Dai che è verde

Pivetti
24 Agosto Ago 2017 0923 24 agosto 2017

Lesbo sì, lesbo no: al puritanesimo di Veronica Pivetti preferiamo il coraggio di Tiziano Ferro

Il coming back dell'attrice sulla sua omosessualità fa pendant con la sgridata del bagnino del Ferrarese alle due giovani che si tenevano per mano sotto l'ombrellone. E viene da dire: Provaci ancora prof.

 

  • ...

Che tristezza. Mentre Kristen Stewart si fidanza con un angelo di Victoria’s Secrets e Cara Delevingne molla la bella cantautrice St. Vincent per concedersi un party di compleanno a base di gnocche stile Hugh Hefner, in Italia dobbiamo assistere agli ipocriti tentennamenti fra coming out e coming back di Veronica Pivetti. Che nelle fiction Rai interpreta il ruolo di una prof, ma nel privato sembra più un’asina di Buridano incerta fra due greppie amorose. Intervistata da Dipiù aveva raccontato di essere delusa dagli uomini e di vivere felicemente con la sua Giordana, per poi correggere il tiro il giorno dopo su Facebook: mai sostituito gli uomini con le donne, con Giordana c’è solo un’intensa quanto casta amicizia, e, ovviamente, è tutta una pruriginosa montatura del «pittoresco» e, sotto sotto, omofobo settimanale diretto da Sandro Mayer (che, inviperito, ha rivendicato l’esattezza dell’intervista e ha ribaltato su Pivetti le accuse di omofobia).

LA PROF, LEI E L'ALTRA. Smentito dall’interessata anche il torbido coté a metà strada fra Claudine a scuola di Colette e La donna che visse due volte di Hitchcock: al magazine di Mayer Pivetti aveva spiegato che Giordana le ricordava Adriana, educatrice dell’oratorio oggetto di una sua cotta ai tempi delle medie, su Facebook invece rivela che le due non potrebbero essere più diverse in quanto Adriana era «buffa e cicciotta». E qui, come ha osservato Grazia Sambruna su Linkiesta, ci sono gli estremi per una ciabattata in testa da parte della partner, che prima ha appreso di essere, se non il rimpiazzo di un uomo, quello di un’altra donna, con la quale, a quanto pare, Pivetti continua a confrontarla sul piano fisico e su quello del sense of humour – e poi diciamo che quelli goffi e insensibili sono i maschi.

CI BATTE PURE L'IRAN. E niente, sarebbe stato bello chiudere questa estate sconfortante con il coming out di una simpatica star della tivù per famiglie, un soffio d’aria pura così raro nel nostro show-business, che ufficialmente conta meno gay e bisex di quello iraniano (a tutt’oggi l’unico a uscire allo scoperto è stato Tiziano Ferro, peraltro senza danni per la carriera). Invece ci becchiamo un pasticcio di buridanesimo e puritanesimo fra rotocalchi e social che fa pendant con la sgridata del bagnino ferrarese alle ragazze gay che si tenevano per mano sotto l’ombrellone. E magari anche loro lo facevano solo perché si ricordavano reciprocamente una cara amica delle medie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso