Borsa 140525224737
MERCATI 4 Luglio Lug 2014 0928 04 luglio 2014

Borsa, Piazza Affari e spread: live del 4 luglio 2014

Milano peggiore di tutta Europa. Mediaset -1,44%, Telecom -1,47%.

  • ...

Operatori in Borsa davanti ai monitor.

Ultima seduta di settimana negativa per Piazza Affari che è stata la peggiore Borsa europea della giornata, appesantita soprattutto dal settore bancario: l'indice Ftse Mib ha perso l'1,49% a 21.559 punti, il Ftse All Share l'1,38% a quota 22.926.
SPREAD A 157 PUNTI BASE. Lo spread tra Btp e Bund ha chiuso a 157 punti base, con un rendimento del decennale italiano stabile al 2,83%.
Dopo il profit warning dell'austriaca Erste Group che ha previsto una perdita netta tra 1,4 e 1,6 miliardi per l'intero anno a causa di maggiori accantonamenti in Ungheria e Romania, vendite anche sui titoli del settore italiani: Ubi ha ceduto il 3,4%, Unicredit il 3,2%, Intesa il 3%.
MALE MEDIASET E TELECOM. Tra i titoli principali di Piazza Affari, Mediaset ha perso l'1,44% in attesa della decisione ufficiale sulla quota nella spagnola Dts, mentre Telecom ha registrato un ribasso finale dell'1,47% dopo un calo in corso di seduta che ha sfiorato il 4% sull'ipotesi di stampa che il governo intenda estendere la 'golden share' agli asset esteri.
PIATTA FINMECCANICA. Poco mosse le ultime arrivate Fineco (-0,7%) e Fincantieri (-0,3%), piatta Finmeccanica, in forte rialzo Yoox, che ha guadagnato il 2,8% dopo il cambio al vertice del management.
Tra i titoli a minore capitalizzazione, gran corsa di Zucchi che è salita del 18% al termine di lunghe sospensioni in asta di volatilità con l'accordo di ristrutturazione del debito divenuto efficace nei giorni passati.
ASIA POSITIVA. Sul fronte asiatico Borse positive, con Tokyo in progresso dello 0,58% e Hong Kong dello 0,13%, con solo alcuni indici sulla parità, dopo i dati sull'occupazione Usa diffusi il 3 luglio e che sembrano dare segnali positivi sulla principale economia mondiale.

16.42 - MILANO DEBOLE: -1,1%. Avvicinandosi alla chiusura Piazza Affari resta la peggiore Borsa di giornata: l'indice Ftse Mib cede l'1,1% appesantito dalle banche dopo il profit warning dell'austriaca Erste Group. Intesa cede il 3,5% e Unicredit il 3,1% mentre tra gli altri titoli principali Yoox sale del 3% dopo il cambio al vertice del management. Tornata la calma su Telecom (-1%) dopo un calo che ha sfiorato il 4% sull'ipotesi di stampa che il governo intenda estendere la 'golden share' agli asset esteri.

15.30 - LISTINI GENERALMENTE PIATTI. Borse generalmente piatte nel giorno di chiusura di Wall street per la festa dell'Indipendenza, deboli Madrid (-0,7%) e soprattutto Milano (Ftse Mib -1%) per i cali nel credito dopo la perdita da 1,6 miliardi accusata dall'austriaca Erste group bank. In Piazza Affari Intesa perde il 3,5%, Unicredit e Ubi il 3%, Mps il 2,8%. Male anche Telecom (-3%) dopo le indiscrezioni secondo le quali il governo starebbe studiando misure che renderebbero difficile l'ipotesi di vendita di Tim Brasil.

12.13 - SI AMPLIANO I CALI. Si ampliano i cali alla Borsa di Milano, con l'indice Ftse Mib in flessione ora dello 0,69%. Pesanti Intesa (-1,96%) e Unicredit (-1,80%), in una giornata pesante per tutte le banche dopo che l'austriaca Erste ha annunciato di attendersi un esercizio in perdita. Va bene Cnh. Tra le matricole, prende fiato Fineco Bank (-0,34%) e si riposiziona sui valori del collocamento Fincantieri (invariata). Mediaset cambia segno e cede ora lo 0,37%. Telecom guadagna lo 0,33%

10.30 - EUROPA NEGATIVA, PIAZZA AFFARI DEBOLE. Le Borse europee sono in calo frazionale, con l'indice Euro Stoxx in flessione dello 0,21%. Milano resta debole e perde ora lo 0,38%. Nel Vecchio continente i cali maggiori si vedono sulle banche (-0,42% il Dj Stoxx), in progresso le tlc (+0,25%) e i media (+0,24%). Tra i movimenti principali, giù del 12% la banca austriaca Erste group bank dopo che ha annunciato di attendersi un esercizio in perdita. EasyJet sale del 2,7% dopo un aumento del 10% nei passeggeri a giugno.

9.34 - MILANO PERDE ANCORA, -0,37%. La Borsa di Milano viaggia in calo frazionale (Ftse Mib -0,37%), tra vendite sulle banche: Unicredit (-1,41%), Intesa (-1,11%), Bper (-0,72%) e Ubi (-0,51%). Eni è invariata ed Enel in flessione dello 0,37% dopo ipotesi di stampa su una cessione di quote del 5% da parte del Tesoro. Telecom non è turbata (+0,05%) dalle ricostruzioni di stampa sulla vendita di Telecom Argentina in bilico. Sale ancora Fineco (+1,20%) e, dopo il debutto al palo, si 'schioda' Fincantieri e sale dello 0,64%.

Correlati

Potresti esserti perso