Tesoro 130422151834
CONTI PUBBLICI 1 Luglio Lug 2014 1630 01 luglio 2014

Fabbisogno dello Stato: migliora di 1,8 mld dall'inizio del 2014

Ma a Giugno sul bilancio pesano debiti Pa e gli 80 euro.

  • ...

Roma: la facciata del ministero del Tesoro.

Migliorano i conti dello Stato nel semestre anche se giugno soffre con un avanzo dimezzato. Il fabbisogno dei primi sei mesi si è attestato a 41,1 miliardi, migliore di 1,8 miliardi rispetto allo stesso periodo del 2013. Giugno segna però un avanzo di 7,7 miliardi, decisamente inferiore ai 13,5 dello stesso mese dello scorso anno, dovuto anche al calendario.
PESANO SU GIUGNO GLI 80 EURO. Il tradizionale avanzo di cassa a giugno si è dimezzato anche per effetti legati alle scadenza, per esempio per lo spostamento di alcuni versamenti fiscali a luglio, ma pure per il pagamento dei debiti della pubblica Amministrazione e alle compensazioni dei sostituti d'imposta per il pagamento del bonus di 80 euro a maggio.
NEL 2013 RIMBORSI CADEVANO A LUGLIO. Il ministero dell'Economia ha infatti spiegato che «effetti di calendario hanno determinato un avanzo del saldo di cassa più limitato rispetto a giugno del 2013. In particolare, si segnala la spesa per il rimborso di mutui delle amministrazioni centrali e degli enti locali che nel 2013 era ricaduta nel mese di luglio. Si registrano, inoltre, maggiori prelevamenti dai conti di tesoreria collegati al pagamento dei debiti commerciali delle pubbliche amministrazioni».
MENO ENTRATE PER RIDUZIONE IRES E IRAP. La nota del Tesoro prosegue sostenendo che «sul fronte delle entrate fiscali, con riferimento al quale si ricorda lo slittamento dei versamenti al mese di luglio concesso ai contribuenti soggetti agli studi di settore, si evidenzia un minor gettito dovuto sia alla riduzione del versamento a saldo per Ires e Irap in conseguenza della maggiorazione dell'acconto di dicembre 2013, sia agli effetti del decreto-legge 66/2014 (bonus 80 euro), che prevede la compensazione in F24 delle somme anticipate in busta paga da parte dei sostituti d'imposta».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso