Scanzi 151218161131
SPIRITO ASPRO 19 Dicembre Dic 2015 0900 19 dicembre 2015

Scanzi-Cruciani, regalate alle milf la zuffa finale

I due narcisi gattoni si graffiano. Ma fingono. Sono legati da una reciproca ammirazione.

  • ...

Andrea Scanzi e Giuseppe Cruciani.

Catfight: il termine è di genere maschile, ma di solito si declina al femminile.
Per «combattimento fra gatti» si intende infatti la zuffa tra due donne: una bionda e una bruna, preferibilmente sexy e formose.
Un alterco che degenera in ceffoni, capelli strappati e soprattutto abiti fatti reciprocamente a brandelli, per la gioia del pubblico maschile.
BEL LITIGIO MEDIATICO. Da momento clou dei B-movie americani Anni 50 a scena madre di tante soap opera (leggendarie le risse fra Krystle e Alexis in Dynasty, in cui le due virago iniziano sbrindellandosi a vicenda le calze autoreggenti), il catfight è diventato sinonimo sprezzante ma pruriginoso di litigio mediatico fra belle donne, anche se si limita al verbale.
Esempio perfetto quello della 'vajassa' fra Alessandra Mussolini e Mara Carfagna.
FINALMENTE I GATTONI. Ora questo ultimo scorcio di 2015 potrebbe regalarci una pregevole versione di catfight al maschile, se Giuseppe Cruciani raccoglierà l'attacco sferratogli da Andrea Scanzi dalle pagine de Il Fatto Quotidiano in un pezzo che rappresenta l'equivalente giornalistico delle calze strappate dalla buona ma esasperata Krystle alla perfida Alexis.
Finalmente! Due gattoni 40enni aitanti, temperamentosi e circondati da una solida fama di tombeur sfoderano gli unghielli soffiandosi addosso.
E una volta tanto sono le gatte a stare a guardare, leccandosi i baffi.

Le milf di tutta Italia hanno drizzato le antenne

Andrea Scanzi, assiduo frequentatore dei salotti tv, si affida all'agenzia Visverbi.

Altro che calze, il buon Andrea gli ha levato proprio la pelle al perfido host de La Zanzara.
Inutilmente sboccato, ossessionato dalla brama di épater le bourgeois (specialmente quelle gauchiste), sadico, sessuocentrico, crapulone, amorale eccetera eccetera, insomma, Scanzi ha riassunto tutto quello che dicono di Cruciani molti ascoltatori benpensanti di Radio24 fra le 18.30 e le 20.45 mentre la loro mano, inspiegabilmente, si rifiuta di cambiare canale.
Solo la prospettiva di accendere la tivù e trovare la visione purificatrice di Andrea Scanzi live a Otto e mezzo riesce a staccarli dalle intemperanze verbali crucianesche.
COME RISPONDERÀ GIUSEPPE? Le milf di tutta Italia, divise tra il fascino del Savonarola hot-hot-hot di Reputescion e l'attrazione torbida per il Mick Jagger dell'Italiaccia cafonal, si chiedono come risponderà quest'ultimo allo schiaffo del rivale.
Senonché l'unico modo per far risentire Giuseppe Cruciani probabilmente sarebbe dargli dell'intellettuale di sinistra sotto mentite spoglie, insinuare che non gira per casa con quattro escort abbarbicate alle gambe mentre spolpa con delizia un coniglio ancora palpitante, ma si accomoda in poltrona con un libro Adelphi e RadioTre Suite in sottofondo, mentre sul tavolo si raffredda una tisanina allo zenzero.

Ma gatto non graffia gatto: i due sono antagonisti per modo di dire

Giuseppe Cruciani.

E sorge un altro sospetto.
Come cane non mangia cane, gatto non graffia gatto, specie se per certi versi gli assomiglia parecchio.
Cruciani e Scanzi sono antagonisti per modo di dire.
Militano in due squadre diverse, ma con lo stesso ruolo, il fantasista attizzante.
COME ZOOLANDER E HANSEL. Fanno venire in mente i fotomodelli rivali Derek Zoolander e Hansel nel film-culto con Ben Stiller e Owen Wilson (non so voi, ma io apparenterei Scanzi a Zoolander e Cruciani a Hansel: solo somaticamente, ovvio).
I loro catfight sono fatti di sguardi, mosse e camminate aggressive in passerella.
Zoolander è famoso per il broncio assassino, Hansel lo sbaraglia riuscendo a sfilarsi lo slip senza togliersi i pantaloni - e secondo me glielo ha insegnato Cruciani.
Ma alla fine si ritrovano dalla stessa parte, legati a una tacita e complice ammirazione reciproca.
ORGANIZZATE UNA ZUFFA. Quindi, care colleghe milf, mettiamoci il cuore in pace: sarà difficile vedere un'eccitante zuffa tra i nostri due narcisi mediatici preferiti, con camicie strappate e intimo in vista.
A meno che le loro agenzie (prima era la stessa, la Visverbi) non gliela organizzino con tutti i crismi. E speriamo che lo facciano presto. Magari per l'8 marzo.

Correlati

Potresti esserti perso