COMMEMORAZIONE 23 Aprile Apr 2016 1920 23 aprile 2016

Shakespeare, 400 anni dalla morte: l'omaggio del mondo

Il Bardo di Stratford moriva il 23 aprile 1616. Ma la gente lo ama ancora.

  • ...

Secondo una teoria, non sarebbe neanche mai esistito. O meglio, non sarebbe stato il grande poeta che ancora oggi tutti amano. Ma al di là di ogni tesi sull'attribuzione delle sue opere, William Shakespeare ha lasciato il segno con i suoi versi e con personaggi come Romeo, Giulietta, Amleto, Macbeth.
Il 23 aprile 2016 tutto il mondo celebra i quattro secoli dalla sua morte, avvenuta a 52 anni nel 1616.
UNA PARATA A STRATFORD. Stratford-upon-Avon, sua città natale, si è vestita a festa, ospitando Attori, musicisti, personaggi in costume, ammirati da migliaia di persone arrivate da tutto il mondo.
La parata organizzata nel centro della cittadina si è conclusa alla Holy Trinity Church, la chiesa in cui sono custoditi i resti dell'autore, che ogni anno ospita 200 mila turisti, ma per il 2016 ne attende addirittura mezzo milione. E in pochi si fermano davanti ai dubbi fondati sul fatto che sotto la lapide ci siano davvero le ossa di Shakespeare.
PRESENTE ANCHE IL PRINCIPE CARLO. Il 23 aprile, a Stratford, è arrivato anche il principe Carlo, che è salito sul palco del Royal Shakespeare Theatre durante uno spettacolo trasmesso in onda dalla Bbc, e ha visitato il New Place, la casa dove il drammaturgo ha vissuto fino alla morte, con Camilla Parker Bowles.
Anche Barack Obama ha omaggiato Shakespeare con una visita al Globe Theatre di Londra, assistendo a una messa in scena privata del celebre monologo dell'Amleto «Essere o non essere».
SUL NEW YORK TIMES È COME SE FOSSE MORTO OGGI. Gli omaggi all'autore sono arrivati anche dal resto del mondo. Il New York Times gli ha dedicato un articolo scritto come se la morte fosse avvenuta adesso. «William Shakespeare, dead at 52», recita un titolo che sottolinea l'attualità del Bardo. «In questa data, 23 aprile 1616, il creatore di Amleto, Macbeth e Romeo e Giulietta ha lasciato la bellezza di questo mondo. A noi ha trasmesso in eredità le sue tragedie e le sue commedie, i suoi sonetti e i suoi versi che sono sopravvissuti 400 anni».

Google ha dedicato il suo Google alla ricorrenza.

Qualcun altro, invece, ha postato su Twitter una copia dell'edizione originale delle sue opere.

Correlati

Potresti esserti perso