Banchi Scuola 121022195550
INIZATIVA 11 Novembre Nov 2015 1740 11 novembre 2015

Quotidiano in classe, otto studenti su 10 partecipano al progetto

Nuovo record  dell'iniziativa che incentiva la lettura e l'approfondimento dei giornali: hanno aderito in 2.094.861.

  • ...

I giornali a scuola? Un successone.
Lo certificano i numeri del 'Quotidiano in classe', lo storico progetto per sensibilizzare la lettura della carta stampata tra i banchi.
OTTO SU DIECI. L'iniziativa ha infatti fatto registrare un nuovo record. Quasi otto studenti su dieci delle scuole secondarie superiori italiane hanno aderito all’edizione 2015/2016, che ha totalizzato 2.094.861 partecipanti, come sottolineato da una nota dell’Osservatorio permanente giovani - editori, promotore del progetto.
UN'ORA A SETTIMANA. 'Quotidiano in classe', che si basa su un’ora di lezione settimanale dedicata alla lettura critica di più testate a confronto, coinvolge, oltre a 22 fondazioni di origine bancaria, l’Acri e otto grandi aziende dotate di responsabilità sociale, 45 mila insegnanti e diverse testate giornalistiche: Il Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, Quotidiano Nazionale, La Stampa, Il Gazzettino, La Nazione, Il Giorno, Il Resto del Carlino, L’Unione Sarda, Il Tempo, L’Adige, La Gazzetta di Parma, L’Arena, Il Giornale di Vicenza, Bresciaoggi e La Gazzetta dello Sport.

«GIOVANI SEMPRE MENO SPETTATORI». «Vogliamo giovani sempre più attori e sempre meno spettatori», ha dichiarato Andrea Ceccherini, presidente dell’Osservatorio, «ed è proprio per questo che offriamo loro un progetto che, mettendo a confronto, una volta alla settimana, a scuola, tre diverse testate giornalistiche, mostri loro come la stessa notizia possa esser data diversamente e quanto sia importante di conseguenza elevare il proprio filtro critico individuale, per poter guardare il mondo con i propri occhi e ragionarlo con la propria testa». Ceccherini ha anche aggiunto: «È così che vorremmo dare il nostro contributo per avere, tra i giovani, più leader e meno followers, più cittadini e meno sudditi».

Correlati

Potresti esserti perso