CINEMA 12 Novembre Nov 2015 1149 12 novembre 2015

«By The Sea», il film dei 'Brangelina' in 10 pillole

Jolie e Pitt tornano tra silenzi, introspezione e dolore. Critica già divisa. Le cuoriosità sul progetto. Foto.

  • ...

Angelina Jolie, dopo il film Unbroken, ha deciso di ritornare dietro la macchina da presa per narrare con By The Sea una storia emozionante e in grado di esplorare l'animo umano.
È il racconto di una coppia in crisi che trascorre un periodo di vacanza in una città di mare nel Sud della Francia.
UNA VITA NELLA ROUTINE. Roland e Vanessa sono sposati da 14 anni e la loro esistenza è all'insegna della routine.
L'uomo è un autore che passa il suo tempo bevendo e scrivendo in un pub, mentre la moglie rimane nella stanza dell'albergo leggendo e inghiottendo pillole.
Le loro abitudini vengono però messe in discussione dall'arrivo, nella stanza accanto, di due giovani in luna di miele.
PROTAGONISTI COMPLESSI. By The Sea prova ad affascinare con un racconto ricco di silenzi che si svolge in un'ambientazione piena di suggestioni, cercando di far emergere la complessità dei protagonisti in modo intrigante e non affrettato.
Angelina Jolie si è messa ancora una volta alla prova, sperimentando uno stile narrativo diverso rispetto alle precedenti esperienze alla regia.
E lo ha fatto con una sceneggiatura da lei firmata che ha un legame molto profondo con la sua vita privata.
Scopriamone il motivo in queste 10 curiosità sul film, in arrivo dal 12 novembre nelle sale italiane.

Regia: Angelina Jolie Pitt; genere: drammatico (Usa, 2015); attori: Brad Pitt, Angelina Jolie, Mélanie Laurent, Melvil Pupaud, Niels Arestrup.

1. Storia nata da un'esigenza personale: descrivere un lutto

La star ha spiegato che ha sentito la necessità di scrivere la sceneggiatura di By The Sea perché animata dal desiderio di esplorare la tematica del dolore, in particolare esprimendo i suoi sentimenti nei confronti della madre.
Nel film i pensieri di Angelina sulla donna e sulla sua morte si riflettono in quello che dice il barista sull'argomento di affrontare la perdita di una persona cara.
DIVERSI MODI DI AFFRONTARLO. Ogni personaggio è stato ideato per portare in scena un modo diverso di vivere il lutto: dai giovani che non l'hanno ancora conosciuto a chi è anziano e ha già affrontato momenti dolorosi.

2. Sperimentazione massima: il soggetto non doveva diventare un film

Angelina Jolie ha deciso solo in un secondo momento di realizzare il film.
Inizialmente, infatti, ha scritto il soggetto senza pensare realmente alla sua possibile produzione, sentendosi così molto libera.
NATURA INDIPENDENTE. La natura indipendente del progetto, inoltre, ha mantenuto la narrazione su schemi diversi da quelli di un lungometraggio il cui obiettivo primario è scalare le classifiche dei titoli più visti della settimana.
Ha lasciato in sospeso alcune parti della storia approfondendone invece altre in modo imprevedibile.
L'atmosfera sul set è quindi stata molto rilassata e c'è stato stato spazio per la sperimentazione in ogni momento.

3. Legame nella finzione e nella realtà: i 'Brangelina' tornano dopo 10 anni

Angelina Jolie e Brad Pitt si sono incontrati proprio sul set di un film, Mr. e Mrs. Smith, nel 2005.
Pur non recitando insieme da allora, la coppia ha prodotto altri progetti.
L'attrice ha però chiesto al marito di lavorare con lei a By The Sea e Brad ha accettato la sfida, che lui stesso ha definito una delle esperienze più difficili della sua carriera.
CRISI, MA SOLO NEL FILM. Se nella finzione interpretano una coppia in crisi, nella realtà i coniugi hanno girato il lungometraggio nel periodo più felice della loro vita: la luna di miele.

4. Ambientazione negli Anni 70: evitate così le distrazioni tecnologiche

La storia di By The Sea è ambientata negli Anni 70.
La scelta del periodo ha un motivo ben preciso: mantenere l'attenzione solo sulle emozioni e sul percorso personale dei personaggi.
ZERO INTERFERENZE. Angelina ha infatti spiegato che 40 anni fa non c'erano le distrazioni esistenti nel mondo contemporaneo, come la tecnologia e le interferenze del mondo esterno.

5. Luce molto particolare: il Cine Reflect Lighting System

Christian Berger ha scelto di utilizzare per il film By The Sea il Cine Reflect Lighting System che ha ideato insieme a Christian Bartenbach.
È in grado di canalizzare la luce esistente nell'ambiente dove si stanno effettuando le riprese con una serie di riflettori che rendono l'effetto finale naturale.
E al tempo stesso non risultando mai una fonte di distrazione per gli attori.
GIÀ USATO NE IL NASTRO BIANCO. Il direttore della fotografia aveva già ottenuto ottimi risultati con questo metodo in occasione del film Il nastro bianco, diretto da Michael Haneke.

6. Location affascinante: Malta trasformata nel Sud della Francia

Il film è stato girato in otto settimane nell'isola di Gozo, a Malta.
Anche se la storia è ambientata nel Sud della Francia.
ANCHE WORLD WAR Z SULL'ISOLA. Brad e Angelina hanno trascorso del tempo a Malta nel 2011, durante le riprese di World War Z, e la coppia sembra aver apprezzato molto i luoghi e i paesaggi.

7. Marketing 'artistico': l'immagine della coppia non è stata sfruttata

Nonostante Angelina Jolie e Brad Pitt siano una delle coppie di Hollywood più amate e conosciute in tutto il mondo, la Universal negli Stati Uniti ha adottato una strategia di marketing che segue in modo fedele le indicazioni della regista e l'atmosfera che contraddistingue il progetto.
INTENTO NON COMMERCIALE. Angelina ha infatti scelto di sottolineare anche nei poster - dallo stile molto artistico e minimale in cui non si sfrutta l'immagine dei due protagonisti - l'intento non commerciale del progetto.
E la casa di distribuzione ha deciso di assecondare i suoi desideri.

8. Critica divisa: secondo Angelina «qualcuno odierà il film»

Il film, così distante dai blockbuster che hanno regalato la popolarità alle due star, sembra essere destinato a dividere la critica e il pubblico.
Angelina Jolie però non è molto preoccupata della reazione che può suscitare la visione di By The Sea e ha rivelato al New York Times di essere consapevole del fatto che alcune persone potrebbero odiare il film.
TORNARE A ESSERE UN'ARTISTA. I possibili commenti negativi non tormentano però la regista che ha sottolineato come abbia già ottenuto quello che voleva: sentirsi nuovamente un'artista.

9. Guest star speciali: i figli della coppia sul set

Sul set di By The Sea erano spesso presenti i figli di Angelina e Brad, come accaduto anche nei precedenti progetti per il grande schermo delle due star.
LA PICCOLA SHILOH APPARE. La piccola Shiloh, per esempio, appare in alcune sequenze visibili in una featurette e si è divertita a scherzare con il padre, che fingeva di essersi addormentato in uno dei bar utilizzati scelti per i ciak.

10. Ostacolo personale da superare: mostrarsi nuda dopo le operazioni

Angelina Jolie ha ammesso di aver quasi deciso di eliminare alcune sequenze del film, in cui appare senza veli, a causa del timore di mostrarsi nuda dopo essersi sottoposta a una doppia mastectomia (asportazione chirurgica della mammella) preventiva.
LE PAURE NON HANNO VINTO. L'attrice ha poi deciso di non pensarci troppo e di non lasciarsi condizionare dalle sue paure.

Correlati

Potresti esserti perso