Cover
INCONTRI
11 Gennaio Gen 2017 0930 11 gennaio 2017

Pitti Immagine e News3.0 presentano: 'Millennial taste. Quesiti itineranti sulle nuove tribù della moda'

Sempre meno interessati alle differenze di genere, sempre più fluidi e attenti all'ambiente. Alla seconda edizione del convegno Scannavini, Moretti Polegato, Palmieri, Miani e Tateossian riflettono sulla generazione Y.

  • ...

Iperconnessi, a proprio agio nel mondo virtuale, eppure attenti ai valori tradizionali e all’autenticità di quello che comprano e di ciò che mangiano. Abituati allo shopping immediato, online, ma capaci anche di scegliere con attenzione e competenza nel vintage. Sempre meno interessati alle differenze di genere, sempre più fluidi – definizione del filosofo Zygmunt Bauman appena scomparso - o, come li definisce un manager di cultura classica, Jason Beckley di Clarks Original, «gender agnostici». Sono questi i millennial che emergono dalle opinioni dei relatori della seconda edizione del convegno itinerante organizzato dal gruppo News3.0 (editore di Lettera43.it) insieme con Pitti Immagine: «Millenial taste. Quesiti itineranti sulle nuove tribù della moda».
Da Michele Scannavini a Chiara Bellomo, da Enrico Moretti Polegato a Marco Palmieri, da Guglielmo Miani a Robert Tateossian, ecco tutte le voci dei protagonisti dell'iniziativa.

Michele Scannavini: «Il made in Italy è anche web entertainment»

  • Michele Scannavini, presidente ICE.

Gianni Scaperrotta: «I millennial: giovani professionisti iperconnessi»

  • Gianni Scaperrotta, direttore generale Articolo1.

Chiara Bellomo: «Vintage e sportswear. Il mix caldo dei ventenni»

  • Chiara Bellomo, centre manager di McArthurGlen.

Agostino Poletto: «La pipa è il nuovo accessorio giovane»

  • Agostino Poletto, vice direttore generale Pitti Immagine e Guglielmo Miani, ceo Larusmiani.

Enrico Moretti Polegato: «Il prodotto non basta, ci vuole autenticità»

  • Enrico Moretti Polegato, ceo Diadora.

Marco Palmieri: «Leggo i curricula con gli occhi di un tredicenne»

  • Marco Palmieri, ceo Piquadro.

Alessandro Locatelli: «Oggi ci sono tribù, non più segmenti di mercato»

  • Alessandro Locatelli, ceo Rossignol Apparel.

Nicolas Bargi: «I nuovi valori sono animal free»

  • Nicolas Bargi, ceo Save the Duck.

Monica Sarti: «Il know how va trasferito con gioia»

  • Monica Sarti, stilista Faliero Sarti.

Robert Tateossian: «Per i giovani il gioiello non ha sesso»

  • Robert Tateossian, proprietario e ceo Tateossian.

Jason Beckley: «Il nuovo mondo è gender agnostico»

  • Jason Beckley, chief brand officer Clarks Original.

Fabiana Giacomotti

  • Fabiana Giacomotti, giornalista e docente di storia del costume "La Sapienza".
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso