CURIOSITÀ 2 Luglio Lug 2014 0800 02 luglio 2014

Ragazzi ricchi, la loro vita diventa social grazie a Snapchat

Disprezzano il denaro. Sono i Rich Kids, gli adolescenti che definiscono «contadini» chi non ha soldi.

  • ...

Ricchi. Sfacciatamente ricchi. Disprezzano i soldi e soprattutto chi non li ha.
Bevono champagne 'Laurent Perrier' nella ciotola del cane. Mostrano gli scontrini dei loro Rolex. Usano una borsa di Louis Vuitton per tappare il bocchettone dell'allarme antifumo oppure mettono l'iPad sotto a un tavolo per non farlo traballare.
Si divertono a sfoggiare lo spreco (foto).
Prima erano i Rich Kids d'Instagram ora sono i Rich Kids di 'Snapchat' che su Facebook mostrano immagini della loro vita privilegiata fatta di jet e yacht privati, macchine sportive, case lussuose e tanti contanti.
SUPER RICCHI NEMMENO 20ENNI. Tutto è iniziato quando, su Facebook e Instagram, è nato l'account 'Rich Kids'. L'anonimo creatore del profilo (che avrebbe 17 anni) ha iniziato a postare le foto che mostrano la vita da super ricchi di non meglio precisati 20enni britannici (e non solo). Molta ironia e anche il dubbio (impossibile da verificare) che sia tutto uno scherzo.
Certo è che in poco tempo le imprese dei Rich kids sono diventate virali conquistando decine di migliaia di 'like'.
La pagina sarebbe stata creata da un adolescente anonimo che secondo il suo portavoce, è diventato ricco grazie alla finanza, iniziando a 'giocare' in Borsa all'età di 12 anni.
FOTO CONDIVISE ATTRAVERSO SNAPCHAT. Adesso ha deciso di mostrare al mondo la sua ricchezza e ha invitato altri coetanei, super milionari, a condividere con lui i privilegi della vita super lusso inviandoli gli scatti tramite il sevizio di messaggistica istantanea Snapchat.
Come raccontato dal tabloid britannico Daily mail il primo luglio, i Rich Kids si rivolgono ai meno fortunati chiamandoli «contadini».
La pagina Facebook ha oltre 240 mila 'mi piace'. E in America è stato persino realizzato un reality di successo con i Rich Kids di Beverly Hills.

Correlati

Potresti esserti perso