Barnier 140703103123
ECONOMIA 3 Luglio Lug 2014 0830 03 luglio 2014

Barnier: «Tempi non maturi per gli Eurobond»

Il commissario Ue per il Mercato: «La Germania è reticente».

  • ...

Michel Barnier.

Il Commissario europeo per il Mercato interno e i servizi, Michel Barnier, in audizione alla Camera, ha tirato il freno a mano sugli Eurobond. «Non siamo ancora pronti», ha dichiarato, «la situazione non è ancora matura».
Barnier ha parlato di «molte reticenze» da parte della Germania e ha invitato, anche la presidenza di turno dell'Italia, ad accelerare sui project bond. «Il primo progresso», ha detto, «è lanciare i project bond, devono essere accettati e sviluppati, ci permetterebbero di fare molto in termini di investimenti».
«C'È BISOGNO DI FIDUCIA». Per gli Eurobond, «la premessa è che c'è bisogno di fiducia gli uni negli altri e la fiducia non è ancora stata ristabilita completamente», ha concluso.
«Ora», ha continuato, «è urgente prendere iniziative: siamo a un punto di raccordo, è possibile prendere iniziative per la crescita dopo aver ristabilito la stabilità finanziaria».
«CI VUOLE RIGORE». Inoltre, Barnier ha aggiunto: «Non abbiamo la memoria corta, ma penso ci sia una cattiva cartolarizzazione e anche anche una buona. Ci vuole rigore nelle norme per incoraggiarla su basi stabili». Nell'ambito della direttiva Solvency II, ha ricordato, «c'è una definizione di cartolarizzazione di qualità, che permette alle banche di alleggerire il proprio bilancio e concedere crediti».

Correlati

Potresti esserti perso