110110142847
DATI 16 Luglio Lug 2012 1112 16 luglio 2012

Debito record: 1.966,3 mld

L'allarme lanciato da Bankitalia nel mese di maggio 2012.

  • ...

Nuovo record del debito pubblico italiano.
A maggio il dato si è attestato a 1.966,303 miliardi di euro, in aumento rispetto al record storico toccato ad aprile che aveva raggiunto i 1.949,242 miliardi.
Nello stesso periodo del 2011 il dato si era attestato a 1.896,549 miliardi.
Positivo invece il dato sulle esportazioni che sono risalite dell'1,4% su base mensile e del 4,8% su base annua.
ENTRATE TRIBUTARIE + 1,14%. A rilevarlo è stata Bankitalia, nel supplemento al Bollettino statistico, che evidenzia inoltre come le entrate tributarie nei primi cinque mesi del 2012 si siano attestate a 142,101 miliardi di euro, in aumento dell'1,14% rispetto allo stesso periodo del 2011. Nel solo mese di maggiole entrate sono cresciute del 4,6%, pari a 30,806 miliardi.
PESA L'EFSF. L'istituto di via Nazionale ha spiegato che l'incremento del debito è «attribuibile principalmente all'aumento delle disponibilità liquide detenute dal Tesoro (di 8,3 miliardi, a 35,8), al fabbisogno (6,2 miliardi), a scarti di emissione (2,3 miliardi) dovuti all'emissione di titoli sotto la pari, alle variazioni del cambio (0,2 miliardi)».
Pesano le garanzie italiane sulle emissioni dell'European financial stability facility (Efsf), che hanno aumentato debito e fabbisogno di circa 1,8 miliardi.
DEBITO DI 32.771 EURO A PERSONA. Il debito pubblico ora grava per 89.363 euro su ogni famiglia, ben 32.771 euro sulle spalle di ogni abitante. Lo hanno calcolato Adusbef e Federconsumatori, precisando che nei nove mesi del governo Monti c'é stato un incremento di ben 1.024 euro per ciascuno dei 60 milioni di residenti, ad un ritmo di 85,3 euro al mese.
«È impressionante l'incremento del debito pubblico», hanno commentato le due associazioni dei consumatori, «passato a 1.966,303 miliardi a maggio, ossia oltre 61 miliardi di euro da fine novembre con la 'cura Monti', che se risulta funzionale agli interessi delle banche, dei burocrati e dei tecnocrati, vera casta degli intoccabili immuni ad ogni manovra economica di sacrifici, non funziona per i cittadini e le famiglie stremate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati