Statue 160406221725
CRITICA 6 Aprile Apr 2016 1824 06 aprile 2016

Festival di Perugia, Mentana: «Il giornalismo non è fatto di statue»

Il direttore del TgLa7 su Facebook attacca la celebrazione di Snowden, Assange e Manning che ha aperto la tre giorni di incontri sul giornalismo.

  • ...

Le statue di Edward Snowden, Julian Assange e Chelsea Manning.

Il tradizionale appuntamento col Festival internazionale del giornalismo ha preso il via, come di consueto, tra le strade di Perugia.
In una prima giornata animata dai dibattiti sul caso Regeni e dall'ospitata di Salvo Riina a Porta a Porta, che ha costretto all'assenza il direttore generale della Rai Antonio Campo dall'Orto, a far discutere è stato l'intervento a gamba tesa di Enrico Mentana.
IN PIEDI SU TRE SEDIE. Il direttore del TgLa7, in un post su Facebook, ha criticato senza mezzi termini la comparsa nel capoluogo umbro delle sculture di Edward Snowden, Julian Assange e Chelsea Manning, raffigurati in piedi su tre sedie con accanto a loro un posto vuoto.

Vedo che il festival internazionale del giornalismo di Perugia si apre con la scopertura di tre statue di Assange...

Pubblicato da Enrico Mentana su Mercoledì 6 aprile 2016

L'installazione, opera dell'artista Davide Dormino e ribattezzata Anything to Say?, si trova in Corso Vannucci, a ridosso della Fontana Maggiore e, secondo gli organizzatori della rassegna, testimonia «il coraggio di dire no all'intrusione della sorveglianza globale e alle bugie che portano alla guerra».
QUARTO POSTO PER IL PUBBLICO. Nelle intenzioni del Festival, la quarta sedia posta accanto alle statue è vuota e serve per «invitare il pubblico all'azione, prendendo posizione simbolicamente al fianco delle tre figure».
«MA IL GIORNALISMO È UN'ALTRA COSA». Diversamente sembra pensarla Mentana, per il quale «il giornalismo non costruisce statue, è un'altra cosa, animava la passione di due cavalli di razza che abbiamo perso troppo presto, ancora quarantenni, a pochi giorni di distanza uno dall'altro, Forquet e Liuzzi».
«A questo punto», si chiede polemicamente Mentana, «perché non Falciani e la Chaouqui?»

Correlati

Potresti esserti perso