CINEMA 26 Marzo Mar 2016 1100 26 marzo 2016

«Batman v Superman», 10 curiosità sul film

Bruce Wayne sfida Clark Kent. E arrivano i rinforzi. Da Wonder Woman ad Aquaman. Così la Dc lancia una nuova saga sul grande schermo.

  • ...

Era uno dei progetti cinematografici più attesi degli ultimi anni. Finalmente, è arrivato nelle sale Batman v Superman: Dawn of Justice, il lungometraggio diretto da Zack Snyder con protagonisti Ben Affleck e Henry Cavill. Un film che getterà le basi per i futuri tasselli che comporranno l'universo cinematografico creato ispirandosi ai fumetti pubblicati dalla DC.
QUASI UN SEQUEL. Dopo L'uomo d'acciaio, i cinema accolgono ancora una volta Superman nella versione interpretata da Cavill: gli eventi del nuovo film, pur non essendo un sequel del precedente, si svolgono infatti a distanza di un paio di anni da quando a Metropolis è infuriata una battaglia senza precedenti sulla Terra. Bruce Wayne (Affleck) ha covato a lungo una rabbia interiore causata dai danni collaterali del tentativo del supereroe di salvare il mondo. Clark Kent, inoltre, ha iniziato a porsi delle domande difficili sulla giustizia e sul suo ruolo nella società, situazione peggiorata dalle macchinazioni di qualcuno che è deciso a umiliarlo e a distruggerlo.
ARRIVANO LEX LUTHOR E WONDER WOMAN. Snyder porta in scena uno scontro epico e introduce alcuni personaggi iconici come Lex Luthor (Jesse Eisenberg) e Wonder Woman (Gal Gadot), senza dimenticare le brevi apparizioni dei futuri membri della Justice League, come ad esempio l'Aquaman affidato a Jason Momoa.
Batman v Superman si propone come uno spettacolare blockbuster realizzato cercando l'equilibrio tra la necessità di intrattenere e la volontà di affrontare delle tematiche importanti non solo dal punto di vista filosofico ma anche umano, delineando figure di eroi e villain tormentati e segnati dal proprio passato complicato.
UN BEN AFFLECK EFFICACE. Una formula dal risultato sicuramente non privo di difetti ma in grado di rimanere fedele alla promessa di offrire uno spettacolo di grande impatto, proponendo inoltre un nuovo Batman interpretato con efficacia da Ben Affleck e un'affascinante Wonder Woman di cui sarà interessante scoprire l'evoluzione grazie al film a lei dedicato in arrivo prossimamente nelle sale.
Andiamo alla scoperta di qualche curiosità legata alla realizzazione del film.

1. La fonte d'ispirazione: l'opera di Frank Miller

Il regista Zack Snyder si è ispirato al fumetto The Dark Knight Returns di Frank Miller per delineare lo scontro tra Superman e Batman.
UN BRUCE WAYNE INFURIATO COL MONDO. Bruce Wayne, tra le pagine, è mostrato invecchiato e stanco, infuriato con il mondo. Nella storia originale il vigilante di Gotham deve difendersi da Superman che ha ricevuto l'ordine dal governo di sconfiggere il Cavaliere Oscuro.
DETTAGLI RIPRODOTTI FEDELMENTE. Alcuni elementi di Batman v Superman, come il nuovo costume di Batman, sono stati ricreati per il grande schermo con attenzione rispettando alcuni dettagli del design dell'opera di Miller.

2. Una Batmobile da record: un anno di lavoro e 4 tonnellate di peso

È stato Patrick Tatopoulos a ideare la nuova Batmobile, elemento iconico di ogni avventura di Batman, insieme all'art director Kevin Ishioka, al disegnatore Ed Natividad e al progettista di veicoli da set Joe Hiura.
HA EMOZIONATO JEREMY IRONS. Il mezzo di trasporto di Bruce Wayne è stato poi realizzato da Dennis McCarthy della Vehicle Fx di Sun Valley, California. Per la sua costruzione è stato necessario un lungo periodo di un anno e il risultato finale pesa oltre quattro tonnellate. Gli attori sono rimasti colpiti dalla Batmobile e persino Jeremy Irons ha rivelato che vederla parcheggiata nella Batcave è stata una vera emozione.

3. Una citazione sul costume di Superman: Joseph Campbell in criptoniano

Per gli spettatori sarà forse un po' complicato notarla, e soprattutto tradurla, ma nel costume di Superman sono dei presenti dei simboli che riportano una citazione molto amata dal regista Zack Snyder tradotta in kryptoniano.
UNO STORICO HAWAIANO. La frase è dello storico hawaiano Joseph Campbell: «E se pensavamo di trovare un abominio, troveremo un Dio; se pensavamo di ucciderne un altro, uccideremo noi stessi; se pensavamo di viaggiare verso l’esterno, arriveremo al centro della nostra stessa esistenza; se pensavamo di essere soli, saremo insieme a tutto il mondo».

4. Eisenberg come Lex Luthor: pazzi per il basket

Nel film Lex Luthor ha un campo da basket nei suoi uffici e l'attore Jesse Eisenberg è stato immediatamente entusiasta di questo dettaglio perché è un appassionato di pallacanestro, sport che pratica fin da bambino.
SENZA CONTROFIGURA... UNA BRUTTA FIGURA. L'interprete del villain era certo di non aver bisogno di effetti speciali o controfigure, quindi ha dovuto girare la scena in cui fa un tiro da tre punti ma, dopo aver detto la sua battuta, il suo tiro non è andato a canestro. Jesse ha commentato: «Era un momento classico alla Charlie Brown».

5. Un disegno per Wonder Woman. E il set si commuove

L'attrice Gal Gadot si è resa conto di quanto fosse importante il ruolo di Wonder Woman quando è arrivata il primo giorno sul set.
REGALO DI UNA BAMBINA. La nipote di un membro della troupe aveva realizzato per lei un disegno che ritraeva l'eroina, considerata un vero esempio di donna forte e sofisticata, e tutti i presenti si sono messi a piangere.
Il semplice gesto e la reazione di chi era intorno a lei le hanno fatto capire quanto il personaggio rappresenti dei valori sani e grande forza morale.

6. Un incontro per caso: e Bale spiegò Batman ad Affleck

Ben Affleck ha ottenuto il ruolo che Christian Bale ha interpretato nei film diretti da Christopher Nolan. I due attori, per un curioso scherzo del destino, si sono incontrati per caso in un negozio di costumi mentre erano impegnati in alcuni acquisti con i loro figli.
UN GROSSO PROBLEMA: ANDARE IN BAGNO COL COSTUME. Affleck ha quindi chiesto al collega se avesse un consiglio per lui prima di iniziare le riprese e Bale gliene ha dato uno forse inaspettato: verificare se fosse possibile andare in bagno senza troppi problemi pur indossando il costume dell'eroe.
In passato gli indumenti di Batman hanno infatti causato non pochi problemi di mobilità agli interpreti di Bruce Wayne.
IL PRIMO A POTERSI MUOVERE LIBERAMENTE. La parte alta del costume, ad esempio, a lungo ha reso impossibile agli attori ruotare la testa senza dover muovere tutto il corpo. Bale ha potuto avere la mobilità del collo solo nel film Il Cavaliere Oscuro del 2008 perché il costume era composto da parti separate. Quello di Affleck è invece il primo Batsuit a permettere grande flessibilità.

7. Essere Bruce Wayne: una parrucca per Affleck

Sembra quasi impossibile ma, come rivelato in un articolo pubblicato dal magazine Empire, durante le riprese Ben Affleck ha indossato una parrucca.
HA SCELTO LA SUA ACCONCIATURA. Per interpretare Bruce Wayne l'attore ha avuto la possibilità di scegliere l'acconciatura che preferiva.
La produttrice Deborah Snyder ha dichiarato che inizialmente non apprezzava lo stile voluto dalla star ma ha poi cambiato idea.

8. Da nemici a marito e moglie: gli interpreti dei coniugi Wayne

Per un'ironica coincidenza, gli interpreti di Martha e Thomas Wayne hanno collaborato recentemente in un'altra occasione. Nel film diretto da Snyder, Jeffrey Dean Morgan e Lauren Cohan interpretano i genitori di Bruce Wayne ma i due attori hanno già lavorato insieme negli ultimi mesi.
GIÀ VISTI IN THE WALKING DEAD. In The Walking Dead hanno rispettivamente il ruolo di Negan e di Maggie. Morgan farà il suo debutto nel season finale e (si avvisa della presenza di uno spoiler sul serial. Non proseguite se non volete anticipazioni sulle prossime puntate) nei fumetti scritti da Robert Kirkman il personaggio che gli è stato affidato pone fine, a colpi di mazza da baseball, alla vita di Glenn, il marito di Maggie. Nella versione televisiva, invece, l'identità della sua vittima potrebbe essere diversa.

9. Una director's cut forse vietata ai minori: i progetti di Zack Snyder

La versione in dvd e blu-ray del film sarà messa in vendita anche con la versione estesa, in cui sarà proposto un montaggio comprendenti le scene tagliate, della durata complessiva intorno - e forse persino superiore - alle tre ore.
PIÙ VIOLENZA. Tra le sequenze inserite ci saranno dei momenti più violenti eliminate dalle scene d'azione per evitare di non veder respinta la richiesta di un rating PG-13, che impedisce ai ragazzi di andare nelle sale se non sono accompagnati da un adulto. Già annunciata, inoltre, la presenza del materiale inedito rispetto alla distribuzione nei cinema in cui l'attrice Jena Malone interpreta Barbara Gordon.

10. Il primo Batman v Superman: il progetto del 2002

L'idea di portare sul grande schermo lo scontro tra i due personaggi dei fumetti della DC era già emersa un decennio fa. Andrew Kevin Walker, nel 2002, aveva proposto il progetto alla Warner Bros e la regia era stata affidata a Wolfang Petersen, mentre Akiva Goldsman ne aveva scritto la sceneggiatura.
BATMAN IN PENSIONE. Nel potenziale film si mostrava quello che accade dopo che Bruce Wayne ha smesso di essere Batman: il commissario Gordon, Dick Grayson e Alfred sono morti; Clark Kent ha divorziato da Lois Lane e ora ha una relazione con Lana Lang; Clark, inoltre, è stato scelto come testimone di nozze tra Bruce Wayne ed Elizabeth Miller. Quando il Joker uccide la donna, il miliardario decide però di vendicarsi ed è Superman a cercare di impedirgli di uccidere il villain.
UN LOGO DIVENTATO COMUNQUE FAMOSO. Il progetto venne poi cancellato dalla Warner Bros, preferendo concentrare l'attenzione sui film singoli, ma il logo del lungometraggio mai realizzato è diventato famoso grazie alla sua presenza in Io sono Leggenda, il film con Will Smith. L'elemento scherzoso è infatti stato inserito perché Goldsman si è occupato della sceneggiatura di entrambi i film.

  • Il trailer di Batman v Superman.

Regia: Zack Snyder; genere: azione (Usa, 2016); attori: Ben Affleck, Henry Cavill, Amy Adams, Jesse Eisenberg, Diane Lane, Laurence Fishburne, Jeremy Irons, Holly Hunter, Gal Gadot.

Twitter @B_P81

Correlati

Potresti esserti perso