Chef Antonino Cannavacciuolo 130523215310
22 Dicembre Dic 2017 1012 22 dicembre 2017

Cannavacciuolo, Nas nel bistrot di Torino: due denunce

Sui menù mancava l'indicazione degli alimenti congelati, che i militari hanno trovato all'interno di un freezer. Lo chef: «Storie come questa fan venire voglia di andarsene».

  • ...

Un Torquemada della freschezza e della qualità delle materie prime. Questo è chef Antonino Cannavacciuolo, pronto a dare amabili pacche sulle spalle ai concorrenti di Cucine da Incubo e Masterchef. E invece questa volta è scivolato lui: nel freezer. Si sono conclusi con due denunce e una multa di 1.500 euro i controlli di Asl e carabinieri del Nas nel suo Bistrot Torino, aperto solo pochi mesi fa. Sui menù mancava l'indicazione degli alimenti congelati, che i militari dell'Arma hanno trovato all'interno di un congelatore. A essere denunciati sono stati il direttore del locale Giuseppe Savoia, e la moglie del famoso giudice di Masterchef, Cinzia Primatesta, responsabile della società a cui è legata la catena di ristoranti.

«MANCAVA UN ASTERISCO». «Mancava un asterisco. Quel cibo in frigo era per noi. Con storie come questa vien voglia di andarsene», si è sfogato lo chef Cannavacciuolo con La Stampa. I controlli hanno rilevato anche materie prime non tracciate. «Non sono state riscritte le schede dei singoli fornitori sui registri del ristorante. Evidentemente negli ultimi tre giorni nessuno aveva avuto ancora il tempo», si è poi giustificato. Dalle parole dello chef trapela un pizzico di amarezza. «Va bene che ci siano delle regole, ma applicarle in questo modo è assurdo. Nei nostri ristoranti sono sempre state trovate cucine perfette e dipendenti in regola», ha concluso. «Storie come questa fan venire voglia di andarsene».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso