CINEMA 16 Giugno Giu 2016 1140 16 giugno 2016

«Angry Birds», il film in 10 curiosità

Arriva nelle sale il popolare videogioco. Lotta senza esclusione di colpi tra il mondo degli uccelli e quello dei maiali. Doppiatori, musiche, animazioni: il cartone ai raggi X. Foto.

  • ...

Il successo senza precedenti del videogioco, scaricato dal 2009 oltre tre miliardi di volte, ha regalato a Angry Birds la fama mondiale.
La lotta tra uccelli e maiali arriva ora sul grande schermo svelando i motivi per cui le due popolazioni sono in guerra.
Diretto dagli esordienti Fergal Reilly e Clay Kaytis, il lungometraggio ha come protagonista il burbero Red: un abitante di Bird Island sempre irascibile e un po' emarginato dal resto della comunità (guarda le foto).
Quando il gruppo di maiali guidati da Leonard arriva in città è però l'unico a rendersi conto che c'è qualcosa di strano nel loro comportamento e insieme con Chuck e Bomb, conosciuti durante un corso per imparare a gestire la rabbia, va alla ricerca della verità, scoprendo il terribile progetto dei maiali.
STORIA CONVINCENTE. Sarà quindi Red a convincere i suoi concittadini a lottare, dando vita a uno scontro senza esclusione di colpi.
Il film animato tratto dal videogioco costruisce una storia piuttosto convincente per condurre gli spettatori ad assistere a una versione cinematografica dei livelli di Angry Birds, regalando una buona dose di divertimento e spensieratezza.
PERSONAGGI ESILARANTI. Visivamente colorato e accattivante, il lungometraggio non raggiunge la qualità artistica e narrativa di altri progetti animati, tuttavia soddisferà senza troppe difficoltà i più piccoli, grazie agli esilaranti personaggi al centro della storia, e gli adulti che sono alla ricerca di una pausa che non richieda troppo impegno.
Leggero e rapido, con riferimenti cinematografici e alla società contemporanea, Angry Birds rimane fedele all'idea originale avuta dalla Rovio, in più rendendo le scene di distruzione e i voli incredibilmente spettacolari.
Andiamo alla scoperta di qualche curiosità sul film.

  • Regia: Fergal Reilly e Clay Kaytis; genere: animazione (Usa, Finlandia, 2015).

1. Dall'idea all'arrivo nelle sale: cinque anni di lavoro

L'ipotesi di adattare in un film il videogioco Angry Birds risale al 2011.
Hed e David Maisel, in precedenza tra i fondatori di Marvel Studios, erano alla ricerca di un nuovo progetto stimolante.
MERITO DI... MAMMA. A dare il via al lavoro è stata però, involontariamente, la madre di David.
La donna ha infatti ricevuto in regalo un iPad e il figlio è rimasto colpito quando l'ha sentita imprecare contro i maiali, scoprendo che il gioco appassionava a tutte le età.
Maisel ha allora contattato Mikael Head, il fondatore di Rovio, per verificare se fosse interessato a realizzarne un film.

2. Difficoltà per creare Red: oltre 100 disegni

Passare dalla grafica del videogioco a dei personaggi utilizzabili per un lungometraggio non è stato un compito facile per gli autori.
UMANIZZAZIONE COMPLICATA. Per trovare l'aspetto più adatto a Red si sono realizzati per esempio oltre 100 possibili disegni.
Tra le scelte più complicate che sono state prese c'è anche quella di rendere gli uccelli antropomorfi.

3. Due città enormi: 130 uccelli diversi e migliaia di maiali

È stato lo scenografo Pete Oswald a delineare l'aspetto complessivo del film e a gestire il gran numero di personaggi presenti in scena.
MOLTI PENNUTI ''DI SUPPORTO''. La comunità di uccelli arriva a circa 130 personaggi diversi, oltre a moltissimi pennuti di supporto in vari momenti, a cui devono essere aggiunti migliaia di maiali che appaiono nelle sequenze ambientate a Pig Island.

4. Il riferimento al gioco: le stelle per valutare la torta

Una delle sequenze iniziali del lungometraggio comprende già un riferimento al gioco di Angry Birds.
COME NEI VARI LIVELLI. Red chiede infatti che venga fatta una valutazione della torta che ha consegnato utilizzando da 1 a 3 stelle.
Si tratta dello stesso punteggio che si può ottenere in base al proprio punteggio ottenuto nei vari livelli.

5. C'è pure Sean Penn: un doppiatore che... non pronuncia battute

Tra i doppiatori del film c'è anche Sean Penn.
Nonostante sia una star internazionale, l'attore non pronuncia battute.
SOLO MORMORII E GRUGNITI. Il personaggio di Terence viene infatti mostrato mentre mormora, grugnisce e poi canta un'aria tratta da un'opera lirica.

6. Da Frozen ad Angry Birds: la voce è sempre di Josh Gad

Josh Gad sembra ormai a suo agio nel doppiare personaggi animati.
Dopo il simpatico pupazzo di neve Olaf, apparso nel film Disney Frozen - Il Regno di Ghiaccio, l'attore ha infatti dato la voce a Chuck.
Il personaggio di Angry Birds viene definito come sarcastico, molto comico e divertente, che agisce e pensa a grande velocità.
UN LAVORO ESTENUANTE. Proprio queste caratteristiche hanno reso un po' complicato il lavoro di Gad che ha ammesso di essere stato mentalmente esausto dopo le sessioni di doppiaggio.

7. Un esordio anche nelle musiche: Blake Shelton ha creato Friends

Il cantante Blake Shelton si è messo alla prova nel comporre per la prima volta un brano per un film, oltre a doppiare il maiale cowboy Earl.
La star della musica country ha scritto la canzone Friends insieme all'amico Jessi Alexander e collaborando con il produttore John Cohen.
AMICIZIA FRA GLI ANIMALI. L'idea alla base della composizione musicale era di dare spazio al tentativo dei maiali di stringere amicizia con gli uccelli e sottolineare il rapporto che si viene a creare tra i protagonisti.

8. Quanti Easter egg nel film: tra le citazioni c'è Shining

Nell'assistere al lungometraggio si possono individuare più di un riferimento a grandi classici del cinema.
MAIALI VESTITI COME LE GEMELLE. Tra le citazioni più divertenti c'è per esempio quella di Shining, il capolavoro di Stanley Kubrick, grazie all'apparizione di due maiali vestiti come le gemelle del film cult tratto dal romanzo di Stephen King.

9. Budget lievitato: 75 milioni per la produzione, 100 spesi dal marketing

Secondo le stime ufficiali, la produzione del film Angry Birds ha avuto un costo di circa 75 milioni di euro.
La cifra è stata però incredibilmente superata dalla spesa per la promozione, lievitata a circa 100 milioni di euro investiti nel marketing.
RECORD PER LA FINLANDIA. Considerando che la Rovio Entertainment è finlandese, si tratta quindi del film più costoso di sempre prodotto in Finlandia.

10. Red vola realmente: la trovata nel Giorno del Ringraziamento

Tra le idee più spettacolari avute per la promozione del film c'è stata quella di far sfilare Red alla tradizionale parata del Giorno del Ringraziamento organizzata da Macy's.
CHE SEGUITO: 50 MILIONI DI PERSONE. Il pupazzo gonfiabile realizzato per l'occasione ritraeva Red mentre correva per salvare un uovo.
Oltre 50 milioni di persone hanno assistito all'evento.

Correlati

Potresti esserti perso