USCITE 28 Novembre Nov 2015 1355 28 novembre 2015

Libri novità 2015, da «La ragazza nella nebbia» a «Chiamatemi bomber»

Donne e gol di Christian Vieri. L'ultimo romanzo di Carrisi. Il ritorno di FitzChevalier. I libri del weekend del 28 novembre.

  • ...

Romanzi dell'Ottocento e contemporanei, un viaggio tra i disagi dei pendolari, l'autobiografia di un bomber. Da Robin Hobbo a Donato Carrisi, da Bobo Vieri a Jules Janin. Ecco i libri segnalati per il weekend del 28 novembre 2015.

Un assassino è per sempre

FitzChevalier ha deciso di cambiare vita. Si è lasciato alle spalle un passato burrascoso e una lunga scia di morti, ha cambiato nome e si è trasferito con la famiglia nella tenuta che il re gli ha donato per i servigi prestati alla Corona.
Ora si fa chiamare Tom lo Striato, e non è più un assassino agli ordini di sua maestà. Ma il passato sta per tornare e ha l'aspetto di una donna dalle dita bianche come il ghiaccio, che una notte arriva al maniero per poi sparire senza dare alcun messaggio, ma lasciandosi alle spalle una fila di gocce di sangue sul pavimento.
Chi era? Chi l'aveva mandata? Per Fitz è il momento di scegliere: restare Tom o tornare l'assassino di una volta. In gioco c'è il destino dei suoi cari.
L'assassino. Il ritorno è l'ultimo romanzo di Robin Hobb uscito in Italia. Il primo di una nuova trilogia che dà continuità alla saga dei Lungavista.
Robin Hobb, L'assassino. Il ritorno, Sperling & Kupfer, 594 pagine, 19,90 euro.

Le perversioni di Janin

La giovane contadina Henriette si trasferisce in città, si aggira per Parigi e viene risucchiata dai suoi vortici di mondanità. A seguirla e osservarla, in ogni suo spostamento, c'è un uomo che per lei (e per il suo asino) prova una morbosa attrazione.
Il protagonista de L'asino morto è un voyeur cinico e allo stesso tempo romantico, il cui racconto in prima persona compone un romanzo del tutto particolare, fatto di elementi macabri e grotteschi, un'opera che si inserisce in mezzo a una ipotetica linea di continuità tra Sade e i poeti maledetti.
Jules Janin aveva 25 anni quando il suo libro fu pubblicato a Parigi e destò scandalo. L'asino morto avrebbe poi fatto il giro del mondo, ma ha atteso 186 anni per poter approdare in Italia.
Edizioni della sera porta nel nostro Paese l'opera indimenticabile di un autore poco conosciuto eppure fondamentale nella storia della letteratura francese.
Jules Janin, L'asino morto, Edizioni della sera, 215 pagine, 14 euro.

Un treno di disagi

“Ci scusiamo per il disagio”. È il modo con cui, da decenni, le Ferrovie dello Stato si puliscono la coscienza per i loro disservizi, ed è forse la frase meno sopportata dai pendolari di tutta Italia.
Perché dopo l'ennesimo ritardo, l'ennesima ora passata sulla banchina ad aspettare un treno che non arriva, l'ennesima carrozza rovente d'estate e gelida d'inverno, sarebbe lecito aspettarsi qualcosa di più che fredde scuse pronunciate da una voce registrata.
La situazione delle ferrovie italiane è imbarazzante. Specialmente al di fuori delle rotte ad Alta velocità dei Freccia rossa e di Italo.
Gerardo Adinolfi e Stefano Taglione, giornalisti di Repubblica e Il Tirreno, hanno viaggiato sui vagoni della Penisola, scoprendo il divario tra Nord e Sud. In Sicilia hanno scoperto che per fare i 106 chilometri che separano Ragusa da Siracusa ci si mette più tempo che per il Milano-Firenze con le Frecce. Hanno condiviso l'Odissea dei pendolari e la condividono. Scusandosi per il disagio.
Gerardo Adinolfi e Stefano Taglione, Ci scusiamo per il disagio. Treni, pendolari e odissee tutte italiane, Round Robin, 156 pagine, 14 euro.

Vogel e il mistero di Avechot

C'è la nebbia quando l'agente speciale Vogel si risveglia dopo un terribile sul fondo di un fosso, ad Avechot. Non si ricorda nulla dell'incidente che ha spinto la sua auto fuori strada, è confuso, e non capisce nemmeno che cosa ci faccia lì, in quel piccolo paese tra le Alpi che aveva lasciato due mesi prima.
Ad Avechot, Vogel era andato per occuparsi del caso di una ragazzina scomparsa, che lui, con la sua capacità di manipolare i media, era riuscito a far finire sulle prime pagine dei giornali. Ma aveva finito il suo lavoro, era riuscito a dare visibilità lla vittima e alla sua storia, e ora non sa spiegarsi perché è di nuovo là.
Donato Carrisi, La ragazza nella nebbia, Longanesi, 373 pagine, 18,60 euro.

Vita, gol e donne di un bomber

Bomber si nasce, e Christian Vieri lo è nato. Dai primi calci al pallone in Australia, ai gol segnati in Italia, Spagna e con la maglia della Nazionale, passando per trasferimento a Prato, a 15 anni, per diventare un calciatore professionista.
Christian, o per tutti semplicemente Bobo, è diventato un'icona vestendo le maglie di Juventus, Lazio, Atletico Madrid, Inter e Milan. In campo ha trovato amici veri come Ronaldo, Recoba, Di Biagio, e qualche 'nemico' come Marcello Lippi, con cui arrivò alle soglie della rissa durante l'intervallo di uno Juventus-Atalanta.
Ma bomber si è anche fuori dal campo, e Bobo lo è. Lo dimostrano una lunga serie di conquiste femminile, fidanzate bellissime come Elisabetta Canalis e Melissa Satta, amori che hanno lasciato il segno in positivo e negativo.
Ecco spiegato il titolo della sua autobiografia scritta col giornalista della Gazzetta dello Sport Mirko Graziano: Chiamatemi bomber.
Christian Vieri con Mirko Graziano, Chiamatemi bomber, Rizzoli, 251 pagine, 12,99 euro.

Correlati

Potresti esserti perso