Giorgio Chiellini Alla 160205134534
EDITORIA 6 Febbraio Feb 2016 1500 06 febbraio 2016

Social biography, quando i fan raccontano le star

Chiellini pioniere delle biografie partecipate: domande selezionate in Rete, nessun autore. L'ideatore del progetto: «Così vogliamo incentivare la lettura».

  • ...

Giorgio Chiellini alla presentazione del libro The Defender-Di testa e di cuore.

Settecento mani virtualmente giunte nella stesura di un libro.
In un’era di condivisione e riscrittura dei tradizionali canoni comunicativi accade pure di trovarsi a sfogliare un volume che ambisce a ridefinire la natura stessa del ruolo di biografo.
Il 4 febbraio a Torino il Media center della Juventus ha ospitato la presentazione di The Defender - Di testa e di cuore, libro multimediale col quale il difensore bianconero Giorgio Chiellini racconta se stesso ai milioni di appassionati che lo seguono quotidianamente.
LIBRI SOCIAL CONTRO LA CRISI DI LETTORI. Nulla di nuovo, si potrebbe obiettare pensando alla sequela di opere che vedono protagonisti personaggi dello star system capaci di riempire gli scaffali delle poche librerie rimaste in circolazione.
La novità, invece, c’è e sta tutta in quell'aggettivo, «social», che lambisce il titolo del libro rigorosamente in inglese.
E che, nelle intenzioni del publisher, può diventare uno strumento di contrasto alla crisi dei lettori che attanaglia il nostro Paese.
LA PRIMA BIOGRAFIA PARTECIPATA AL MONDO. Già, perché il testo in questione rappresenta il primo caso al mondo di biografia partecipata.
Sarebbe a dire un’opera redatta attraverso il collage delle risposte date da Chiellini ai quesiti che gli sono stati rivolti sulla piattaforma eFanswer.com: 350 interrogativi selezionati sui 4-5 mila inoltrati al calciatore.
Il meccanismo di funzionamento di eFanswer è molto semplice e punta a creare un’interazione più profonda con le star rispetto ai comuni social network.
Tutti gli utenti, dopo essersi registrati, hanno a disposizione nove domande a settimana (le cosiddette 'fask') da sottoporre alle star presenti sul portale.
Ad alcune il personaggio famoso potrà rispondere direttamente sulla piattaforma, mentre altre, quelle ritenute più interessanti, entreranno a far parte di un e-book biografico.

Obiettivo: abbattere le barriere tra star e fan

Giorgio Chiellini e Luca Baldassarre.

Tutto nasce da un'illuminazione di Mattia Baldassarre, 28 anni e una laurea in Legge alla Bocconi seguita da un tour per l’Europa che deve aver acceso la scintilla.
L'idea è semplice, ma potenzialmente rivoluzionaria: abbattere la tradizionale barriera tra star e fan, permettendo a chiunque di contribuire in prima persona al racconto del proprio idolo.
Come? Attraverso le domande più disparate da rivolgere tramite la piattaforma. Nello specifico, il pioniere della social biography ha il volto di Giorgio Chiellini, difensore della Juve campione d’Italia e pilastro della difesa azzurra con vista Europei.
LA NASCITA DI EFANSWER. Occorre però citare un altro azzurro, Graziano Pellè, col quale Baldassarre condivide origini leccesi e una parentesi di vita olandese, durante la militanza del bomber al Feyenoord.
È in quegli anni che è stato concepito l'attuale sistema d'interazione, dapprima attraverso un semplice scambio di mail tra calciatore e tifosi approdato poi alla genesi, a maggio 2015, di eFasnwer.
Dall’Olanda all’Italia il passo non è poi così lungo.
START UP CON BASE A LONDRA. Alla base del progetto, finanziatori privati sui quali il giovane pugliese mantiene il più assoluto riserbo.
Un sostegno economico indispensabile, ma non sufficiente per la realizzione, in cinque-sei mesi, di una start up con base a Londra. Dai due ai tre, invece, i mesi necessari per la realizzazione del testo.
Il team di eFanswer si compone di sette giovani col pallino della tecnologia e di un comitato editoriale che si occupa di selezionare le domande più adatte alla composizione del libro, distribuito sia in versione digitale che cartacea.
Quest'ultimo dotato di QR code per attivare i contenuti multimediali in risposta ad alcuni quesiti.

Un progetto di rieducazione digitale

La pagina eFanswer di Giorgio Chiellini.

«Siamo dei publisher», dice Baldassarre a Lettera43.it. «la nostra ambizione è guadagnare dalla vendita degli e book».
A dar vita al progetto, tuttavia anche la necessità di incentivare la lettura in un Paese che «legge poco e niente» e dove il formato digitale è ben lontano dall'assumere la rilevanza che ha invece in altri Paesi d'Europa.
«Anche per questo puntiamo forte sull'e-book, di modo che pure i ragazzini possano essere invogliati a saperne di più semplicemente con un clic sul cellulare», spiega Baldassarre.
PARTNERSHIP CON MONDADORI. Quasi un progetto di rieducazione digitale, dice l'ideatore, non senza nascondere un velo di ambizione: «In fondo l'Italia non ha nulla da invidiare agli altri Paesi in termnini di apertura mentale, semplicemente è ancora troppo schiava della burocrazia».
Malgrado la giovane età, Baldassarre ha coltivato i contatti giusti, vista la partnership in divenire con Mondadori e la prossima adesione alla piattaforma di Fedez. Primo personaggio a non gravitare nell'orbita dello sport per una community che può disporre di 19 mila iscritti e che, considerando le visite degli utenti esterni, viaggia alla media di 60 mila visite giornaliere.
L'APPROCCIO MULTILATERALE. La sfida è raccontare i protagonisti dello sport e dello spettacolo attraverso gli occhi dei fan, canalizzando punti di vista e curiosità in un'unico calderone.
Se il rischio è perdere qualcosa in termini di profondità e qualità di scrittura, l'approccio multilaterale può d'altro canto favorire la completezza di informazione.
Oltre a incentivare l'interazione tra star e fan, aldilà dei tradizionali social network.
Il tutto coniugando esperienza editoriale e mondo dei social.
FONTE DIRETTA DI INFORMAZIONI. Un portale si sta inoltre accreditando come fonte diretta di informazioni: negli scorsi mesi di calciomercato, con le voci che accostavano Chiellini ad alcuni club inglesi, la risposta a una 'fask' del difensore bianconero («Sto bene dove sto»), è stata ripresa da Tuttosport e dall’inglese Daily Mirror.
Nessuna ricompensa di natura economica è prevista per i 350 selezionati come autori delle domande, ma la possibilità, per alcuni, di conoscere il protagonista della bio.
«Sono ancora troppo giovane per una biografia vera e propria», si schernisce Chiellini di fronte alla stampa. «Ho subito pensato che questo tipo di approccio potesse stimolare la curiosità delle persone di conoscere aspetti diversi dai tradizionali quesiti legati al campo da gioco. Di chi mi piacerebbe leggere la social biography? Di Messi, uno riservato come me, che parla poco della sua vita privata».

Twitter @LorenzoMantell

Articoli Correlati

Potresti esserti perso