USCITE 4 Giugno Giu 2016 2108 04 giugno 2016

Libri novità 2016, da «Quando cadono lo stelle» a «Da dove vengo io»

Il primo romanzo di Gian Paolo Serino, una nuova appassionante saga di mafia e le altre letture per il weekend.

  • ...

Un noto critico letterario che, per la prima volta, passa dalla parte opposta della barricata ed esordisce da scrittore. Consigli per una passeggiata da Bologna a Firenze. Un viaggio tra le città dimenticate d'Italia. La storia della mafia americana e i gatti visti dagli scrittori. Ecco i libri segnalati per il weekend del 4 e 5 giugno 2016.

Stelle cadenti

Che cosa succede alle stelle dietro alle quinte? Quelle che illuminano il firmamento del cinema, dell'arte, della letteratura. Che cosa fanno nel privato, le loro vite splendono o sono buchi neri? L'idea che ci si fa leggendo il primo romanzo del critico letterario Gian Paolo Serino è che siano, più che altro, vittime di cadute inesorabili.
È un affresco corale sui lati meno sfavillanti, e più strazianti, dello showbusiness.
Dentro ci sono Pablo Picasso, arrivato alla fine della vita ma non del suo amore insano per le donne; Franz Kafka giovane preda dei bordelli di Praga; Ernest Hemingway sempre più attratto dalla morte; la famiglia Kennedy e la lobotomia alla sorella di JFK, Rosemary; Cary Grant; J. D. Salinger; Stephen King.
Ritratti di personaggi, non sempre riconoscibili al primo colpo, che hanno fatto grande la cultura mondiale. E che sono accomunati dallo spleen, dalla caduta della maschera che li rende, molto semplicemente umani.
Gian Paolo Serino, Quando cadono le stelle, Baldini & Castoldi, pagine 224, 15 euro.

A piedi da Bologna a Firenze sulle orme degli etruschi

Come si affronta un cammino in più giorni? E che cosa bisogna mettere nello zaino, come conviene equipaggiarsi?
Tra le guide per viandanti curiosi delle Edizioni dei cammini, tutte con consigli, mappe a colori, indicazioni dei percorsi e cronache popolari, ce n'è una che racconta la Via degli Dèi. È il percorso escursionistico che valica l’Appennino, unendo Piazza Maggiore, a Bologna, a Piazza della Signoria, a Firenze.
Era frequentata già ai tempi degli etruschi e si snoda attraverso ambienti naturali unici in tutta Europa, come la riserva del Contrafforte Pliocenico, architetture di sabbia e argilla di milioni di anni fa. Centrotrenta chilometri divisi in undici tappe e raccontati da Stefano Fazzioli, guida professionista ambientale ed escursionistica. Per chi ha voglia di scoprire a piedi Emilia e Toscana.
Stefano Fazzioli, La via degli Dèi, Edizioni dei cammini, pagine 162, 15 euro.

Viaggio nell'Italia decadente

Gioia Tauro, Paestum, Sarzana, Tarquinia. E ancora Sciacca, Mestre, Torino, Pescara. Antonello Caporale, ex firma di Repubblica oggi al Fatto Quotidiano, ha riunito in un Grand Tour moderno e sui generis 102 città e paesi d'Italia, per un totale di quasi 15 mila chilometri.
Racconta gli italiani. Racconta, soprattutto, le miserie di un Paese che fa «acqua da tutte le parti», come nel caso del Giglio, l'isola davanti alla quale è naufragata la Costa Concordia e dove il relitto continua ad arrugginire in mare, tra proposte più o meno surreali su che fine fargli fare.
Ma ci sono anche storie a lieto fine, che fanno sorridere, come quella di Iain, scozzese trapiantato felicemente a Catania («Meno esotico da inglese in Sicilia che da scozzese in Inghilterra»), o quella di Elisabetta, che da Friburgo ha traslocato a Riposto per amore del marito Carmelo. È sua la dichiarazione più carica di speranza: «Sono qui dal 1973 ma mai una sola volta ho avuto voglia di tornarmene in Germania».

Antonello Caporale, Acqua da tutte le parti, Ponte alle Grazie, pagine 280, 16 euro.

Cent'anni di mafia americana

L'hanno chiamato il Game of Thrones della mafia americana. Mai soprannome fu più azzeccato. Da dove vengo io è il primo capitolo di una saga di nove libri che daranno voce al sottobosco della criminalità newyorchese.
Cent'anni non di solitudine, ma di sparatorie, traffici illeciti e regolamenti di conti. Da C'era una volta in America al Padrino parte terza, insomma.
Il primo volume di questo racconto-fiume parte proprio dalla Grande Mela degli inizi del Novecento, quando Charlie Luciano e Frank Costello portavano ancora, o quasi, le braghette corte e cominciavano a concepire la loro scalata alla Terra delle Opportunità.
Dentro, ci sono la voglia di riscatto degli emigrati italiani, sbarcati a Ellis Island senza un soldo, il Proibizionismo e il contrabbando di alcolici, i ruggenti Anni Venti, tra piombo, mitra e jazz.
Simone Sarasso, Da dove vengo io. Cent'anni vol. 1, pagine 612, 19,50 euro.

Il gatto nella letteratura

«Gli scrittori amano i gatti perché sono creature tranquille, amabili e sagge, e i gatti amano gli scrittori per le stesse ragioni», diceva Robertson Davies. E, non a caso, le tigri in miniatura di casa nostra occupano pagine e pagine della letteratura mondiale.
Stéphanie Hochet prende a prestito le parole di grandi autori per svelare i lati nascosti di uno degli animali più amati al mondo (non se ne abbiano a male i proprietari di cani).
Come il giapponese Natsume Sōseki, che nel suo primo libro Io sono un gatto, dove il micio protagonista, metà filosofo metà tuttologo, ascolta gli umani e partorisce massime zen.
O ancora Colette, che nel romanzo breve La gatta immagina una certosina che fa da terzo incomodo, attirando a sé tutto l'amore del padrone. Come fanno i bravi gatti.
Stéphanie Hochet, Elogio del gatto, Voland, pagine 112, 10 euro.

Twitter @FBussi

Correlati

Potresti esserti perso