Mario Draghi 111208154518
CRISI 3 Luglio Lug 2014 1630 03 luglio 2014

Draghi: «Pronti a misure contro bassa inflazione»

Tassi bassi a lungo. Non escluse fusioni o chiusure di banche.

  • ...

Mario Draghi.

La Banca centrale europea ha intenzione di mantenere gli attuali bassi tassi d'interesse «per un periodo prolungato», con una ripresa moderata e di fronte a una bassa inflazione. Lo ha detto il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi.
Ma l'Eurotower è pronta a nuove misure, se necessarie, per combattere un periodo troppo prolungato di bassa inflazione.
«Se dovesse cambiare la nostra valutazione sul'inflazione, useremmo il programma di acquisti su larga scala», ha ribadito l'ex governatore di Bankitalia.
OCCHI SU RISCHI GEOPOLITICI. La Bce «monitorerà con attenzione» le ripercussioni sugli sviluppi geopolitici e quelli del tasso di cambio dell'euro, ha aggiunto Draghi, il quale ha spiegato che i nuovi prestiti a lungo termine alle banche condizionati al credito a famiglie e imprese, i 'Tltro', potrebbero totalizzare 1.000 miliardi di euro.
SFORZI PER RIDURRE IL DEBITO. Il presidente della Bce ha lanciato un appello ai Paesi dell'Eurozona che non devono allentare gli sforzi di aggiustamento dei bilanci, rilanciando la crescita con riforme strutturali e con un consolidamento dei conti favorevole alla crescita. Il rispetto dei patti Ue, ha aggiunto, è fondamentale per abbattere il debito. Inoltre «non si può escludere che vi sia bisogno di fusioni, acquisizioni e chiusure di istituti bancari».
RIUNIONI OGNI SEI SETTIMANE DAL 2015. Infine è previsto che da gennaio 2015 le riunioni della Bce si svolgano ogni sei settimane, dalle quattro attuali, e verranno pubblicati i verbali delle sedute.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso