CULTURA 11 Aprile Apr 2016 1136 11 aprile 2016

La Costa d'Avorio festeggia il Carnevale: sfilate, maschere e ricordi coloniali

A Bonoua, sud-est di Abidjan, ad aprile si tiene il Popo Carnaval, retaggio della cultura Abourè (foto).

  • ...

Carnevale, un giorno all'anno per fingere ciò che non è: così in molte culture, compresa quella italiana. In questa festosa celebrazione, di cui oggi si è persa gran parte della carica sovversiva, tutto era permesso, i servi picchiavano i padroni e i poveri si vestivano da ricchi, inscenando nelle strade un mondo alla rovescia.
Il Popo Carnaval (foto), celebrato da molte tribù africane della Costa d'Avorio, vanta la stessa esuberanza, rivestita di un profondo valore storico. Gli Ivoresi, infatti, si travestono da occupanti francesi e percuotono i loro connazionali, che recitano la parte degli indigeni indifesi e sottomessi. Il Carnevale, che si tiene in Aprile a Bonoua, città a sud-est della capitale economia Abidjan, è ora alla sua trentacinquesima edizione.
DANZE, MASCHERE E SFILATE. Il Popo Carnaval è un'occasione per ravvivare il ricordo del periodo coloniale tanto quanto le tradizioni locali. Derivato dalle feste degli Abourè, gruppo etnico originario della Costa d'Avorio meridionale, include sfilate in costume, competizioni gastronomiche e danze tribali. Popo significa maschera: ciascuno può creare e indossare la maschera che preferisce, abbandonando per un giorno quella della propria identità.

Correlati

Potresti esserti perso