Spectre 151027170758
CINEMA 27 Ottobre Ott 2015 1615 27 ottobre 2015

Action, rude, sentimentale: Spectre riscrive il mito 007

A Londra premiere "reale" col principe William e Kate Middleton. Look, battute e scene cult: ecco il nuovo Bond, in sala il 5 novembre.

  • ...

Spectre parte come un treno: un adrenalinico volo d'elicottero con una scana di lotta nell'angusto abitacolo sopra la folla di Città del Messico che festeggia il giorno dei morti in piazza; pale impazzite volteggiano sopra le teste mentre Daniel Craig sventa un attentato in uno stadio.
La 24esima incarnazione cinematrografica di 007, il più costoso della storia col suo astronomico budget da 300 mln di dollari, è atteso in sala il 5 novembre con la Warner ma ha già sedotto il pubblico e la critica (la stampa del Regno Unito lo ha già definito come «il migliore Bond di tutti i tempi») alla presentazione mondiale a Londra. Una premiere 'reale', perché al Royal Albert Hall di Londra, il cast del film, da Daniel Craig a Monica Bellucci, è stato accolto dalla folla, ma anche dai reali britannici: l'erede al trono William, il fratello Harry e Kate Middleton in abito semitrasparente.
UNO FILM CUCITO ADDOSSO A DANIEL CRAIG. Il film molla ancora di più il glamour (pochi brindisi e abiti bianchi) e si cuce addosso alla fisicità del suo attore protagonista, al suo essere spartano, basico. E persino innamorato.
Nei 150 minuti di pellicola (dove c'è anche Monica Bellucci, vedova di un criminale italiano legato alla Spectre che non manca di fare una scena di casto sesso con l'agente inglese) Sam Mendes rinnova il mito dell'agente con licenza di uccidere virando ancor più verso l'action movie.

  • L'ultimo trailer del film di Sam Mandes.

Da Christoph Waltz a Dave Bautista: facce da 007

Tante le citazioni della infinita serie (da Dalla Russia con amore a Skyfall) e poi il ritorno del vecchio nemico la Spectre, capeggiata Franz Oberhauser (Christoph Waltz) e, in apertura e chiusura, la mitica Aston Martin da quella degli Anni 60, la Db5, a quella di oggi: la Db10. Questa volta James Bond riscopre l'esistenza della misteriosa organizzazione criminale creduta morta. Mentre il nuovo M, Gareth Mallory (Ralph Fiennes), continua a combattere le pressioni politiche che vorrebbero fare fuori l'MI6 e mettere la parola fine agli 007, Bond capisce che l'unico modo per fermare la cospirazione è proteggere Madeleine Swann (Lea Seydoux), figlia psicanalista della sua vecchia nemesi Mr. White.
Dalla parte di questo Bond che si attacca alla bottiglia, più che scegliere l'annata giusta di Champagne, si ritroverà la segretaria Moneypenny (Naomie Harris) e Q (Ben Whishaw), il nerd funzionario alle supertecnologie per agenti segreti 00.
Supernemico questa volta è Mister Hinx, ovvero Dave Bautista, campione di wrestling, che non fa affatto rimpiangere i tempi di Squalo (Richard Kiel) e i suoi denti metallici.

Christoph Waltz è Franz Oberhauser, capo della Spectre nel nuovo film di James Bond.

Una sfilza di scene già cult

Da buon 007, Spectre è infarcito di scene destinate a diventare cult. Oltre a quella iniziale sui cieli di Città del Messico imperdibile è la sequenza in notturna a Roma dove Bond al volante di un'Aston Martin nuova di trucchi è inseguito da un temerario malvagio su un'auto da corsa, tutta Roma in pochi minuti giù per le stradine strette di Monti, lungo via della Conciliazione con sgommata vista San Pietro e poi giù per il lungotevere e sotto negli argini dove Bond si salva ma il bolide s'inabissa (''l'ho parcheggiata in fondo al Tevere'', dirà per giustificare il furtarello ad M -Ralph Fiennes).
Il finale-bomba chiude il cerchio sul Tamigi a Londra sempre su un elicottero con il malvagio Waltz che resiste a tutti i colpi di Bond (che lo insegue su un motoscafo) alla fine perde il controllo e plana catastroficamente sul Westminster Bridge.

Le battute fanno il mito

Altra eredità raccolta dalla serie è la brillantezza delle battute dei protagonisti. In linea con i tempi un po' precari a Bond che rischia la vita sventando attentati catastrofici viene rimproverato di non essere in missione: «Ero a smaltire ferie arretrate» dirà sarcastico 007 giustificando il proprio lavoro.
«Neanche la morte poteva impedirgli di lavorare», commenteranno Bond e Monypenny quando scoprono un video in cui M Judi Dench prima di venire uccisa assegna al suo agente prediletto un'ultima missione.
E se c'è un piano per mandare in pensione tutto l'M16 per farne una commissione di intelligence internazionali, M Ralph Fiennes che sta per perdere il posto dirà spaventato «la fusione è solo l'inizio».
Nel brevissimo approccio la Bellucci-vedova Sciarra e il nostro eroe, lei sexy tutta in lutto sospira pensando al marito malavitoso, «passava più tempo con loro (gli altri cattivoni, ndr) che con me»... «Allora era un pazzo», dice lui galante.

Bond, il look è tutto

L'abito, nel caso di 007, fa il mito. Lontani i tempi degli smoking di Sean Connery, stavolta James ne sfoggia uno solo in bianco durante un viaggio in treno tipo Orient Express con la sua bella Lea Seydoux. Per il resto perfettamente alla moda il nuovo Bond veste slim fit, pantaloni a tubissimo e giacca corta sopra la camicia bianca.
La tenuta è sfoggiata in chiaro e anche in scuro. Sulle Alpi Austriache veste sporty-chic, tutto avvitato, mentre nel deserto giustamente tira fuori una giacchetta beige.

James da amante seriale a spia sentimentale

Bond e l'amore: già da un po' James non è più quell'amante seriale che ne ha fatto un mito, in Spectre tutto preso dal lavoro come è le 'distrazioni' sessuali di un tempo sono rare: certo non rinuncia alla Bellucci, con Naomie Harris Moneypenny è una vecchia storia più d'affetto che altro, è chiaro che con Lea Seydoux, personaggio tosto quanto lui, abituato a correre rischi, la storia si fa serissima sin da subito, qualcuno gli ha pure sentito dire ti amo...

Correlati

Potresti esserti perso