grant, Jared Harris, Christian Berkel, Luca Calvani.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso